Post

Errebi

Ottobre 2017 nasceva Errebi il mio blog. Mancavano tre mesi all'incidente di mio figlio. Sono volati 10 anni. Posso tranquillamente dire che Errebi, nel primo periodo dopo l'incidente mi ha aiutato molto. Quando è nato Errebi non pensavo durasse così tanto. Da quella nascita le cose sono molto cambiate. Di blog in rete ce ne sono tanti, e molti anche ben fatti. Io stesso non sono più il blogger che scriveva la quotidianità di mio figlio. Da allora di cose ne sono successe più brutte, che belle, e anche se posto quasi giornalmente mi sto accorgendo di avere sempre meno da dire e di conseguenza di non sentirmi obbligato a scrivere se non mi va o fare i salti mortali per non postare imbecillità. Dunque, gradatamente, meglio un post in meno, ma che sia interessante. Andrò avanti ma penso di alleggerire anche se dentro di me c'è ancora il blogger del periodo da gennaio 2008 in poi. Vedremo il tempo è spesso puntuale nel farci capire molte cose in ritardo.

Esplode lo spettacolo. I tramonti

Sapete, è geniale questa cosa che i giorni finiscono. È un sistema geniale, i giorni e poi le notti. E di nuovo i giorni. Sembra scontato, ma c'è del genio. E là dove la natura decide di collocare i propri limiti, esplode lo spettacolo. I tramonti. Alessandro Baricco

Smarrire il senso delle proporzioni

Tutti preferiamo la parte dei critici, dei giudici severi, dei risentiti. Ma se non si vuole smarrire il senso delle proporzioni, insieme al contro occorre vedere anche il pro, senza paura. Cesare Mannucci

E' come un voto il silenzio

“Difficile è il silenzio. Esso presuppone pazienza, costanza, testardaggine; e soprattutto si confronta con il giorno-dopo-giorno della nostra vita, i giorniche ci restano, uno dopo l’altro, lunghi davvero nelle loro piccole ore, è come un voto, è di cristallo, un niente lo può rompere, e il suo nemico è il tempo.”
Antonio Tabucchi

Elvis Presley Thats Alright (Mama)

Immagine

Sognare di notte e di giorno

Tutti gli uomini sognano.
Ma non tutti sognano allo stesso modo.
Quelli che sognano di notte, nei polverosi
recessi della loro mente,
si risvegliano al mattino per scoprire che
i loro sogni sono svaniti.
Ma quelli che sognano di giorno
sono uomini pericolosi;
essi infatti inseguono i propri sogni
ad occhi aperti, e fanno sì che si avverino. Thomas Edward Lawrence