Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Stasera Venezia-Lecce

Sono 23 i giocatori del Venezia che prenderanno parte al match in programma domani sera contro il Lecce, con calcio d’inizio alle ore 21.
Questa la lista completa:
  • 1 Facchin
  • 3 Bruscagin
  • 4 Fornasier
  • 5 Coppolaro
  • 7 Bentivoglio
  • 8 Suciu
  • 11 St Clair
  • 12 Vicario
  • 13 Modolo
  • 14 Pinato
  • 15 Zennaro
  • 16 Besea
  • 17 Mazan
  • 18 Segre
  • 21 Schiavone
  • 22 Lezzerini
  • 23 Lombardi
  • 25 Cernuto
  • 26 Garofalo
  • 27 Zampano
  • 28 Citro
  • 30 Bocalon
  • 32 Vrioni
  • Un Venezia che cerca ancora la sua identità in classifica. «Tornando in arancioneroverde – spiega Bocalon – ho realizzato il mio sogno, ora però bisogna passare ai fatti e tutti abbiamo una grande voglia di rialzarci, non c’è tempo per le emozioni. Ci teniamo a dare la svolta, a fare una bella figura davanti alla nostra gente, dietro di noi corrono e servono i punti subito contro il Lecce».
  • Sabato Bocalon ha conosciuto di persona Joe Tacopina. «Sono felice di essere un suo giocatore, rispetto a 5 anni fa sono cambiate tante cose, in primis la categoria riconquistata da una società che sta dando tanto come risultati e a livello organizzativo. Qui c’è un grande senso di appartenenza, il Venezia non è come le altre squadre per il contatto quotidiano che c’è con la gente. Il presidente è molto carismatico, ha dato impronta importante e la sta migliorando sempre più. Se mi ha chiesto un gol contro il Lecce? No, ma credo fosse sottinteso. A Benevento all’86’ ho avuto un buon pallone, defilato e non pulitissimo, a volte calci peggio e fai gol. Oggi contano solo i punti per aiutarci nella sosta a preparare il tour de force. Gli arbitri? Pensiamo solo a dare il tutto per tutto».
  • https://www.trivenetogoal.it/category/squadre/venezia/

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea