Passa ai contenuti principali

Venezia FC: A Castelfranco gli arancioneroverdi ne segnano sei

Giorgione-Venezia 0-6 Campionato Nazionale Serie D Girone C -18^ Giornata-
E’ un bellissimo Venezia quello che in ieri 13 dicembre ha sidato a Castelfranco il Giorgione Calcio. La squadra è stata sicura, compatta concedendo ben poco agli avversari. Il primo tempo è stato all’insegna dell’attacco e del pressing, Vicario non viene mai realmente chiamato in causa. Al 29’ il gol di Innocenti rompe l’equilibrio anche se con maggior precisione sotto porta il primo tempo sarebbe potuto finire con più di un gol di scarto.
Inizia la seconda frazione di gara, passano 4 minuti ed è già raddoppio: questa volta sul listino marcatori dell’arbitro ci finisce il capitano degli arancioneroverdi, Soligo, che trafigge Bevilacqua per il momentaneo 0-2. Lo 0-3 arriva appena cinque minuti più tardi su calcio di rigore. Carbonaro viene atterrato in area, Serafini si incarica della battuta e segna con un rasoterra preciso alla sinistra del portiere. Dopo il terzo gol entrambe le formazioni subiscono qualche mutamento, quello più azzeccato è ad opera di mr. Favarin che al 72' toglie Innocenti (salutato da cori e applausi) ed entra Gualdi. Al centrocampista arancioneroverde bastano tre minuti per calare il poker sull’inerme Giorgione grazie all’assist di Acquadro. Ma non è ancora finita, perché gli arancioneroverdi continuano con il pressing alto e i biancorossi subiscono il trauma psicologico della vagonata di gol subiti. Acquadro serve un’ottima palla a Serafini, il senatore controlla e mette in mezzo per Carbonaro che a soli 2 minuti dal quarto gol sigla lo 0-5. Contro un Giorgione che sembra non giochi più arriva anche il sesto gol, segna ancora Carbonaro (81’)

Tabellini
Giorgione-Venezia 0-6
Reti: 29^pt. Innocenti(VE), 49^st. Soligo (VE), 54^st. Serafini (VE) su cr., 75^ Gualdi (VE), 77^ Carbonaro (VE), 81^ Carbonaro (VE)
Arbitro: Sig. Eduard Pashuku

Classifica prime posizioni
CAMPODARSEGO 44
Venezia 41
Este 33
Virtus Vecomp 31
Belluno 31

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines