Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Il Venezia sogna

Un progetto importante, con un management di primo livello e tanta voglia di far parte del calcio dei grandi. Il Venezia sogna, con Tacopina al timone e Giorgio Perinetti dietro la scrivania. Per Tacopina, dopo Roma e Bologna è il terzo club italiano. "Progetti diversi", dice il presidente del Venezia a TuttoMercatoWeb.
In che senso?
"La Roma è un grande club, il Bologna è andato in serie A e c'è un progetto differente. Mentre a Venezia c'è grande interesse per il calcio, ripartiamo dalla D pensando al futuro. Con la voglia di fare bene".
Presidente, dove vuole arrivare con il Venezia?
"Vogliamo fare le cose per bene. Ora siamo in serie D, ma la società è di primo piano e c'è tutto per fare cose importanti".
Sognando la serie A.
"Non è un sogno".
Ah no?
"No. È una realtà possibile in pochi anni. Giorgio Perinetti è un grande dirigente: Roma, Napoli, Palermo, Siena, la carriera parla per lui e possiamo fare cose importanti insieme".
Il suo ex Bologna fatica...
"Non ci ho capito niente. Davvero. La squadra è forte, ha giocatori importanti. Da Destro a Masina fino ad Oikonomu. Una situazione strana, non c'è spiegazione. Mi dispiace, veramente. La situazione del Bologna mi rende triste e spero che la squadra si riprenda presto".

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines