Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2010

Fbc Unione Venezia : La società arancioneroverde reclama...Este-Venezia rinviata

Immagine
Este-Venezia oggi non si gioca. Il prefetto di Padova ha emesso un'ordinanza di chiusura dello stadio comunale di Este per motivi di ordini pubblico. La Lega Nazionale Dilettanti si era già adoperata, fin da Lunedì scorso, affinchè la società atestina trovasse un impianto alternativo dove disputare come da programma il match di cartello dell'ottava giornata di ritorno. Tutto ciò non è bastato ad evitare l'ordinanza di chiusura, giunta venerdì, dopo che la stessa Lega aveva illuso circa il regolare svolgimento del derby rendendo noto il nome dell'arbitro che avrebbe dovuto dirigerlo. Il testo della motivazione che ha spinto la prefettura di Padova ad optare per lo stop riferisce di temuti contrasti tra le due tifoserie, tanto da far ritenere inutile anche l'eventuale "porte chiuse", nonchè l'inadeguatezza strutturale dell'impianto atestino da non consentire una effettiva separazione delle due tifoserie. E' assodato comunque che l'Este sapev…

Dedicato

Immagine
Parole che descrivono alla perfezione l'ipocrisia. Sono sicuro che, leggendola, un bel esame di coscienza, qualcuno se lo deve per forza fare. C'è dentro tutto, non manca nulla. La sostanza dell'essere ipocrita o...del non essere perchè la loro vita è...unicamente ipocrisia.
Ipocrisia Ha mille fattezze la tua sincerità Come caleidoscopio ti proietti verso la luce mostrando sfaccettature di colori mai leali Non ha rivali la tua ipocrisia Policromatica la tua sostanza Nel tuo armadio maschere su maschere da indossare per ogni occasione Agghindi il tuo fare di sterile perbenismo Il tuo dire di parole melense Stucchevoli le tue lodi no, grazie non ne ho bisogno Preferisco una critica sincera che un finto complimento http://www.goccedipoesia.it

Prescrizione

Immagine
Anteprima Mio figlio torna a casa da scuola e mi comunica che ha preso un bel due. La notizia non mi fà certamente piacere ma mi dice anche di non preoccuparmi più di tanto, è appena inziato l'anno scolastico, il tempo vola quindi...tutto si prescrive. Ma come...hai violato le regole ma con il tempo la punizione si cancella ? Il fatto "Mi consenta" Sono profondamente indignato dopo aver letto certi titoli di quotidiani : "Mills, corruzione si ma reato in prescrizione". Alla fine, chi può permetterselo, si salva sempre. Possono pagare degli "azzeccagarbugli" che con i loro giochetti legali dimostrano si che c'è stata la violazione ma...qualche settimana prima della fine del primo quadrimestre. E così grazie ai soliti escamotage i soli noti non pagano. Certo la sentenza non cancella il reato e questa resta una condanna per il "psiconano" ma...tra una condanna morale e una penale, almeno per me, c'è una bella differenza.

Gli anni delle superiori

Immagine
Istituto Tecnico L.Sanudo - Venezia -
Che belli gli anni delle superiori ! E' passato un bel pò di tempo , eppure , quando ci ripenso , un pò ne sento la mancanza , una nostalgia mi invade e mi porta a pensare che quelli erano anni davvero, quando avevo l'età adatta a sognare ed illudermi. Il lunedì mattina si parlava di calcio , di quello che si era fatto alla domenica ma non solo. Si parlava di musica era il tempo di " Il mio canto libero ", di manifestazioni di protesta, di conquiste sociali e di idee nuove e positive. Poi alla fine queste idee hanno lasciato il tempo che trovano ma, almeno se ne parlava. Paragonandole alle "chiacchiere" dei giovani d'oggi ci rimango malissimo...argomenti di discussione come il "grande fratello", "l'isola dei famosi", "i raccomandati" e tanti altri simboli delle idee giovanili d'oggi mi danno, purtroppo, la conferma di come sono ancora illuso ed ignorante della realtà !!!

Ho imparato a sognare

Immagine
Si sono susseguite stagioni e anni, tutto è volato via a velocità impressionante…eppure continuo a SOGNARE. But am still dreamingHo imparato a sognare, che non ero bambino che non ero neanche un' età Quando un giorno di scuola mi durava una vita e il mio mondo finiva un po là Tra quel prete palloso che ci dava da fare e il pallone che andava come fosse a motore C'era chi era incapace a sognare e chi sognava già Ho imparato a sognare e ho iniziato a sperare che chi c'ha avere avrà ho imparato a sognare quando un sogno è un cannone, che se sogni ne ammazzi metà Quando inizi a capire che sei solo e in mutande quando inizi a capire che tutto è più grande C' era chi era incapace a sognare e chi sognava già
Tra una botta che prendo e una botta che dò tra un amico che perdo e un amico che avrò che se cado una volta una volta cadrò e da terra, da lì m'alzerò
C'è che ormai che ho imparato a sognare non smetterò
Ho imparato a sognare, quando inizi a scoprire che ogni so…

Malika Ayane

Immagine
Se mi metto a cantare non riesco ad infilare due note intonate di seguito. Ho sempre fatto tanta fatica in tanti “sanremi” fischiettare solo l’inizio di una canzone in concorso. In realtà non è che seguissi la manifestazione canora ma alla conclusione della stessa prima o poi ti beccavi una canzone alla radio e così venivo a conoscenza della “non musica” che ogni anno ti propina questa kermesse culturale. Come ogni festival non può mancare il cosiddetto vincitore morale e quest’anno la consolatoria palma, a mio personale giudizio, se l’è aggiudicata sicuramente Malika Ayane. Distrattamente ho sentito la sua canzone che mi ha subito colpito a tal punto che ho acquistato il suo ultimo album “Grovigli”. Firme importanti come Paolo Conte, Pacifico, Cesare Cremonini hanno partecipato alla realizzazione del cd. Paolo Conte da sempre estimatore della voce di Malika da lui stesso definita del colore “ arancione scuro che sa di spezia amara e rara” duetta con la cantante in “Little Brown Bear”…

Mio figlio Federico...un disabile

Immagine
Oggi parliamo un po’ dei “diversamente abili” come mio figlio Federico. Federico è diventato disabile all’incirca due anni fa dopo un incidente motociclistico dove è stato più di la che di qua. Forse solo chi vive in prima persona quest’esperienza può veramente capire il suo profondo significato. Si parla tanto di abbattere le barriere non capendo che le vere barriere non sono quelle architettoniche ma quelle della indifferenza e della mancata integrazione sociale perché essere “disabile” vuol dire essere “NULLA”. E’ sacrosantamente vero che i nostri amministratori si dimenticano di chi non è più abile ma viene chiamato “diversamente abile”. Un invalido totale come mio figlio Federico percepisce euro 480 al mese. Federico è invalido totale permanente per tutte le 24 ore della giornata e non dalle 8 alle 10 del mattino come nell’orario di reperibilità per la visita medica fiscale quindi suddividendo questa cifra per 30 giorni, percepisce 16 euro al giorno, che suddivise ulteriormente p…

Fbc Unione Venezia : Arancioneroverdi protagonisti di una grande rimonta

Immagine
Tamai-Venezia 1-2 Campionato Nazionale Serie D Girone C - 26 Giornata - Il leone alato ha preso il volo. Il Venezia sbanca il campo quasi inespugnabile di Tamai e tocca con mano il sogno playoff agganciando proprio in classifica lo stesso Tamai. Ora con il recupero della 25 giornata, con una vittoria contro il Belluno, la formazione lagunare è virtualmente terza in classifica. La squadra ha ottenuto una vittoria meravigliosa, assemblando le migliori qualità richieste ad una squadra di calcio e sudata dal primo al novantaquattresimo minuto di gioco. Al termine della partita gli ultras lagunari gridavano il nome dell'allenatore lagunare Favaretto. La gara non è stata bellissima da vedere ma si e portato a casa una vittoria in un momento importantissimo. La marcia del Venezia nel girone di ritorno è dirompente e viene da pensare che sia finalmente avvenuto l'adattamento dei singoli alla categoria inferiore. La squadra era tutta nuova ed a volte mancava di cinismo e cattiveria. Ora…

Non c'è nessuno veramente a posto

Immagine
Per lavoro il pranzo di mezzogiorno lo consumo sempre fuori casa. Snack bar, trattoria, ristorante, pizzeria ed essendo solo il più delle volte leggo il giornale altre,mi capita di scambiare quattro chiacchiere con altre persone. Ultimamente in una trattoria molto affollata non avendo tempo di aspettare che si liberasse un tavolo ho pranzato in compagnia di un camionista. Dopo un pò che ero seduto ha incominciato a parlarmi e mi è rimasta impressa nella memoria una sua frase : " Sono stanco di vivere.Al mondo non c'è nessuno veramente a posto...non credo ne valga la pena. Ci ho riflettuto un pò sopra e...che non valga la pena di vivere beh...su questo non sono proprio d'accordo...ma sul fatto che su questo benedetto mondo non ci sia nessuno veramente a posto...beh...su questo sono pienamente d'accordo. Se sapesse, pensavo tra me e me, potevo parlargli tutto il pomeriggio se ne avesse avuto voglia , dei "veramente a posto" che hanno fatto parte della drammatic…

...l'importante è vivere la propria vita

Immagine
Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere cosi come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita prima che l'opera finisca senza applausi... Charlie Chaplin

L'occhio del Sultano di Arcore

Immagine
Terremoto in Abruzzo : "Andrò a l'Aquila per tutta l'estate 2009 per constatare tempi e modalità della costruzione". Per nostra fortuna tutto era sotto controllo dell'occhio del padrone che vigila. Visto il lauto banchetto affaristico che sta emergendo è l'unica profezia in cui ci ha azzeccato. Eppoi cosa volete sono tutti dei birbantelli, così li definisce il psiconano, quei personaggi che si stanno ingrassando sulle disgrazie degli altri !!! Dal mio punto di vista io li chiamerei DELINQUENTI. Ed ora avanti a tutta forza con la crociata moralizzatrice i sondaggi allarmano il premier. "Uno, due, tre,quattro o cinque birbanti che approfittano della loro posizione rappresentano fatti personali che rientrano nelle statistiche " predelcons

Meno male

Immagine
Eccovi il testo sanremese della canzone di Simone Cristicchi. Sembra che il pezzo abbia fatto infuriare nientepopòdimenoche la first lady francese Carla Bruni. Io trovo il pezzo perfetto nel suo descrivere il nostro "povero" paese. Una fotografia della nostra attualità non priva di quella provocatoria critica sociologica che è parte di Cristicchi.
La gente non ha voglia di pensare cose negative La gente vuol godersi in pace le vacanze estive Ci siamo rotti il pacco di sentire che va tutto male Della valanga di brutte notizie al telegiornale C’è – l’Italia paese di Santi Pochi idraulici e troppe badanti C’è – l’Italia paese della Libertè Egalitè e del Gioca Giuè! C’è – l’Italia s’è desta ma Dipende dai punti di vista C’è la crisi mondiale che avanza E i terremoti ancora in vacanza Ma meno male che c’è Carla Bruni Siamo fatti così – Sarkonò Sarkosì Che bella Carla Bruni Se si parla di te il problema non c’è Io rido… io rido… Ambarabaciccicoccò soldi e coca sul comò! C’è l’Italia dei video ric…

E' veramente la volta che Bettino si rivolta nella tomba

Immagine
Tutto come in quel lontano 1992 con il primo arresto di Mario Chiesa. Siamo alla dimostrazione che il sistema delle tangenti è peggio di 18 anni fa. “Mani Pulite” in Italia non è ancora finita. Mi fà male dirlo ma possiamo tranquillamente affermare che la corruzione non ha mai smesso di inquinare la nostra vita politica e civile. Bertolaso indagato passa in secondo piano dopo l’arresto, in flagranza di reato, del consigliere comunale di Milano, Mirko Pennisi (Pdl), si è fatto beccare mentre intascava da un imprenditore una mazzetta da 5000 euro. Certamente siamo convinti (Sig.) Pennini che è stato il generoso imprenditore ha offrirsi spontaneamente e lei come avrebbe potuto fargli un torto così grande nel rifiutare la generosa mazzetta ? Il Governo ora si prepara a stralciare il decreto legge sulla cosiddetta Protezione Civile SpA dopo che lo stesso era stato emanato d’urgenza…paura forse degli altarini ? A questo punto teniamoci pure Bertolaso e il suo “sistema” che realizzava rapida…

Rami spogli

Immagine
A volte mi succede…sono seduto e guardo la finestra. Vedo il giardino di casa mia, l’automobile parcheggiata, una fila di alberi, i lampioni qualcuno che grida da lontano e la mia mente pensa. Siamo arrivati fin qui, mi dico, non abbiamo ancora metabolizzato il cambiamento…dopo ventisette anni è un po’ difficile. Mi guardo attorno : i mobili sono gli stessi, ci hanno seguito e come loro ci ha seguito tutto quello che abbiamo lasciato dall’altra parte. E’ strano non è stato così difficile è stato più difficile comprendere il comportamento degli “altri” da fuori di testa. Eppure…si eppure cosa dovevamo fare mia moglie ed io strapparci i capelli, urlare come matti, correre e gridare la nostra disperazione. Le immagini mi scorrono davanti agli occhi come fossero presente e…quanta falsa partecipazione, quanta assenza totale. Mi sorprendo ancora anche se era esattamente quello che mi aspettavo, un apparenza colorita, un albero di natale plastificato, un assenza grigia questo…niente di più. …

Scritte sui muri

Immagine

Risacca

Immagine
Rinviamo continuamente l'istante in cui non ci incontreremo in nessun luogo. Nel frattempo ridiamo molte volte di tante cose della nostra vita, e a volte piangiamo soli,di nascosto per ciò che non ritornerà più. Titos Patrikios (Atene 1928)

Andando per calli e campielli

Immagine
Liberamente tratto da http://www.veneziasi.it/it/curiopsità-venezia.html
Per chì è "foresto" cioè non è di Venezia oppure viene per la prima volta a Venezia è bene informarlo che andando in giro per la città può capitare di "sentir parlar" molti dialetti ma di certo sentirete sempre parlare il "cantilenante dialetto veneziano". Da tener presente che molte parole che si usano nel dialetto veneziano servono esclusivamente ad indicare cose che esistono solo a Venezia. Mi è venuto lo "sghiribisso" di farvene conoscere qualcuna...le più chiamiamole usate e perchè no le più colorite.

Andar in gringoa...mettersi eleganti tirarsi a lucido Articioco...carciofo Bateo...vaporetto Becher...macellaio Biavarol...venditore di generi alimentari Bisato...anguilla Caegher...calzolaio Caigo...nebbia fitta Ciacolar...chiacchere Ciapar la bea...andersene via nel mezzo di una situazione imbarazzante o delicata Copi...tegole dei tetti Fritoin...rosticciere Folpo...polipo Fortagia..…

Sono Guido...risolvo problemi

Immagine
“ Che ci sia una categoria di persone pagata con i soldi dei contribuenti che si esercita a perseguitare con processi sempre e comunque infondati è un male italiano che mi sento di denunciare “ il predelcons
Giorgio Bertolaso è indagato per corruzione e gli uffici della protezione civile perquisiti. Il commento del nostro “ahimè” predelcons è sopra riportato. Il “piccolo servitore dello Stato” come si era definito lo stesso Bertolaso al momento di accettare l’incarico, nel 2001, si è dimesso. Le dimissioni erano già comunque sul tavolo del premier già dal 2001 consegnate da Bertolaso che era “pronto a farsi da parte quando sarebbe stato il momento”. Preveggenza…o gioco d’azzardo ? Il sultano di Arcore non ha, naturalmente, accettato le dimissioni…aspettiamoci a breve tempo un altro “lodo” che permetta di salvare i suoi burattini.

Englaro...un anno dopo

Immagine
Il padre “Se il premier l’avesse vista forse non direbbe queste cose” Berlusconi "La sua fine poteva essere evitata..."
E ancora… “Carissime sorelle, è trascorso ormai un anno dalla scomparsa di Eluana Englaro. Vorrei ricordarla con voi e condividere il rammarico e il dolore per non aver potuto evitare la sua morte” Un passaggio della lett. del predelcons Berlusconi.“Se il presidente avesse accettato l’invito forse non avrebbe scritto le cose che ha scritto oggi. Si sarebbe reso conto di ciò che la medicina può creare,una condizione che non esiste in natura e che è solo lo sbocco senza uscita di una serie di terapie” il papà di EluanaPer mio conto non posso che essere pienamente d’accordo con Beppino Englaro. Mia moglie ed io avremo fatto lo stesso con nostro figlio Federico vittima due anni fa di un incidente stradale ma…non avremo mai aspettato diciassette lunghi anni per decidere cosa fare. Provate a pensare cosa può passare per la testa a dei genitori nel momento in cui, com…

Ode a Berlusconi

Immagine
Caligola fece senatore un cavallo noi Italiani abbiamo fatto premier un somaro.Mi chiedo spesso come è mai possibile meritarci un tal governo. D'altronde considerando che molti milioni di nostri connazionali hanno preferito la scheda bianca o non presentarsi alle urne evidentemente, purtroppo, non esiste un'alternativa seria dall'altra parte. Siamo l'Italia...di Berlusconi, Dell'Utri e Mussolini perchè mai ci stupiamo così tanto ? L'elezzione del Presidente Un giorno tutti quanti l'animali Sottomessi ar lavoro Decisero d'elegge un Presidente Che je guardasse l'interessi loro. C'era la Società de li Majali, La Società der Toro, Er Circolo der Basto e de la Soma, La Lega indipendente fra li Somari residenti a Roma; C'era la Fratellanza de li Gatti Soriani, de li Cani, De li Cavalli senza vetturini, La Lega fra le Vacche, Bovi e affini... Tutti pijorno parte a l'adunanza. Un Somarello, che pe' l'ambizzione De fasse elegge' s'era messo a…

Vivere...ma solo d'apparenza

Immagine
C'è chi nella propria vita è pieno di crepe e spaccature che nessuna "malta" riescirà mai a e a saldare. A ben guardare nessuna crepa si vede ma essa lavora nel profondo allargandosi sempre di più come un cancro che ti distrugge lentamente. E quel che si vede non è altro che "vuota apparenza"

Crepe Tutti le abbiamo sono tutte intorno Alcune sono visibili da lontano altre non affiorano mai. Io le vedo chiaramente, i miei occhi abituati al crepuscolo vedono anche troppo. Crepe nell'umanità e nella compassione vuota cortesia e cose del genere. Non so perchè si formino queste spaccature ? Pare derivino da stupidità e crudeltà Sento che sto precipitando mentre la guardo formarsi con i miei occhi crepuscolari. Mi aggrappo al bordo della crepa sotto di me fuoco, sopra la tristezza. Ma le mie braccie sono forti ho degli amici come voi Karl Ellen Guillen

Osare e pentirsi ? O rimpiangere un rimorso ?

Immagine
Meglio pentirsi di ciò che si è fatto che pentirsi di ciò che non si è mai fatto ? Sono dell’idea che se non osi non vivi e se non ci sbatti la testa e non provi non potrai mai sapere come possano andare le cose…che ci voglia coraggio ? Nella vita preferisco metabolizzare un rimpianto che un rimorso…La partita della vitaQuando l’arbitro fischierà la fine della dura partita che hai giocato non sarà essenziale il risultato. Quel che è fatto è fatto e non ci sarà più tempo per il tuo riscatto. Ciò che darà però significato alla fatica che hai accumulato sarà la convinzione vera di esserti donato, completamente, senza economia. Si può vincere o perdere per un rimbalzo strano, per una coincidenza, per un’incomprensione. Ma la vittoria vera è aver giocato, esserci stato, aver detta la tua, esserti sporcato, ed anche aver sbagliato, con l’onestà di rimettersi in gioco e con la forza per ricominciare. Pietro Log

Fbc Unione Venezia : Contro il fanalino di coda si vince con una rete al 91'

Immagine
Venezia-Montecchio 2-1 Campionato Nazionale Serie D Girone C - 23 Giornata - Il Venezia riesce a portare a termine l'operazione Montecchio e a piegare la cenerentola della serie D non senza sudare un bel pò e soprattutto tremare non poco. Decide la fortuna più che l'esperienza, in un match che ha riservato poche emozioni e tanti sbadigli, nel quale la differenza di trenta punti in classifica non si è vista nemmeno per un minuto. Il Montecchio non fà cose strepitose. Contiene gli arancioneroverdi e si ripropone senza però riuscire ad imbastire grandi trame di gioco e soprattutto senza essere in grado di creare pericoli alla porta difesa da Caverzan. Il momento più intenso del match è quello della chiusura, alla faccia di chi lascia sempre lo stadio una manciata di minuti prima : una ingenuità della difesa lagunare che l'arbitro punisce con il rigore porta al pareggio i vicentini esattamente allo scadere della seconda frazione di gioco. Giro di lancette e Collauto pennella un…

Quante volte ci riconosciamo in questo modo di vedere la vita ?

Immagine
Ma che film la vita Grazie a mia madre per avermi messo al mondo A mio padre semplice e profondo grazie agli amici per la loro comprensione ai giorni felici della mia generazione grazie alle ragazze a tutte le ragazze
Grazie alla neve bianca e abbondante a quella nebbia densa ed avvolgente grazie al tuono,pioggia e temporali al sole caldo che guarisce tutti i mali grazie alle stagioni a tutte le stagioni
Ma che film la vita tutta una tirata storia infinita a ritmo serrato da stare senza fiato Ma che film la vita tutta una sorpresa attore,spettatore tra gioia e dolore tra il buio ed il colore.
Grazie alle mani che mi hanno aiutato a queste gambe che mi hanno portato grazie alla voce che canta i miei pensieri al cuore capace di nuovi desideri grazie alle emozioni, a tutte le emozioni.
Ma che film la vita tutta una tirata storia infinita a ritmo serrato da stare senza fiato Ma che film la vita tutta una sorpresa attore,spettatore tra gioia e dolore tra il buio ed il colore. Nomadi

Brunetta...penso sia proprio il caso di riaprire i manicomi

Immagine
Non finisce più di stupirmi il "nano di Venezia". Ora ha preso di mira l'art.18. A suo dire protegge i padri e non i figli. Bene...se il problema è questo soluzione migliore non c'è estendere i "privilegi" dei padri ai figli. Oppure il suo scopo è quello di trasformare il mondo del lavoro in una giungla rendendoci tutti più deboli e ricattabili ? Lei, probabilmente forse non sà che l'art.18 "è una norma che vieta il licenziamento senza giusta causa, è una norma di civiltà del lavoro più che mai valida in questo periodo di crisi che nulla a che fare con il presunto "ipergarantismo" (Epifani). Le chiedo una buona volta di semtterla di sparare "cazzate" sono personalmente stanco di essere considerato uno stupido...

Vivevamo senza paura

Immagine
Sono stati chiamati, sbagliando "pellerossa" o "indiani", invece come si definiscono loro, sono " I veri americani ". Un errore l'averli chiamati indiani commesso da Cristoforo Colombo che nel 1492 sbarcando in un isola dei Caraibi, convinto di aver raggiunto le Indie, fu il primo a chiamarli così. Questi indiani nomadi cacciavano negli sterminati spazi della prateria soprattutto bisonti da cui ricavavano tutto il necessario per vivere. La penetrazione dei bianchi nei loro territori comportò una caccia spietata a questo animale che diminuirono drasticamente e rischiarono di estinguersi. Di conseguenza anche il popolo pellerossa iniziò ad estinguersi ed il colpo fatale venne loro dato dagli eserciti americano e inglese che pur di espandersi all'interno del Nord America non esitarono a cacciarli dalle loro proprietà e dalle loro terre compiendo veri e propri massacri senza risparmiare nessuno. Annientati attraverso uno spietato genocidio. Oggi gli…