Passa ai contenuti principali

Venezia beffato [ripubblicazione post del 06-10-2008]

Lega Pro Prima Divisione
Venezia-Pro Patria 0-2
Venezia : Aprea-Semenzato-Lebran-Galuppo-Anderson-Draschek-Bono-Rebecca-Collauto-Poggi-Malatesta
Pro Patria : Anania-Music-Pisani-Urbano-Barjie-Cristiano-Zappacosta-Melara-Correa-Toledo-Fofanà
Gol st 17^ Toledo, 39 Fofanà
Ancora una volta il Venezia gioca bene - si vede negato un rigore, colpisce un palo, crea molte occasioni da gol - dimostra di aver trovato una dimensione adatta alla categoria sotto la guida di Michele Serena e si dimostra capace di ovviare anche ai cali di rendimento di qualcuno o alle difficoltà di inserimento di altri. Per il gioco espresso nel primo tempo avrebbe meritato il successo per la concretezza dimostrata in campo la capolista Pro Patria si conferma tale, a pieno titolo.
Il 2-0 finale a favore dei lombardi ha comunque il sapore di una mezza beffa. La gara è interpretata al meglio dal Venezia e alla fine della prima frazione è opinione comune che la Pro Patria sia si una bella squadra - e lo dimostra dal primo minuto prendendo inizialmente in mano il pallino del gioco - ma sicuramente non così attrezzata da potersi definire "vera" capolista. Le manovre lagunari, infatti, mettono a dura prova per buona parte dei primi 45' le retrovie bustocche, creando scompiglio con sei-sette belle occasioni e in particolare con delle azioni pericolose che per poco non hanno dato il vantaggio ai padroni di casa.
Prestazione buona per la squadra di Michele Serna nonostante la sconfitta, leggermente inferiore a quella offerta contro il Monza ma di indubbia qualità.
Il Venezia conferma le proprie capacità e certamente potrà dire la sua in questa stagione a condizione riesca a trovare maggiore concretezza e cinismo.
Intanto la Pro Patria vola. Non c'è tempo per il rammarico però : mercoledì c'è la Coppa Italia a Dolo con il Bassano, lunedì prossimo il posticipo con il Padova.
C'è da lavorare sodo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea