Bella e perduta...L'Italia del Risorgimento

Dal 1796 al 1870 vi è stato un tempo della nostra storia nel quali molti italiani non hanno avuto paura della libertà, l'hanno cercata e hanno dato la vita per realizzare il sogno della nazione divenuta patria. E' stato il tempo del Risorgimento quando la libertà significava verità. Anzitutto sentirsi partecipi di una Italia comune, non dell'Italia dei setti Stati, ostili tra loro e strettamente sorvegliati da potenze straniere. La conquista della libertà "italiana" è stata la rivendicazione dell'unità culturale, storica, ideale di un popolo per secoli interdetto e separato, l'affermazione della sua indipendenza politica, la fine delle molte subalternità alla Chiesa del potere temporale, l'ingresso nell'Europa moderna delle Costituzioni, dei diritti dell'uomo e del cittadino, del senso della giustizia e del valore dell'eguaglianza ereditati dalla rivoluzione francese.
Lucio Villari

Questo resta l'orizzonte storico insormontabile della nostra identità nazionale e del nostro Stato democratico

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

dal libro "Marcovaldo"

A Napoli

Buongiorno mondo