Passa ai contenuti principali

Venezia FC:Mercato #13

Il direttore sportivo del Venezia Valentino Angeloni fa il punto sulle operazioni di mercato concluse e quelle in via di definizione: “Schiavone? Direi che ormai ci siamo, penso sia soltanto una questione di ore. Per l’inizio del ritiro dovrebbe essere con noi. Di Mariano? Ci stiamo avvicinando, i colloqui continuano, vediamo se a breve succede qualcosa, ma fino alla firma…”

Marco Pinato non si sbilancia sul suo futuro, ma scherza: “Ero a Formentera, ho visto Inzaghi ma credetemi non so nulla e lascio fare tutto al mio agente. Eravamo tutti là. Di mercato non parlo, so che stanno parlando, ma fa tutto il mio procuratore. Sono contento di ricominciare, ho parlato un po’ con Vecchi prima dell’allenamento e penso che ci sia molto entusiasmo per questo nuovo corso. Adesso andiamo in ritiro per il momento più importante della stagione, dove si gettano le basi per il campionato e per quello che faremo da qui in avanti. Adesso penso solo al campo, le vacanze sono finite”.

Giacomo Vrioni si presenta, nel suo primo giorno di Venezia: “Quando è arrivata l’offerta del Venezia non ci ho pensato due volte ad accettare. Conoscevo Segre dalla Primavera e Pinato che ho trovato quando mi sono fatto male al ginocchio. Sono un attaccate tecnico e spero di vedere ancor meglio la porta di quanto ho fatto l’anno scorso, quando ho segnato 10 gol ma potevo farne anche di più. Il problema è che ne ho sbagliato qualcuno di troppo. Per me è una grande opportunità e spero di sfruttarla nel modo migliore”.

Luca Lezzerini, classe 1995, nell’ultima stagione ad Avellino, è entrato nel mirino del Venezia. Il portiere cresciuto nella Fiorentina è molto ben conosciuto da Angeloni, che lo ha visto muovere i primi passi in Viola. Il direttore sportivo ha definito oggi “fantacalcio” il possibile arrivo di Matteo Ardemagni

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea