Passa ai contenuti principali

FBC Unione Venezia: Ritorno alla vittoria [ripubblicazione post del 08/12/2010]

Venezia-Montebelluna 1-0 – Campionato Nazionale Serie D Girone C – 15^ Giornata
Dopo la sconfitta nel derby contro il Treviso (post del 20 Novembre 2010, la prima sconfitta casalinga contro il Rovigo (0-1, il pareggio contro il Tamai (3-3) gli arancioneroverdi ritornano alla vittoria contro la formazione trevigiana del Montebelluna e si insediano in solitaria in testa alla classifica del girone D. Con questa sono tre partite che non seguo la squadra, Treviso per ordine del questore nessun tifoso veneziano poteva essere presente allo stadio, in casa con il Rovigo per il brutto tempo, in trasferta a Tamai perché quasi mai sono presente agli incontri fuori casa e ultimo contro il Montebelluna per mancanza di tempo. Quindi, il resoconto di quest’ultima partita, è preso in prestito dagli amici di http://www.vesport.it/newsvisualizza.asp?ID=15832 che ringrazio per la loro disponibilità.
Una vittoria in dieci uomini (per quasi tutto il secondo tempo) che vuole dire tante cose. Che l'Unione Venezia ha ritrovato tutta La sua carica, se mai l’avesse persa.Che ora la classifica rivede gli arancioneroverdi nuovamente in vetta avendo scavalcato il Treviso, fermato sul pari interno dal Tamai. Che il gruppo può contare su altri giocatori, oltre ai soliti.Non è stata una grandissima partita, ma una partita difficile da vincere, complicata ancor più da una assurda espulsione di Cardin per una doppia ammonizione incomprensibile. Ma alla quale ha risposto la squadra non impiegandoci nemmeno un minuto, visto che Zubin, con rabbia e con forza, è andato immediatamente al gol decisivo proprio mentre si infuocavano gli spalti.
E il resto dell'incontro è stato totalmente in mano ai lagunari, nonostante l'inferiorità numerica che non ha creato imbarazzo alcuno.
Venezia-Montebelluna 1-0
Reti: 9 st Zubin (UV)
Classifica Serie D -Giorne C - "prime cinque posizioni
Unione Venezia 31
Treviso 30
Rovigo 30
ChioggiaSottomarina 25
Tamai 24


Sanvitese 24

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea