Passa ai contenuti principali

Sulle vie del tempo

E cammino lungo le vie del tempo 
dove incontro altri che le percorrono
da quando, venuti in questo mondo,
sperimentano la gioia e il dolore.
E scopro il velo che pietoso copre
antiche paure diversamente vissute,
che gli abiti del cuore indossano
e di amore ed odio parlano.

Tempo indaffarato, veloce corri,
su tutto passi e mai ti fermi,
neanche per il pianto di un bimbo
né quello di chi il suo ultimo respiro
ti consegna e subito lasci andare
per raccogliere ogni nuovo respiro
che fa l'ingresso in questo mondo
col primo vagito: un pianto. 

E in questo tempo
ritrovo il mio respiro, 
ripercorro i miei anni...
Scopro il fardello pesante
che il mio corpo ha gravato
aprendo un varco alla malattia.
Ed è ora il mio tempo prezioso
che mi veste ogni giorno
di un desiderio 
che non conosce morte:
vivere col cuore dell'anima.
Rossana Leone 10 settembre 2016

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines