Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Mercato #11

Un altro giovane in arrivo a Venezia. Dopo St.Clair e Vrioni, in giornata il direttore sportivo Valentino Angeloni ha chiuso bruciando lo Spezia con un blitz la trattativa per Jacopo Segre, centrocampista del Torino e lo scorso anno a Piacenza. Angeloni non considera Segre il sostituto di Stulac, nonostante Segre abbia fatto anche il vertice basso e l’intenzione sembra quello di impiegarlo da mezzala

Angeloni, le piace il paragone con Monchi? «Molto, perché penso di aver un modo di operare molto simile al suo, con le dovute proporzioni. Ci ho parlato al telefono qualche volta, conosco bene i suoi collaboratori e vorrei fare per Venezia quello che ha fatto lui a Siviglia prima e a Roma adesso». I ruoli non sono proprio gli stessi ma lo scozzese Harvey St Clair può essere il nuovo Cengiz Under? «Quando Monchi prese Under gli telefonai per fargli i complimenti. Chi conosce il calcio internazionale aveva capito subito la portata di quell’operazione. E infatti i frutti sono arrivati. St Clair ancora non ci credo di essere riuscito a portarlo a Venezia… Il primo anno potrebbe essere di transizione, mi aspetto la sua esplosione nella stagione successiva» Un vantaggio: ha trovato un gruppo consolidato, che va ritoccato e non stravolto. «Indubbiamente. Non serviranno rivoluzioni e le cessioni, come quella di Stulac al Parma, avverranno solo a determinate condizioni. Il gruppo ha ottenuto la semifinale playoff e la scelta di Stefano Vecchi in panchina è stata condivisa con il presidente Tacopina». A proposito. Com’è il suo rapporto con lui? «Ottimo, proprio perché parliamo e condividiamo. Alla fine lui mi dice “decici tu” sotto il profilo tecnico, ma ogni scelta viene ponderata e ragionata assieme». Se diciamo che la cosa più complicata sono le cessioni cosa risponde? «Che non siamo lontani dalla realtà. In questi anni Tacopina ha impiegato tanto anche a livello di risorse economiche e ci sono giocatori con stipendi elevati che hanno mercato solo in serie C. Non sarà facile riequilibrare i costi, anche perché molti sono fuori lista. E bisognerà lavorare fino all’ultimo giorno per trovare una soluzione».
Che Venezia prende in mano Angeloni in vista della prossima stagione? «Un Venezia che si sta costruendo passo dopo passo un grande futuro. Il grandissimo lavoro che è stato fatto da chi mi ha preceduto parla da sé, non c’è molto da dire. Ora bisogna proseguirlo, semplicemente aggiustando e limando qualche particolare. E poi si potrà togliersi ancora soddisfazioni».

Sembra poter saltare l’accordo con il difensore del Genoa Luigi Carillo, il quale sembrava prossimo a mettere la firma per il trasferimento in prestito a Venezia. Pare infatti che il Pescara si sia fatto avanti in maniera molto decisa per il centrale classe 1996, guadagnando la pole position nella trattativa. Per quanto riguarda il reparto offensivo, il ds Angeloni ha in programma un incontro con Francesco Di Mariano, attaccante classe 1996 in forza al Novara (37 presenze e 3 reti lo scorso anno) con il quale è previsto un contatto durante questa settimana, che potrebbe permettere alla trattativa di accelerare.


Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea