Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2008

Odio gli indifferenti

Immagine
Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L'indifferenza è abulia, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.L'indifferenza è il peso morto della storia. L'indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l'intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. Tra l'assenteismo e l'indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva; e la massa ignora, perché non se ne preoccupa: e allora sembra sia la fatalità a travolgere t…

Musei cultura contadina Veneto Orientale

Immagine
1 - I Musei Etnografici nel Portogruarese La storia del Veneto Orientale non è mai stata unitaria. Forse l’unica parvenza di omogeneità l’ebbero durante il periodo della centuriazione dell’agro concordiese operata da parte dei legionari romani del I° secolo a.C. La parte meridionale del territorio era dominata dall’ambiente caratteristico delle paludi, e quindi da una vegetazione poco ospitale ove si fondeva il corso disordinato dei fiumi che inondavano i boschi dell’alta pianura. Le vie consolari Postumia ed Annia frattanto collegavano l’agro concordiese ed in particolare l’importante municipia di Concordia alle principali città e fortificazioni del nord. In campagna la vita scorre tranquilla. L’archeologia ci tramanda la presenza di importanti complessi architettonici, le ville rusticae, dove alla fine dell’impero venivano ammassati prodotti agricoli ed importanti tesori come ad esempio quello ritrovato non molti anni or sono a Cinto. Bisogna aspettare la fondazione dell’Abbazia di S…

Emozione

Immagine
Brivido intenso, momento magico; oggi dopo circa 120 giorni dall'amaro 31 Gennaio 2008 ho risentito la voce di mio figlio Federico. Mi ha parlato per telefono, un attimo che per me vale una vita. Da oggi, forse inizia un nuovo cammino, più di una speranza una magnifica realtà.
Sei sole che riscalda il cuore, sei acqua che rinfresca il corpo, sei terra che dà frutti, sei aria che ti rende libero. E' amore per te. Errebi

A mio figlio

Immagine
Il post di Gaz, letto questa sera, mi ha risvegliato la voglia di dedicare dei versi a mio figlio, versi che provengono dal profondo del mio cuore, che danno l'entità di quanto gli voglia profondamente bene. Un rimorso mi prende per quello che non sono mai riuscito a dirgli di persona ma......
Cos'è forse che un padre non farebbe per vedere felice il proprio figlio?Non gli darebbe forse libertà, in tutto, per farlo apprendere da solo quale sia la strada giusta?Non lo correggerebbe a volte duramente mettendolo in guardia di fronte ai pericoli?Non lo sosterrebbe forse nei giorni del dolore e dello sconforto?Non prenderebbe forse per una mano nell'infanzia per spingerlo un giorno per le strade del mondo e trovare il proprio posto, sviluppare la propria indole, scalare i gradini e crescere?Un padre non sta forse un po' nascosto ma con l'occhio attento nei confronti del figlio per tirarlo fuori, se necessario, dai guai?Un padre non si dimentica forse di se, delle sue pre…

Le mille balle blu

Immagine
Detti e contraddetti, bugie e figuracce, promesse e smentite, leggi vergogna e telefonate segrete dell’uomo che da dodici anni prende in giro gli italiani: Napoleone Berlusconi.
È il bugiardo più sincero che ci sia, è il primo a credere alle proprie menzogne. È questo che lo rende così pericoloso. Non ha nessun pudore. Berlusconi non delude mai: quando ti aspetti che dica una scempiaggine, la dice. Ha l’allergia alla verità, una voluttuaria e voluttuosa propensione alle menzogne. “Chiagne e fotte”, dicono a Napoli dei tipi come lui. E si prepara a farlo per cinque anni. Indro Montanelli, 2001

Un partito di Berlusconi non c’è e non ci sarà mai (13-9-1993) Io odio andare in tv (26-1-2006) I give you the salutation of my president of Republic (5-7-2004) Io sono il Gesù Cristo della politica (13-2-2006) Dimezzerò i reati in una legislatura (4-12-2000) Alla Rai non sposterò nemmeno una pianta (29-3-1994) Ho dato mandato irrevocabile di vendere le mie tv (18-3-1995) Sono un grande estimatore del…

I sogni del viandante

Immagine
I sogni dei bambini, come quelli degli adulti, non sono mai tanti, mai troppo piccoli, mai troppo grandi, sono sogni, e basta. Ma anche i sogni non durano per l’eternità, bisogna fare presto per realizzarli.Questi gli strani pensieri che accompagnano il trasognato misterioso viandante, mentre va per città paesi e campagne sotto il carico di una pesante bisaccia.Un giorno, in un’antica città, dove regnava, fino a qualche tempo fa, signore incontrastato, un vecchio saggio dalla memoria lunga, giunse il viandante, trasandato come al solito. In un angolo di quella città, davanti ad un incrocio dalle tante strade e dai tanti semafori, decise, per attraversare indenne quel labirinto, di utilizzare un soprapassaggio pedonale, che lì, da qualche buona anima, era stato collocato. Ma, ahimè, che triste esperienza! Quel lungo corridoio di ferro, chiuso da giganteschi cartelloni pubblicitari, altro non era che un deprimente spazio pericoloso. Rischioso, per mille motivi, soprattutto per i ragazzi…

Fazzoletto bianco per l'Asia

Immagine
Alle 14 e 28 del 19 Maggio 2008 la Cina si è fermata per tre minuti. E per tre giorni osserverà il lutto interrompendo perfino la corsa della contestatissima torcia olimpica. Per ricordare le vittime -71.000 tra morti e dispersi- del terremoto che una settimana fà ha devastato la provincia del Sichuan. In questi sette giorni abbiamo scoperto una Cina diversa che racconta con trasparenza indedita il suo dolore, la corsa affannosa degli aiuti, la generosità dei suoi cittadini. E che per bocca del suo leader, in prima linea di fornte alla tragedia, chiede e ottiene aiuto dagli stranieri. Lunedì forse smossi dall'esempio cinese, dopo 17 giorni di paranoica quanto criminale chiusura al mondo e di cecità di fronte alla tragedia, anche i generali birmani hanno dato piccoli segni di apertura. Than Shwe si è finalmente presentato nelle zone devastate dal ciclone Nargis, dove oggi è atteso Ban Ki-moon. E da ieri anche la Birmania onora le sue vittime (più di 130.000 tra morti e dispersi seco…

Spinea il paese in cui vivo

Immagine
Le prime notizie certe sulla storia più antica del territorio di Spinea risalgono alle tracce lasciate dalla colonizzazione romana, anche se non è da esculdere, per il periodo precedente, la presenza di insediamenti paleo-veneti. Testimonianza dell'impronta romana sul territorio è lo stesso toponimo Spinea, da Spineda o Spineta, derivato dal fatto che in questa zona si intersecavano due graticolati ad orientamento diverso e il tracciato viario veniva ad assumere un andamento a lisca di pesce o spina. Tratti dell'antica centuriazione romana sono ancor oggi riconoscibili nelle attuali vie Luneo, Rossignago, Frassinelli, Asseggiano.L'arrivo dei 'barbari', nel V secolo, mise fine alla civiltà romana, causando la fuga delle popolazioni verso la laguna. Nei secoli si sono, poi, susseguite diverse vicende: all'anarchia feudale, segue, dopo il Mille, la rinascita di alcuni centri della zona, tra cui anche Spinea. In questo periodo storico, centro della vita cittadina è…

Napul'è na carta sporca

Immagine
Napoli ferita dal puzzo maleodeorante delle tonnellate di rifiuti ancora non raccattati dalle strade e, insieme, delle centinaia di roghi e più che nelle giornate di ieri e dell'altro ieri ancora nascevano come funghi un pò ovunque. A onor del vero ieri, nel cuore della città, per terra non c'era nemmeno una cicca di sigaretta. I cassonetti per la raccolta dell'immondizia erano completamente vuoti, come vuoti erano i cestini della spazzatura. Una "retata" dell'azienda speciale dedicata all'igiene ambientale della città, spinta dalle continue insistenze del presidente della regione Bassolino (pare abbia trascorso il week-end al telefono a chiedere di agire), era riuscito già nella notte di sabato a fare un piccolo miracolo. Un lavoro lodevole, ma circoscritto al centro storico. Un lavoro che, a guardare la perifieria e le zone limitrofe, altro non sembra essere che un piccolo cerotto su una ferita senza fondo. Un cerotto messo lì per il Consiglio dei minis…

Kellylee Evans, nata per cantare

Immagine
Ormai è sempre più raro che un ascolto mi faccia sobbalzare dalla sedia, ma questa cantante canadese originaria di Toronto ed abitante ad Ottawa è davvero una forza della natura, quel che si dice “nata per cantare”. Uno stile lucido che spazia dal Jazz al Soul ed al R&Blues. La sua voce è esplosiva, ricca, energetica. Nel 2004 ha vinto il secondo posto al prestigioso concorso “Thelonious Monk International Jazz Vocals”: i giudici di questo concorso l’hanno scelta tra 160 candidati da tutto il mondo. Vincitrice nel 2007 del Canadian Smooth Jazz Award for Female Vocalist of the Year e "nominata" al Gemini ed al Juno awards 2007. Dalla suadente “What about me?”, alla ballata blues “I don’t think I want to know”, alla reggae “Let’s call a truce tonight”, alla poetica “Rapunzel, l’album è davvero un eclettico mix di gioielli saldati insieme dalla ricca espressività e dall’enorme range vocale di Miss Kellylee. "Kellylee is totally a star”: meglio di ogni altra sintesi que…

Domanda aperta

Immagine
Ma perchè abbiamo paura di morire se dopo la morte non soffriremo?

Pensieri nel Vento

Immagine
In una società come la nostra affetta da efficientismo nevrotico, le persone perdono la loro identità, diventano ansiose, superficiali e poco disponibili, la creatività va gradualmente scemando e si va sempre più affermando il livellamento sulla mediocrità. Pochi di noi sanno sottrarsi a questa “mutazione”. Sarebbe forse opportuno dedicare qualche momento all’ozio, al dolce far niente per rinvigorire sia il corpo, sia lo spirito. E che importa se Dante ci ha condannati, Leopardi, in compagnia di un discreto numero di pensatori ha invece sublimato questa spiccata tendenza a vagheggiare.

Ecco alcune citazioni…..

…….che fanno riflettere.
I momenti di ozio sono intervalli di lucidità nei disordini della vita.
(Ambrose Bierce)

L’ozio è il padre di tutti i vizi, ma il vizio è il padre di tutte le arti.
(Paul Morand)

L’ozio è il principio di tutti i vizi, il coronamento di tutte le virtù.
(Franz Kafka)

Stare in ozio richiede un forte senso di identità personale.
(Robert Louis Stevenson)

Il non fare nul…

Frasi di'Amicizia

Immagine
Non piangere per me che parto, pensa che se domani piove me ne sono andato a cercare il Sole.
Jim Morrison

Ripensandoci (31/01/2008)

Immagine
Ormai sono passati 105 giorni da quel maledetto giorno che ha deciso della Tua vita senza stare a sentire le due persone che veramente ti hanno voluto bene da quando sei venuto al mondo, ti vogliono bene e te ne vorranno sempre di più in futuro. Bene, mi spiace che quel giorno senza cuore non possa leggere quello che andrò a scrivere ora. Molto spesso nell'arco della giornata il mio pensiero è rivolto a Federico e come succede in molti casi mi vengono alla mente parole che non gli ho mai detto sia per mia negligenza che forse per mio pudore. Mi viene più facile scrivere le mie emozioni, i miei sentimenti e le mie paure che esternarli a parole, quindi......... Grazie Federico di cio che sei stato, che sarai e che mi fai essere. Grazie delle tue qualità e della tua abilità, che mi arricchiscono e mi fanno gustare momenti di grande soddisfazione, persino di orgoglio. Grazie delle tue imperfezioni, che mi costringono a non essere superbo e a non illudermi che mio figlio sia più bravo, …

Purificazione

Immagine
Il Capo della Chiesa cattolica, nel suo viaggio negli Stati Uniti, ha voluto dare visibilità al grave problema della pedofilia: gli abusi sessuali sui bambini da parte di preti pedofili. Il crimine commesso è efferato. Giusto chiedere il perdono, implorare la purificazione delle proprie colpe. Le sentenze, finora emesse dai tribunali statunitensi, hanno condannato la Chiesa cattolica ad un risarcimento di oltre due miliardi di dollari. Fà riflettere, il risalto dato, solo dopo tanto tempo, al crimine perpetrato. Di certo, senza ricorrere a precetti scientifici, o a norme igienico sanitare, vietare il naturale congiungimento carnale agli esseri umani, maschi o femmine che siano, è contrario alla natura umana. Gli effetti sono devastanti, sempre deleteri nel fisico e nella mente di chi subisce tale ingiusta menomazione. Il problema c'era, c'è, ci sarà. I rimedi sono semplici e naturali, consentire a chi non ha la forza di soffocare tale naturale insopprimibile istinto, di poterlo…

Considerazioni dopo il voto

Immagine
Dopo la recente competizione politica che nell'esito elettorale del 13 e 14 aprile 2008 ha riportato alla guida del Paese una coalizione neo-liberista, per sua natura non avrà una specifica propensione a risolvere compiutamente i problemi dei lavoratori e dei pensionati. Si ha comunque la necessità di conoscere le proposte sulle quali il nuovo governo caratterizzerà la sua azione a favore delle famiglie e dei ceti meno abbienti. I cittadini hanno bisogno di capire e valutare gli impegni (dovranno essere tutti effettivamente esigibili) da parte di coloro che sono stati chiamati a guidare democraticamente il Paese. Purtroppo non si sono ancora sopite alcune strumentali voci che hanno reso incandenscente la campagna elettroale e che prospettano una drammatica situazione, nella quale sarebbero prevalenti, secondo queste cassandre, furberie, ruberie e criminalità, dando così al nostro Paese un'immagine di inaffidabilità internazionale, di insicurezza e di incertezza: tali atteggiam…

Balcon fiorio a Venessia

Immagine
Con questa poesia immagino di aver abitato a Venezia e di aver avete un balcone fiorito che guardava in rio.

El balcon de la me cusina el vardava in zo in rio da tanti fiori che el aveva el pareva un giardin fiorio. El gaveva geranei de rosa pastelo e i Iris de un blù intenso e belo che el pareva quelo che xe de sera in cielo. Un piter co l'edera se pusava su el scuro el se rampegava fin su par el muro. 'Na cheba co el canarin dentro serà no la me dava consolassion fra mi disevo : megio morto che serà in preson. Da 'sto balcon vardavo le case co i muri da e piere consumae dove ghe andava dentro e fora pantegane indafarae. Par far deventar 'sto rio più belo butavo zo dal balcon pan pianelo 'na scianta de ogio, de quelo de cusina che se me gavesse visto mia mama la me gavaria dà 'na papina butarlo via cussi, co quelo che el costava gera proprio 'na carognata ma 'sto ogio su l'acqua fasseva vegnir ben tuti i colori de l'arcobalen. Da puteo passavo le ore in contemplassion …

Dove era Dio ad Auschwitz

Immagine
Shoa'
Una volta un imbianchino di nome Adolf Hitler, disse, in una birreria: "Se un giorno andro' al potere, la prima cosa che faro' sara' distruggere il popolo ebraico"
Alcuni anni dopo, l'imbianchino ando' al potere, e mise in moto una macchina che assassino' i nove decimi del popolo ebraico in Europa.
Questo assassinio di massa si chiama, in ebraico, Shoa'. Avvenne durante la Seconda Guerra mondiale, nello Scorso millennio.
In quella guerra morirono circa 50 milioni di esseri umani. Milione piu', Milione meno.
Olocausto: sacrificio supremo nell'ambito di una dedizione totale a motivi sacri o superiori"; "Sacrificio alla divinità, in cui la vittima veniva interamente arsa". Così il Devoto-Oli, e definizioni analoghe si leggono su tutti i principali dizionari. Alcuni di essi, però, hanno recentemente aggiunto un altro significato: "Olocausto" come strage degli ebrei operata dal regime nazista. Che cos'hanno a …

Poesia per la pace

Immagine
Ci sono cose da fare ogni giorno: lavarsi, studiare, giocare, preparare la tavola a mezzogiorno. Ci sono cose da far di notte: chiudere gli occhi, dormire, avere sogni da sognare, orecchie per sentire. Ci sono cose da non fare mai. Né di giorno né di notte, né per mare, né per terra: per esempio, la guerra. Gianni Rodari

Perchè non sono cristiano

Immagine
Un libero pensatore contro i dogmi e le rinunce: Bertrand Russell."...
Penso che tutte le grandi religioni del mondo: buddismo, induismo, cristianesimo, islamismo e comunismo, siano, a un tempo, false e dannose. A rigor di logica, poiché contrastano fra loro, non più di una dovrebbe essere quella vera. Con pochissime eccezioni, la religione che l'uomo accetta é la stessa professata dalla comunità dove vive, sicché é l'influenza dell'ambiente che lo spinge ad accettarla....Una cosa é chiedersi se una religione é vera, altra se é utile. Io sono fermamente convinto che le religioni, come sono dannose, così sono false.
Bertrand Russell.
Riporto questa frase tratta dalla prefazione del libro "Perché non sono cristiano" del filosofo inglese Bertrand Russell, perché mi sembra di estrema attualità in queste ore di polemica e di scontro tra due grandi religioni mondiali quali appunto l'islamismo e il cristianesimo. Ho sempre sostenuto che fintanto che le religioni …

Immagina

Immagine
A tutti quelli che lanciano anatemi in nome di chissà quali verità celesti, ma soprattutto a tutti quelli che credono a questi messaggi invito a riflettere sulla condizione "terrestre" e quindi reale dell'uomo.La canzone "Imagine" di John Lennon, qui tradotta in italiano, vuole rappresentare e descrivere questa realtà.
Immagina non ci sia il Paradiso prova, è facile Nessun inferno sotto i piedi Sopra di noi solo il Cielo Immagina che la gente viva al presente... Immagina non ci siano paesi non è difficile Niente per cui uccidere e morire e nessuna religione Immagina che tutti vivano la loro vita in pace... Puoi dire che sono un sognatore ma non sono il solo Spero che ti unirai anche tu un giorno e che il mondo diventi uno... Immagina un mondo senza possessi mi chiedo se ci riesci senza necessità di avidità o rabbia La fratellanza tra gli uomini Immagina tutta le gente condividere il mondo intero...
John Lennon

Il miglior amico dell'uomo

Immagine
Tanto e tanto tempo fa… quando l’uomo non era stato ancora creato, Dio, dopo aver creato gli animali, decise di dare ad ognuno un compito all’interno del Creato: “Nulla potrà dirsi essere stato fatto per caso, e nessuno dovrà sentirsi inutile nel mondo che io ho creato…”. Per fare questo decise di radunare intorno a sé tutti gli animali che fino a quel momento popolavano il Creato, e trascorrere con loro i due anni successivi, per valutare i loro pregi, i loro difetti, le loro predisposizioni.
Ben presto Egli si accorse che due anni era un tempo anche fin troppo lungo, e dopo un anno e mezzo, in un prato sconfinato, iniziò ad assegnare a ciascuno il proprio compito. Vennero chiamati tutti, ad uno ad uno, in modo che nessuno si sentisse escluso, e a tutti venne dato un compito diverso, ma egualmente importante e dignitoso.
Per ultimo Dio chiamò il Cane, e, ad esso, disse: “Caro cane, anzi, Caro amico mio, mi sei stato fedele in quest’anno, hai avuto attenzione per ogni mio bisogno: quand…

La maledizione dell'Inter

Immagine
I nerazzurri sbagliano un'altra occasione per aggiudicarsi lo scudetto. E tra gli sfottò della Rete sorge il dubbio che possano perdere di nuovo il titolo all'ultima giornata. Tu che ne pensi?

Bufera su che " tempo che fà "

Immagine

Cucina e cultura

Immagine
I pellegrini che da ogni parte d’Europa giungevano a Venezia nel periodo dell’Ascensione (la “Festa della Sensa”) per imbarcarsi verso la Terra Santa, restavano stupefatti dalla quantità e dalla varietà di mercanzie che si potevano trovare in questa città d’acqua.Dalle loro cronache traspare l’ammirazione per il buon governo che garantiva una così grande prosperità, rilevabile sia dai fornitissimi mercati, sia dai depositi quale i granai di Terranova ed il Fontego del megio.
L’approvvigionamento della farina giustificava le progressive conquiste della terraferma che in breve tempo vedrà Venezia come la “regina di terra e di mare”.La conquista dell’oriente porta Venezia ad impossessarsi della via delle spezie, imponendole sui mercati degli attuali paesi europei.Ritroviamo un impiego quotidiano, quasi acquisito, di molti prodotti di origine orientale, nella fattispecie di spezie: zenzero, cannella, noce moscata, cardamomo, zucchero, ecc...; il loro utilizzo secondo le caratteristiche tip…

Venezia insolita

Immagine
Multietnica, coacervo di storie e culture, di lingue e di religioni è la storia di Venezia dove per lungo tempo hanno trovato accoglienza popolazioni provenienti da ogni luogo, che hanno contribuito alla crescita culturale e artistica della città lagunare; città che, ad esempio, diede agli ebrei diritto “ al libero, quieto, imperturbabile esercizio de' riti e della lor religione e per essi e per i propri figli”, e nella quale si sentivano parlare il tedesco, lo yiddish, il turco, il portoghese, lo spagnolo, il greco… Proprio a questa Venezia insolita, almeno rispetto ai consueti percorsi storici e artistici, è dedicata l'iniziativa proposta ai soci: una escursione di un giorno attraverso alcune tra le maggiori componenti etniche e culturali della città, in un percorso che approfondisce il tema delle minoranze presenti a Venezia nei secoli della Serenissima Repubblica, e che evidenzia in particolare l'apporto storico della comunità greca, armena ed ebraica. Si parte così da…

Filosofando

Immagine
E’ necessaria la felicità per stare bene?
Cos’è la felicitá?
E l’armonia?
E’ proprio vero il panta rei?
Il vuoto e il nulla sono la stessa cosa?
E’ giusto vivere nel presente o proiettati nel futuro, in quello che da ancora da venire?
… potrei continuare cosí all’infinito.
Quante volte mi fermo e soffermo a riflettere, a pensare a cause, effetti… origini, possibilitá.
La mia è una mera pseudo-“filosofia”, ma mi piace confrontarmi con pensieri altrui, anche e soprattutto, su questi temi.
Solo nel dialogo, nella discussione si ampliano le proprie convinzioni o semplici idee che, volenti o nolenti sono e rimarranno sempre limitate.
Più ci si confronta con altri, più ci si rende conto di quanto poco si sá e questo… é sempre bene ricordarselo.
Errebi

L'albero degli amici

Immagine
L'Albero degli amici

Esistono persone nelle nostre vite che ci rendono felici per il semplice caso di avere incrociato il nostro cammino. Alcuni percorrono il cammino al nostro fianco, vedendo molte lune passare, gli altri li vediamo appena tra un passo e l'altro. Tutti li chiamiamo amici e ce sono di molti tipi. Talvolta ciascuna foglia di un albero rappresenta uno dei nostri amici. Il primo che nasce è il nostro amico Papà e la nostra amica Mamma, che ci mostrano cosa è la vita. Dopo vengono gli amici Fratelli, con i quali dividiamo il nostro spazio affinché possano fiorire come noi. Conosciamo tutta la famiglia delle foglie che rispettiamo e a cui auguriamo ogni bene. Ma il destino ci presenta altri amici i quali non sapevamo avrebbero incrociato il nostro cammino. Molti di loro li chiamiamo amici dell'anima, del cuore. Sono sinceri, sono veri. Sanno quando non stiamo bene, sanno cosa ci fa felici. E alle volte uno di questi amici dell'anima si installa nel nostro cu…

Gli anni 80 - I Protagonisti delle Cronache (1985)

Immagine
Bob Geldof fà scoprire il potere della musica
Negli anni 70 era diventato famoso con i Boomtown rats, con la canzone "I don't like mondays". Poi, era stato il protagonista del visionario "Pink Floyd - the wall" di Alan Parker. Ma è con l'organizzazione di un concerto che Bob Geldof diventa uno degli uomini più famosi della Terra. Il concerto è "Live aid", si tiene il 13 luglio in contemporanea a Londra e Philadelphia, e vede sul palco i più importanti cantanti dell'epoca, che di fronte a una platea televisiva di oltre un miliardo e mezzo di spettatori, si esibiscono per la nobile causa di aiutare le popolazioni colpite dalla carestia nel Corno d'Africa. Si alternano sui due palchi Crosby, Stills, Nash e Young, Sting, i Dire Straits, i Queen, Joan Baez, David Bowie, Mick Jagger, Eric Clapton, gli U2, i Beach boys, Santana, Elton John, Madonna, i Led Zeppelin con Phil Collins alla batteria, Bob Dylan, gli Who, e decine di altri numeri uno, ol…