Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Mercato e raduno

Si riuniranno lunedì 9 luglio alle ore 17.00, al Centro Sportivo Taliercio, i ragazzi che saranno a disposizione del tecnico Stefano Vecchi per il ritiro estivo che si svolgerà dall’11 al 25 luglio nella località di Bedollo nell’altopiano di Pinè.
Ad oggi i ragazzi a disposizione del tecnico arancioneroverde sono 26. Lunedí 9 luglio effettueranno una prima sessione di allenamento al centro sportivo del club alle 18, mentre nella mattinata di martedì 10 luglio i giocatori saranno a disposizione dello staff tecnico per una serie di test atletici. La mattina di mercoledì 11 luglio la squadra lascerà Mestre per raggiungere la località del ritiro dove già nel pomeriggio è previsto il primo allenamento.
Di seguito l’elenco non definitivo dei convocati, che non comprende Caccavallo, Tortori, Fabris e Malomo, ma che include Facchin e Signori, pure sul piede di partenza
Portieri: Davide Facchin (1987), Danilo Russo (1988), Guglielmo Vicario (1996).
Difensori: Matteo Bruscagin(1989), Francesco Cernuto (1992), Mauro Coppolaro (1997), Maurizio Domizzi (1980), Agostino Garofalo (1984), Marco Modolo (1989), Giuseppe Zampano (1993), Sinisa Andelkovic (1986)
Centrocampisti: Simone Bentivoglio (1985), Marco Pinato (1995), Gianni Fabiano (1984), Marcello Falzerano (1991), Jacopo Segre (1997), Francesco Signori (1988), Sergio Suciu (1990).
Attaccanti: Alexandre Geijo Pazos (1982), Gianluca Litteri (1988), Davide Marsura (1994), Gianmarco Zigoni (1991), Harvey St Clair (1998).
Vengono aggregati al ritiro anche quattro giocatori della primavera: il difensore Emanuele Cigagna (1999), i centrocampisti Filippo Serena (1999), Mattia Zennaro (2000) e l’attaccante Domenico Rossi (2000).
VENEZIA 2018-2019
Acquisti: St.Clair a (svincolato), Pederzoli c (Piacenza), Caccavallo a (Catania), Malomo d (Vicenza), Facchin p (Reggiana), Tortori a (Carrarese), Acquadro c (Triestina), Fabris c (Padova), Pellicanò d (AlbinoLeffe), Signori c (Ternana), Vrioni a (Sampdoria), Schiavone c (Cesena), Coppolaro d (Udinese)
Cessioni:Soligo c (fine contratto), Audero p (Juventus), Frey d (Chievo), Firenze a (Crotone), Stulac c (Parma)
Trattative:Moncini a (Cesena), Vido a (Atalanta), Cherubin d (Verona)
Oggi così (3-5-2): Vicario; Andelkovic, Modolo, Domizzi; Bruscagin, Falzerano, SCHIAVONE, Pinato, Garofalo; Litteri, Geijo. All. VECCHI

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea