Passa ai contenuti principali

Venezia FC: La supercoppa di Lega Pro va al Foggia. Il sogno triplete se ne va

Venezia-Foggia 2-4- Triangolare Supercoppa di Lega Pro
Conclusa ieri la stagione allo stadio Penzo con l'ultimo incontro valevole per la designazione della squadra vincitrice della Supercoppa di Lega e, sconfitta arrivata dalla squadra avversaria, il Foggia per 4-2, che cancella il sogno triplete per gli arancioneroverdi.
I lagunari hanno avuto il modo di confrontarsi con quello che sarà un futuro avversario, e Inzaghi lo sa bene, queste le sue parole alla vigilia del match: “Il Foggia è, insieme al Parma, la squadra più forte che affrontiamo quest’anno: sarà un antipasto di Serie B.”
La gara mostra fin da subito che i contendenti fanno sul serio, guidati dalla stessa voglia di vincere che ha permesso loro di fronteggiarsi nell’ultimo scontro legato alla Lega Pro. Il Foggia imposta un gioco aggressivo, fatto di buon possesso palla a metà campo per poi cercare gli attaccanti con filtranti precisi: i veneziani non sono però da meno. Al 12’ Marsura va vicinissimo al vantaggio, che Guarna riesce ad evitare compiendo un miracolo tra i suoi pali e replicandosi su Moreo appena tre minuti più tardi. Al 19’ arriva la rete del 0-1, Vicario si fa sorprendere da Deli, che insacca. Il raddoppio richiede ai pugliesi poco meno di 10 minuti, Vacca riceve palla e libera un diagonale preciso sul secondo palo. La reazioni dei padroni di casa non si fa attendere: al secondo corner in rapida successione Geijo trova l’incornata vincente, accorciando così le distanze. I gol segnati riflettono una lotta fino a qui ad armi pari, fatta di occasioni da entrambi i lati e di un ritmo di gioco intensissimo. A due minuti dallo scadere del primo tempo Mazzeo realizza l’1-3,nuovamente riagganciato a due minuti dall’inizio della ripresa, segna Domizzi.
Apertosi con un gol che destabilizza le certezze degli avversari, il secondo tempo si fa, se possibile, ancora più aggressivo e combattuto del primo: il direttore di gara estrae tre cartellini gialli nel giro di venti minuti e gli allenatori iniziano ad aggiustare le formazioni. Al 76’ i tifosi ospiti esultano per quello che sembra il 4-2 della vittoria, ma la doppietta di Deli viene annullata per fuorigioco. La situazione si complica notevolmente due minuti più tardi, quando Geijo si procura un’espulsione diretta lasciando i compagni in 10. Il contraccolpo psicologico punisce immediatamente i padroni di casa, al 80’ Deli segna di nuovo, questa volta regolarmente, sancendo così il definitivo risultato della partita.
La stagione arancioneroverde finisce con il triplice fischio dell’arbitro: merito degli arancioneroverdi è di aver provato a ribaltare il risultato lungo tutto il corso dei 94 minuti, subendo infine una sconfitta che riflette le straordinarie doti del Foggia, ma che pure evidenzia grinta e qualità, indispensabili per il futuro veneziano.

Tabellino:
Venezia-Foggia 2-4
Reti: pt. 19' Deli (FG), 28' Vacca (FG), 34' Gejio (VE), st. 2' Domizzi (VE), 35' Deli (FG), 42' Mazzeo (FG)
Arbitro: Armando Ranaldi di Tivoli

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines