Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Conferme dal mercato e intervista a mister Vecchi

Tutto confermato. Giacomo Vrioni è un giocatore del Venezia: “Il Venezia FC – si legge in una nota – comunica di aver trovato l’accordo con la società U.C. Sampdoria per il prestito temporaneo fino al 30.06.2019 dell’attaccante classe ’98 Giacomo Vrioni. Giacomo Vrioni questa sera sarà a disposizone di mister Stefano Vecchi per il primo allenamento stagionale in programma alle ore 18 al Centro Sportivo Taliercio”

Stefano Vecchi parla nel primo giorno di raduno al Taliercio del nuovo Venezia: “Credo in quello che è stato fatto sino a questo momento, che ha portato risultati importanti. Il modulo? Credo nel 3-5-2, che personalmente ho già utilizzato e che penso utilizzerò ancora. Crediamo di aver allestito un buon organico, molti obiettivi sono già stati raggiunti. Abbiamo inserito elementi giovani in un organico già collaudato. I regolamenti impongono di formare la rosa fra under e over, abbiamo cercato di seguire una traccia ben definita. So bene cosa ha fatto Inzaghi qui sia in Lega Pro, sia in Serie B, io penso di seguire la sua traccia e trovo già un percorso segnato che ha portato a una promozione e a una semifinale playoff. Il lavoro in ritiro verrà fatto come sempre ho fatto, partiremo dal 3-5-2 e poi magari modificheremo strada facendo. Partiremo da qui e poi valuteremo. Dalla Primavera dell’Inter credo non arriverà nessuno. Per i portieri vogliamo valutare quelli che abbiamo, poi faremo altre valutazioni. Davanti abbiamo preso Vrioni e per ora credo che siamo a posto così. Schiavone? Ci siamo quasi, lo aspettiamo per l’inizio del ritiro. Migliorelli è fra i terzini sinistri più bravi della Primavera della passata stagione, Coppolaro è un prospetto interessante dell’Udinese, Segre è un ragazzo di grande fisicità e grande corsa, cresciuto nel Milan e andati avanti nel Torino, Vrioni può fare sia la prima punta che la punta esterna. Segre lo vedo mezzala, Schiavone aspettiamo che arrivi e ha dimostrato di avere valori importanti nella categoria e non dimentichiamo Bentivoglio che rappresenta una certezza

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea