Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Conferenza stampa di Maurizio Domizzi


Giornata di conferenze stampa, quella di oggi a Venezia, dove Maurizio Domizzi ha espresso le sue motivazioni sulla conferma per un altro anno come capitano arancioneroverde: “Sono molto contento che un ragazzino di nome Domizzi – spiega in un videomessaggio il presidente Joe Tacopina – continui con noi. Ci vediamo in ritiro!”. Valentino Angeloni spiega: “Maurizio si è preso qualche giorno di tempo per riflettere, anche per ragioni familiari, ma la nostra volontà è sempre stata quella di andare avanti con lui. Per noi era molto importante anche come figura di riferimento dentro lo spogliatoio. Lo ringraziamo per aver completato questo rinnovo importante e siamo felici che sia ancora il nostro capitano”. Domizzi spiega: “Ci sono state una serie di circostanze che hanno creato una quindicina di giorni di stallo, legate ai playoff e anche al cambio nell’area tecnica, sia a livello di allenatore che a livello di direttore sportivo. Non ho mai pensato di smettere, ma di sicuro il fatto che il Venezia mi abbia fatto sentire importante e questa è stata la cosa fondamentale. Sarà bellissimo

ritrovare Giampiero Pinzi, a costo di minacciare gli allenatori ci siamo detti che dovremo giocare quella partita. Gli ho mandato un messaggio anche due giorni fa, siamo stati compagni di squadra e siamo come fratelli, sono felicissimo di ritrovarlo in un derby come Venezia – Padova a cui i nostri tifosi tengono moltissimo. Credo che ci sarà una continuità rispetto alla passata stagione, io penso che abbiamo dimostrato di essere una squadra con un gruppo straordinario, che viveva malissimo ogni sconfitta e che aveva una mentalità che ci ha portato a giocarci la Serie A. Questo parte dagli uomini, come qualità credo che abbiamo tanti ragazzi di valore e che non ci sarà bisogna di stravolgere la squadra. L’autogol di Palermo? Per come sono caratterialmente, mi piacerebbe riuscire a smettere con un campionato di ottimo livello, non vivacchiando e trascinandomi. Vecchi l’ho sentito, ci ho parlato e vedremo cosa porterà di nuovo, perché qualche modifica verrà fatta, ma non verranno fatti stravolgimenti rispetto allo scorso anno. La cosa più bella è stata trovare tifosi che alle due di notte ci hanno aspettato a Palermo per applaudirci e questa è una cosa che ci rende orgogliosi”

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea