Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2018

Richie Kotzen 'The Damned'

Nuvole...

Nuvole… Continuano a passare,alcune così enormi ( poiché le case non lasciano misurare la loro esatta dimensione ) che paiono occupare il cielo intero; altre di incerte dimensioni, come se fossero due che si sono accoppiate o una sola che si sta rompendo in due, a casaccio, nell’aria alta contro il cielo stanco; altre ancora piccole, simili a giocattoli di forme poderose, palle irregolari di un gioco assurdo, da parte, in un grande isolamento fredde. Fernando Pessoa

Auschwitz

Auschwitz è fuori di noi, ma è intorno a noi, è nell’aria. La peste si è spenta, ma l’infezione serpeggia: sarebbe sciocco negarlo. […] Se ne descrivono i segni: il disconoscimento della solidarietà umana, l’indifferenza ottusa o cinica per il dolore altrui, l’abdicazione dell’intelletto e del senso morale davanti al principio d’autorità, e principalmente, alla radice di tutto, una marea di viltà, una viltà abissale, in maschera di virtù guerriera, di amor patrio e di fedeltà a un’idea.
Primo Levi

Le Orme Uno sguardo verso il cielo

Venezia FC: Il Venezia ritorna a vincere ma non convince

Venezia-Cesena 1-0 Campionato Nazionale serie B – 23' Giornata Un gol prezioso di Geijo permette agli arancioneroverdi di vincere su un Cesena statico e mai pericoloso, salvo in un'occasione nel finale con Audero che compie il solito miracolo. Primo tempo avaro di occasioni con il pubblico, dagli spalti, che invoca maggior velocità di gioco e concretezza nella fase offensiva. Qualcosa di diverso, nello spirito, per gli arancioneroverdi all'inizio della ripresa. La partita deve attendere il 70' per sbloccarsi, ci pensa Geijo a portare i lagunari in vantaggio per 1-0 Solito miracolo di Audero a 10 minuti dalla fine che nega il gol del pareggio al Cesena e fissa il risultato sul definitivo 1-0. Arancioneroverdi che non sono ancora usciti dalla crisi iniziata dopo l'ultima vittoria del mese di Novembre dello scorso anno. Non si vede gioco e soprattutto manca la velocità di esecuzione che molto spesso fa la differenza in partite come questa dove l'avversario pensa s…

Per non dimenticare mai

La mia vita ad Auschwitz di Sami Mondiano

Tutto davanti a questi occhi

Franz Ferdinand - Take Me Out

Ogni volta che vuoi giudicare

Ti ricordi il proverbio indiano… diceva pressappoco così: “Ogni volta che vuoi giudicare qualcuno, cammina prima per tre lune nei suoi mocassini.” Dobbiamo diventare dei grandi camminatori non credi? Camminare, camminare e camminare ancora, uno a fianco dell’altro, scambiandosi le scarpe, uno nelle scarpe dell’altro. Camminare pensando al giorno in cui siamo venuti al mondo e a quello in cui ce ne andremo. Camminare accanto alla fragilità, nella nudità senza toghe, senza indici levati. Dobbiamo camminare per costruire un mondo la cui base non siano piu’ il giudizio e il pregiudizio, ma l’umiltà e la comprensione.
Susanna Tamaro

The Killers - Somebody Told Me

L'acqua non aspetta mai

L’acqua non aspetta mai. Cambia forma e scorre attorno alle cose, trovando sentieri segreti a cui nessun altro ha pensato: un pertugio nel tetto o un piccolo buco in fondo a una scatola. Senza alcun dubbio è il più versatile dei cinque elementi, Può dilavare la terra, spegnere il fuoco, far arrugginire un pezzo di metallo e consumarlo. Persino il legno, che è il suo complemento naturale, non può sopravvivere se non viene nutrito dall’acqua.
Arthur Golden

Howlin' Wolf - Smokestack Lightnin'

Continuamente muoversi

Sulle sabbie del deserto come sulle acque degli oceani non è possibile soggiornare, mettere radici, abitare, vivere stabilmente. Nel deserto come nell’oceano bisogna continuamente muoversi, e così lasciare che il vento, il vero padrone di queste immensità, cancelli ogni traccia del nostro passaggio, renda di nuovo le distese d’acqua o di sabbia, vergini e inviolate. Alberto Moravia

Venezia FC: Dopo l'arrivo di Litteri, German Denis resta un'opzione ancora in piedi.

Dopo Gianluca Litteri, il Venezia è più tranquillo, avendo inserito quell’attaccante di manovra che chiedeva Inzaghi. Filippo Inzaghi, però, di punte ne ha chieste due e German Denis resta un’opzione ancora in piedi. Il centravanti argentino chiede un anno e mezzo di contratto e il Venezia potrebbe anche darglielo, il problema è l’ingaggio e la rinuncia a tanti soldi al momento percepiti al Lanus. Oltretutto Denis arriverebbe solo in caso di cessione di Alex Geijo, che continua a rappresentare un grosso problema per via dell’ingaggio pesantissimo percepito (350mila euro annui fino al 30 giugno prossimo). Se non esce Geijo non entra Denis, su questo non ci piove.
Capitolo-Gerbo. Vista l’imminente partenza di Vittorio Fabris, Inzaghi ha chiesto il foggiano, adattato a destra da Stroppa, ma la richiesta del Foggia è giudicata fuori portata. Offerti al club pugliese vari giocatori in cambio, senza successo. Per ora non si fa. In uscita rimangono Fabris, Signori, Geijo e Mlakar. La Fiorenti…

Una strada di sassi

La vita è una strada di sassi, sassi contro cui si inciampa, si cade, ci si ferisce.
Sassi contro cui bisogna proteggersi con scarpe di ferro. Ma neanche questo basta perché mentre proteggi i piedi c’è sempre qualcuno che raccoglie una pietra per tirartela in testa.
Oriana Fallaci

King of Leon Sexy on Fire

Cassandra Wilson Closer To You

Greta Van Fleet - Edge of Darkness

Venezia FC: Sconfitta all'Arechi di Salerno

Salernitana-Venezia 3-2 Campionato Nazionale Serie B – 22' Giornata - E' iniziato il girone di ritorno. E per il Venezia è iniziato con una sconfitta frutto di un bruttissimo primo tempo dove, gli arancioneroverdi sono andati sotto di tre gol. Avanti 3-0, la Salernitana rischia di farsi riprendere dal Venezia ma alla fine porta a casa 3 punti pesantissimi in chiave playoff. I granata sbloccano il risultato dopo appena 5’ con Zito che riprende una corta respinta di Audero su un colpo di testa di Rossi. La squadra di Colantuono insiste e al 30’ raddoppia: Ricci triangola in area con Pucino e spiazza col destro il portiere ospite, complice una decisiva deviazione di Domizzi. Il Venezia s’abbatte e, al 30’, incassa anche il 3-0, opera di Palombi che riprende un’altra corta rerspinta di Audero dopo un destro in diagonale di Sprocati. A questo punto i campani si rilassano e consentono a lagunari di rientrare in partita. Al 48’ l’ultimo arrivato Firenze, appena entrato, accorcia le di…

Shinedown Amarillis

Inverno

Ma quando nel bosco si fece
buio e soffiò da oriente un vento
freddo e penetrante, tutto tacque.
Sulle pozzanghere si allungarono
degli aghetti di ghiaccio.
Il bosco divenne squallido, solitario.
Si sentì l’odore dell’inverno.
Anton Cechov

Greta van Fleet - Highway Tune

New Radicals You Get What You Give

Sono logoro di anni, e stanco

Sono logoro di anni, e stanco. Ma non posso escludere che esista vicino a me una spiaggia, e una giornata piena di sole, e una disobbedienza che mi farà balzare come da giovane dalla mia poltrona di vecchio, e mi farà correre verso quel mare, gioioso e accogliente, anche se fosse l’ultima ora della mia vita. Stefano Benni

The Darkness Happiness

Venezia FC: Mercato di riparazione #5

Luca Vido al Cittadella e Gianluca Litteri al Venezia? Nelle ultime ore il mercato granata è entrato in grande fermento, e non sono esclusi colpi sino a poco tempo fa inimmaginabili. Il Cittadella ha inquadrato l’obiettivo numero uno per rinforzare l’attacco, e attende una risposta dall’Atalanta per riavere Vido in prestito, che ha il gradimento assoluto della dirigenza e dell’allenatore, la società bergamasca però tentenna ancora: ha speso una mezza parola con il Cesena – società con la quale intrattiene un ottimo rapporto – e sta prendendo tempo per capire se Cacia lascerà o meno la Romagna. In questo caso, Vido sarebbe il rinforzo ideale. L’attaccante, dal canto suo, avrebbe già espresso alla società nerazzurra il proprio gradimento per il Cittadella, e attende una risposta dall’Atalanta. Il diggì Marchetti in cuor suo covava di avere qualche indicazione in un senso o nell’altro già ieri, ma dovrà pure lui attendere. Ecco che nel frattempo è spuntata fuori un’indiscrezione che trov…

Genesis Abacab

Passata è la tempesta

Passata è la tempesta:
Odo augelli far festa, e la gallina,
Tornata in su la via,
Che ripete il suo verso. Ecco il sereno
Rompe là da ponente, alla montagna;
Sgombrasi la campagna,
E chiaro nella valle il fiume appare.
Ogni cor si rallegra, in ogni lato
Risorge il romorio
Torna il lavoro usato.
Giacomo Leopardi

The Cranberries - Zombie

In ricorda di Dolores 0'Riordan

The beatles - Yer blues

Non vi resta che continuare a votarlo

Pontida, Salvini al popolo leghista: "Non siamo schiavi di Berlusconi"

HIM - Wicked Game

Villagers - Nothing Arrived

Jimi Hendrix -The Wind Cries Mary

Logan Mize American Made

Venezia Fc: Mercato di riparazione #4

«In difesa siamo a posto» osserva Rinaudo, «Perticone? È un giocatore che se si muove va a fare il titolare e noi siamo ben messi in quel ruolo». Proposte sono arrivate per Signori e Fabris, contatti dalla Spagna per Geijo, che continua a rimanere nel taccuino dei desideri della Pro Vercelli. «In mezzo al campo? C’è Firenze. Marco è un giocatore polivalente, che può fare la mezzala, il trequartista o la punta esterna a sinistra». Più o meno come fa Falzerano a destra. Restano, quindi, le due punte da portare alla corte di Inzaghi: il Venezia continua a seguire Luca Vido, attaccante dell’Under 21 rientrato all’Atalanta la scorsa estate dopo aver giocato a Cittadella. Nelle ultime ore è spuntato anche il nome di German Denis, trentaseienne attaccante argentino con passaporto italiano, che ha lasciato l’Italia nel 2016 per ritornare in patria e giocare con Independiente e Lanùs. «Ci sono state solo delle telefonate» ammette Leandro Rinaudo, «conosco bene Denis dai tempi in cui giocavamo a…

The Pogues - Dirty Old Town

Natura

Natura è tutto ciò che noi vediamo: il colle, il pomeriggio, lo scoiattolo, l’eclissi, il calabrone. O meglio, la natura è il paradiso. Natura è tutto ciò che noi udiamo: il passero bobolink, il mare, il tuono, il grillo. O meglio, la natura è armonia. Natura è tutto quello che sappiamo senza avere la capacità di dirlo, tanto impotente è la nostra sapienza a confronto della sua semplicità Emily Dickinson

Venezia FC:Mercato di riparazione #3

Il neo attaccante del Venezia Marco Firenze, che si allenerà domani agli ordini di Filippo Inzaghi, ha rilasciato le sue prime dichiarazioni da giocatore arancioneroverde a Trivenetogoal: “Sono felicissimo di essere un giocatore del Venezia – sorride – è una grande opportunità per me e ho accettato questa proposta grazie a Filippo Inzaghi. Il mister ha avuto un ruolo determinante in questo trasferimento, spero di non deluderlo. Sono andato via da Vercelli perché ero molto legato a Grassadonia, quando è stato esonerato non avevo più l’entusiasmo di prima, perché ho perso un riferimento importantissimo. Il mio ruolo? Sono a disposizione del mister, mi sento una mezzala, ma ho giocato da seconda punta e pure da trequartista. Giocherò dove vorrà Inzaghi. http://www.trivenetogoal.it/2018/01/10/mercato-venezia-firenze-via-da-vercelli-dopo-laddio-di-grassadonia-qui-grazie-a-inzaghi-e-sul-mio-ruolo-vi-dico-che/39390/

Stormy Santana

Venezia FC: Mercato di riparazione #2

Trivenetogoal news: Stefano Moreo ha firmato il contratto fino al 30 giugno 2021 con il Palermo. La notizia giunge in questi minuti da Milano. Tutto confermato, dunque, con il contratto per l’ormai ex attaccante del Venezia griffato fino al 30 giugno 2021. Il Venezia proverà a prendere Luca Vido, obiettivo di cui vi abbiamo parlato in tempi non sospetti lo scorso 23 dicembre e sul quale esiste la forte concorrenza del Cittadella. http://www.trivenetogoal.it/2018/01/10/mercato-venezia-moreo-firma-col-palermo-e-si-tenta-per-vido-gli-aggiornamento/39376/

The Smashing Pumpkins - Tonight, Tonight

Venezia FC: Mercato di riparazione #1

Triveneto goal news: giornata molto intensa a Milano, quella di oggi per Leandro Rinaudo. Il responsabile dell’area tecnica del Venezia è sul punto di definire l’acquisto di Marco Firenze dal Crotone, proprietario del cartellino. Il giocatore in questa prima fase di stagione era in prestito alla Pro Vercelli, squadra con cui ha segnato cinque gol (uno dei quali proprio al Venezia). Può fare la seconda punta, il trequartista e all’occorrenza anche la mezzala di corsa. Sembra, intanto, ben avviata anche la cessione di Stefano Moreo al Palermo. Le parti sono molto vicine e domani si potrebbe arrivare a dama. Top secret le cifre, ma il Palermo sembra poter pagare un robusto indennizzo al Venezia, visto che la cessione verrà conclusa a titolo definitivo. http://www.trivenetogoal.it/2018/01/09/mercato-venezia-domani-si-chiude-per-firenze-moreo-sempre-piu-verso-palermo/39311/

Una tempesta di sabbia

Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l’andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo. Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra con il dio della morte prima dell’alba. Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te. È qualcosa che hai dentro. Quel vento sei tu. Perciò l’unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia.
Haruki Murakami

La Mar (Surf Clip)- The Beautiful Girls

Una cosa vorrei fare più di tutte

Se potessi entrare per qualche istante nel regno minerale. Mi vestirei con sobrietà al matrimonio delle pietre, scivolerei dentro la clessidra insieme ai granelli di sabbia, imparerei dalla roccia a stare imperturbabile sotto il sole e la pioggia, ammirerei la luce del diamante. Ma una cosa vorrei fare più di tutte: incontrare la grafite e chiederle quali sono le parole più belle che sono passate sotto la sua matita. Fabrizio Caramagna

The Professionals - Good Man Down

I fiumi sono la storia

I fiumi mi han sempre attirato. Il fascino è forse in quel loro continuo passare rimanendo immutati, in quell’andarsene restando, in quel loro essere una sorta di rappresentazione fisica della storia, che è, in quanto passa. I fiumi sono la Storia.
Tiziano Terzani

Raccolta Fondi

CELTIC PUB MESTRE   RACCOLTA FONDI GRUPPO IL PASSO PROMOTORI INIZIATIVA CURVA SUD MICHEAL GROPPELLO PIPPO INZAGHI E I RAGAZZI DEL GRUPPO IL PASSO

Lo chiamano granello di sabbia

Lo chiamiamo granello di sabbia.
Ma lui non chiama se stesso né granello, né sabbia.
Fa a meno di nome
generale, individuale,
instabile, stabile,
scorretto o corretto.
Non gli importa del nostro sguardo, del tocco
Non si sente guardato e toccato.
E che sia caduto sul davanzale
è solo un’avventura nostra, non sua.
Per lui è come cadere su una cosa qualunque,
senza la certezza di essere già caduto
o di cadere ancora.
Wislawa Szymborska

Elbow Fugitive Motel

Avvolto in una coperta

La neve pose una tovaglia silenziosa su tutto. Non si sente se non ciò che accade dentro casa. Mi avvolgo in una coperta e non penso neppure a pensare. Sento un piacere d’animale e vagamente penso, e m’addormento senza minor utilità di tutte le azioni del mondo Fernando Pessoa

Venezia FC: Nuovo Stadio, progetto già avanti

In una lunga intervista rilasciata a “Il Venerdì di Repubblica” l’architetto Matt Rossetti ha parlato del progetto del nuovo stadio a Tessera del Venezia Fc. Questo il contenuto della sua intervista: “Il momento dello sport non può essere isolato – spiega Rossetti – va integrato nel quartiere, nella vita quotidiana. Serve design, sostenibilità, bellezza. Quello che manca negli altri stadi. I posti a sedere devono essere comodi, vicini al gioco. I giovani vogliono essere al centro dell’azione. Stop alle piccionaie. Sono andato a vedere delle partite in Italia e mi sono sentito terrorizzato, oppresso, scomodo. Coinvolto in un’atmosfera da guerriero medievale che non cercavo. Lo stadio deve essere un cuore che pulsa con la città, non un battito isolato”. La capienza sarà di 22mila posti e alcuni dettagli sono già stati resi noti: “Il progetto è già avanti, il sindaco è d’accordo, in tre anni dall’acquisizione del terreno si può fare”. Ed ecco, dunque, un quartiere con negozi, hotel con 8…

Il proprio suono personale

Ascoltiamo troppo il telefono e ascoltiamo troppo poco la natura. Il vento è uno dei miei suoni. Un suono solitario, forse, ma rilassante. Ognuno di noi dovrebbe avere il proprio suono personale e il suo ascolto dovrebbe renderlo euforico e vivo, o silenzioso e tranquillo…
André Kostelanetz

Tom Waits- Cold Cold Ground

Patti Smith- People Have the Power

Era come uno sfregamento

Pioveva dietro la finestra, ma non era una rumorosa pioggia invernale, era una pioggia frusciante, felpata, quasi primaverile. Mormorava, sospirava, raccontava qualcosa scivolando sul vetro, gocciando dai cornicioni, fondendosi col vento. Era come uno sfregamento, come il rumore di una foglia che venga accartocciata… Nina Berberova

Non posso escludere

Sono logoro di anni, e stanco. Ma non posso escludere che esista vicino a me una spiaggia, e una giornata piena di sole, e una disobbedienza che mi farà balzare come da giovane dalla mia poltrona di vecchio, e mi farà correre verso quel mare, gioioso e accogliente, anche se fosse l’ultima ora della mia vita.
Stefano Benni

Temples - Colours To Life

Il nostro presente

La via si percorre passo dopo passo. Se un passo è intenso e perfetto, lo sarà anche quello successivo. Pensiamo a fare ogni passo in maniera perfetta, non alla via. Non chiediamo altro che il nostro pane quotidiano. E cioè: qui e ora, il nostro presente. Alejandro Jodorowsky

Ron Gallo - "Young Lady, You're Scaring Me"

Drive-By Truckers - What It Means