Passa ai contenuti principali

E.... Peppe Aprea salva il Venezia [ripubblicazione post del 20-10-2008]

Lega Pro 1^ Divisione
Venezia -Lumezzane 1-1
Gol:pt7^ Momentè (Ve) ,pt26^Calliari (Lu)

Venezia : Aprea-Semenzato-Lebran-Galuppo-Anderson-Bono-Ruffini-Collauto-Momentè-Ibekwe-Malatesta-Corradi
Lumezzane : Gazzola-Nicoli-Pisacane-Chiecchi-PiniCalliari-Coletto-Ciasca-Pintori-Scaglia-Dal Rio
Un'altra prestazione sottotono del Venezia, un'altra grandissima prova del super-portiere lagunare Peppe Aprea.
La squadra di Michele Serena non riesce ad andare oltre il pareggio (1-1) al Penzo contro il Lumezzane e nel finale rischia anche di capitolare, ridotta in dieci dall'espulsione di Malatesta (per una gomitata ad un avversario).
Dimenticato il bel gioco delle prime uscite, il Venezia nelle ultime due gare (nel derby di Padova e ieri) ha proposto un'immagine un pò sbiadita sia a livello tattico sia sul piano caratteriale.
Ieri in particolare nulla ha girato per il verso giusto e il pallino del gioco spesso se lo sono trovati a disposizione i bresciani che hanno così collezionato l'ennesimo pareggio, restando imbattuti.
Il Venezia non ha fatto molto per sbloccare la gara e altrettanto va detto di un avversario che in più,però, ci ha messo determinazione e scelta opportuna di tempo e situazioni, tant'è che è riuscito a creare un numero ben maggiore di situazioni pericolose e avrebbe potuto vincere la partita senza sollevare troppi mugugni.
Fortuna per il Venezia che Aprea è tornato il ragno nero che era prima dell'incidente della scora stagione, anzi ancora più attento e tempestivo in ogni intervento, più deciso ed esperto nel guidare da dietro la difesa, nello scegliere il momento giusto in cui rischiare.
E adesso il Venezia è atteso da due trasferte consecutive: la prima a Novara, per niente facile.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea