Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Siamo la squadra più forte del girone (Tacopina) e...complimenti a Inzaghi

«Che partita, mi sembrava di essere sulle montagne russe. Mai vissuto così tante emozioni in una sola gara da quando sono arrivato nel calcio italiano, sensazioni diverse da un minuto all’altro, fino all’apoteosi finale». Joe Tacopina ha seguito la partita del Venezia a Parma da New York, in streaming, e sono serviti alcuni minuti al fischio finale per riprendersi dalla scarica di adrenalina provocata dai gol di Moreo e di Domizzi, che hanno rovesciato in 120” il risultato del Tardini. «Ho sofferto in modo incredibile, fino all’ultimo secondo, ma queste sono le sensazioni meravigliose che a volte ti regala il calcio. Un finale incredibile, pazzesco» dice il presidente al telefono da New York». Quelle vittorie che valgono molto di più dei tre punti aggiunti in classifica, che aumentano autostima e fiducia, aprendo invece pericolosi squarci nella psiche degli avversari. Una vittoria che lancia in orbita il Venezia, ottenuta sul campo di una delle pretendenti più ambiziose alla promozione, il Parma, che ormai pensava di avere dato scacco matto alla squadra di Pippo Inzaghi. «Il primo tempo non mi è piaciuto, ma la reazione nella ripresa è stata eccezionale» osserva il presidente «se tutte le partite finiscono così, passa in secondo piano anche la prima parte dell’incontro. Alla resa dei conti, conta il risultato, e il Venezia è ritornato a casa con tre punti preziosissimi. La forza, la determinazione, dimostrati nel secondo tempo ci porteranno molto in alto». Tacopina, poi, si sofferma su Filippo Inzaghi. «Ci sono allenatori che rimangono cristallizzati su uno schema, vanno avanti su una strada, a prescindere se i risultati sono positivi o negativi. Inzaghi è stato eccezionale, ha cambiato modulo in partita, ha corretto in corsa il modo di stare in campo del Venezia e i risultati si sono vinti. Dico solo un nome: l’inserimento di Marsura. Da quel momento si è vista un’altra partita, un’altra squadra. Un grande Venezia, un grande allenatore, giocatori straordinari nell’applicazione, nella volontà di non arrendersi mai. Nemmeno quando è stato raggiunto il pareggio». Le partite con Reggiana e Parma rappresentavano un bel banco di prova per il Venezia, trovandosi di fronte due tra le pretendenti più accreditate a contendere agli arancioneroverdi la promozione in serie B. Troppo presto per formulare giudizi dopo il pareggio con la Reggiana e il blitz di Parma? «No, non è troppo presto. Il Venezia è una squadra fortissima» garantisce Joe Tacopina, «più forte degli avversari, ma le vittorie si conquistano sul campo e non sulla carta. La Reggiana è una squadra forte, il Parma anche, ma pure il Mantova si era dimostrata un’ottima formazione. Se noi riusciamo a esprimere tutte le nostre potenzialità, siamo la squadra più forte del girone».
(Fonte: La Nuova Venezia)

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines