Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Il Venezia vince il derby a Padova ed è ad un punto dalla serie B matematica

Padova-Venezia 0-1 Campionato Nazionale Lega Pro Girone A -34 Giornata-
È la notte di Inzaghi e del trionfo del progetto di Joe Tacopina che in due anni ha riportato il calcio che conta in Laguna, dai dilettanti a un punto dalla promozione in serie B. Grazie a un lampo di Stefano Moreo, a inizio ripresa, vince la 23' Partita in questo campionato (41 punti fuori casa, 7°successo di fila lontano dal Penzo) sfata il tabù Euganeo dove non aveva mai vinto, allontana di 11 lunghezze il Parma, secondo, è fa già urlare ai propri tifosi la parola serie B. Manca solo l'ultimo passettino sabato a Sant'Elena contro il Fano, basterà non perdere, e poi arriverà la promozione più che meritata. Una festa di colori per la promozione virtuale del Venezia. Palloncini arancioverdi, striscioni e molte bandiere, cori continui dall'inizio alla fine.
Il Padova perde la terza gara consecutiva e adesso dovrà spareggiare nel prossimo turno il terzo posto contro il Pordenone che l'ha agganciato a 62 punti.

Tabellini
Padova-Venezia 0-1
Reti: st. 2' Moreo (VE)
Arbitro: Guia di Olbia

Classifica prime posizioni
VENEZIA 77
Parma 66
Pordenone 62
Padova 62

Verde: promossa direttamente in serie B
Azzurro: palyoff e in lotta per il secondo posto

Il secondo posto da diritto a saltare il primo turno di playoff assieme alla squadra vincitrice della Coppa Italia Lega Pro. Finale di ritorno 26 Aprile a Venezia stadio PL.Penzo VENEZIA-MATERA.
Finale di andata MATERA-VENEZIA 1-0
Le squadre ammesse ai playoff sono quelle classificatesi dal secondo al 10 posto + la vincente della Coppa Italia. Il Venezia essendo automaticamente promosso in serie B anche se vincente in Coppa Italia Lega Pro lascerà il posto al Matera finalista.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea