Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2016

Venezia FC: Pubblico delle grandi occasioni per il big match di sabato 1 ottobre ore 20.45. Quasi esaurita anche la gradinata

Procede ancora a gonfie vele la prevendita dei biglietti per Pordenone-Venezia, il big match del girone B di Lega Pro in programma sabato al Bottecchia. Nelle prossime è destinata a esaurirsi la disponibilità di ticket per la gradinata locali: un altro settore sta dunque per essere totalmente riempito dopo la tribuna centrale, i cui tagliandi sono andati già a ruba nel giro di poche ore. Si ricorda che i biglietti possono essere acquistati sino al giorno della gara (ove disponibili) e in particolare nella tribuna laterale est, installata per il match col Parma: il prezzo è di 12 euro (ridotto 10, under 16 2 euro; riduzioni valide per over 65 e per la fascia d’età compresa tra i 16 e i 20). Proprio per l’esistenza della nuova tribuna, sabato si potrebbe registrare un nuovo record d’incasso. Dalla gara col Venezia dovrebbe essere anche comunicato il ricavato della gara, per la prima volta in stagione: «Sinora – spiega il direttore generale Giancarlo Migliorini – non l’abbiamo fatto per …

Ne sono certo non passerebbero l'esame di "coscienza" nemmeno copiando

Se non lo sanno anche io so prendere le distanze, dopo, però, non me ne frega davvero piu' niente. L'intelligenza e il sapere non vanno mai di pari passo con apprezzamento e gratitudine. Preferisco passare da idiota. Possibile che sia una situazione di comodo, ma l'idiozia tiene alla larga molti pensieri. Sono troppo sicuri e la loro certezza è che gli errori commessi sono certamente errori. Non cerco spiegazioni, perché tutto ciò che mi interessa ce l'ho abbastanza chiaro. Loro agiscono in base al loro stile e talvolta persino senza. Mi hanno gratuitamente riempito di parecchi giudizi negativi, ma, questi, non mi hanno mai turbato, ho capito che le persone piccole devono farsi grandi in qualche modo. So chi sono e questo non cambia, dicano pure quel che gli pare. Ne sono certo non passerebbero l'esame di coscienza nemmeno copiando. Il problema non è pensare male di loro, il problema è che non mi sono sbagliato. Cosa penso? Penso che ci sono persone che non hanno capit…

Tramonto a Venezia

Immagine

Bravi pittori della loro vita

Non ho fatto attenzione a chi avevo intorno mi hanno ingannato dipingendosi con i loro bei colori che si sono però sbiaditi in troppo tempo, bravi pittori della vita che si fanno ammirare da subito ma solo come bravi falsari. Si credono superiori ma camminano su tacchi spezzati. Non sono io certamente perfetto ma voglio vivere con la mia imperfezione preferisco farmi considerare matto piuttosto che essere come loro che fingono di essere quello che non sono. Meglio essere sbagliati per gli altri che incompiuti di se stessi. Certamente non mi aspetto che cambino per compiacermi, ma almeno che si mostrassero per quello che realmente sono, questo si. Non posso piacere a chi ama i tappeti su cui pulirsi i piedi. Sono punti di vista, io non amo le persone perfette, quelle che non ammettono mai quando sbagliano, quelle che puoi ragionarci ore intere ma non diranno mai che hai ragione, io amo le persone umili, quelle alla mia portata, quelle IMPERFETTE E VERE. Mi accorgo comunque che sto spre…

Criticate ma solo quando sarete d'esempio

Chi non c'è più non c'è mai stato ed io non rincorro i fantasmi Vi consiglio ogni tanto buttate un occhio sulla vostra vita oltre che sulla mia. Credetemi, ne vedo di lacune sulla vostra ma mi faccio i fatti miei . Fate altrettanto perchè invece che giudicarmi sarebbe meglio vi metteste a lavorare seriamente su ciò che siete Al contrario di voi io...me ne frego degli altri sono sempre me stesso mostro sempre la mia personalità non ho maschere come usate voi dove nascondermi dietro. Criticate ma solo quando sarete d'esempio. Avete sfidato la mia pazienza di buono che è tanta ma ciò non vuol dire che non abbia un limite. L'arroganza che avete nasconde le vostre fragilità, ma non illudetevi non mi fate compassione per questo. Non perdono tanto facilmente e non per cattiveria anzi, ma per stanchezza cronica verso la vostra tipologia di persone. Non vi porto certamente rancore, preferisco liberarmi in modo totale dalla vostra presenza negativa. Anche solo il ricordo, la ra…

Felicità

Chi abbraccia una donna è Adamo. La donna è Eva. Tutto accade per la prima volta.
Ho visto una cosa bianca in cielo. Mi dicono che è la luna, ma
Che posso fare con una parola e con una mitologia? Gli alberi mi fanno un poco paura. Sono così belli.
I tranquilli animali si avvicinano perché io gli dica il loro nome.
I libri della biblioteca sono senza lettere. Se li apro appaiono.
Sfogliando l’Atlante progetto la forma di Sumatra. Chi accende un fiammifero al buio sta inventando il fuoco.
Nello specchio c’è un altro che spia.
Chi guarda il mare vede l’Inghilterra.
Chi pronuncia un verso di Liliencron partecipa alla battaglia. Ho sognato Cartagine e le legioni che desolarono Cartagine.
Ho sognato la spada e la bilancia.
Sia lodato l’amore che non ha né possessore né posseduta, ma entrambi si donano.
Sia lodato l’incubo che ci rivela che possiamo creare l’Inferno. Chi si bagna in un fiume si bagna nel Gange.
Chi guarda una clessidra vede la dissoluzione di un impero.
Chi maneggia un pugnale p…

Questo è tutto

Giudicano essendo ciechi che tentano di descrivere le cose che non vedono. In questa tragedia sembra sbagliato anche sorridere un pò, ma credo che l'unico vero sbaglio sia solo se gli permettiamo che riescano a spegnercelo Drogati di egoismo che li consuma dentro Facce di bronzo Ma si di ciò che è stato ne ho breve memoria Per il mio quieto vivere mi avvolgo nell'indifferenza totale Li lascerò fuori da quella porta e terrò con me il mio assordante SILENZIO Non ci resto male ho abbastanza spessore per non rompermi in mille pezzi. Vado avanti con nuove consapevolezze e adeguandomi a ciò che ho ricevuto, questo è tutto!!!

Venezia FC: Pederzoli sabato il ritorno da ex

Il Pordenone è da serie B e ha una mediana migliore dello scorso anno. Già sono due affermazioni di peso, che meritano ancora maggiore importanza visto che a sostenerle è un diretto concorrente, già perno del reparto nella scorsa stagione. Alex Pederzoli si prepara a Pordenone-Venezia da ex. «Personalmente sarà una partita bellissima – comincia la dichiarazione d’amore del centrocampista -: provo un enorme piacere nel tornare al Bottecchia, la piazza calcistica a cui sono più legato. Anche se ci sono stato solo un anno, è stata una parentesi stupenda. Ho lasciato tanti amici, una società fantastica, uno staff con cui mi sono trovato benissimo. Significa pure prima contro seconda, ma torno in un ambiente che ho veramente amato». – Già in ritiro a Piancavallo, soprattutto in occasione delle amichevoli ad Aviano, c’era parecchia gente a bordo campo per lei. A distanza di tempo conferma che non è un rapporto finito con il cambio di maglia? «Ho legato con tante persone, anche fuori dal cal…

Ho un piccolo difetto...non dimentico chi mi ha fatto del male

Puntano il dito verso di me ma come mai non lo puntano verso se stessi? Perchè non si chiedono cosa sanno veramente di me, perchè è facile inventare, è quando si tratta di conoscere il problema, se non sapete, TACETE. Arriverà si, arriverà la soddisfazione di vederli crollare, loro che hanno cercato di atterrarmi, perchè quello scalino che cede sotto il peso dell'ipocrisia prima o poi lo troveranno, e la loro caduta sarà la mia vittoria. Ho un piccolo difetto non dimentico chi mi ha fatto del male e li ripago con la mia più totale INDIFFERENZA. Non è vero che non sono più quelli che credevo. Sono sempre stati così. Solo che, mentre io sono rimasto quello che veramente sono, a loro è caduta la MASCHERA.

Alba

Uscì dal cortile e attinse l'acqua: il cielo non ancora bianco, ma già pallido di un vago chiarore, annunziava l'alba; la luna, grande e triste, calava dietro il muro del cortile, le stelle tremolavano, velandosi, quasi impazienti di andarsene dal libro Le radici del cielo 

Venezia FC: Big match al Bottecchia di Pordenone sabato 1 ottobre ore 20.30 Andiamo ad affrontare la squadra che più di tutte le altre ci può mettere in difficoltà

Tre vittorie consecutive e il Venezia, unico team imbattuto del girone, continua da solo nel suo ritmo da capolista. Il 2-0 rifilato al Lumezzane, pur senza brillare troppo, permetterà agli arancioneroverdi di Pippo Inzaghi di arrivare con un punto in più del Pordenone al faccia a faccia di sabato al Bottecchia (ore 20.30). Un altro passo in avanti compiuto ma il primo a non abbassare la guardia è il presidente Joe Tacopina: «Ovviamente sono molto felice, è chiaro che questo è il tipo di percorso che ci aspettiamo e ci auguriamo di continuare a fare – il suo plauso dagli States – Mi piace quello che sto vedendo sul campo però la strada da percorrere è ancora molto lunga». Da parte sua il ds Giorgio Perinetti bada al sodo: «Aver aggiunto altri tre punti alla nostra classifica va benissimo e non c’è da sottilizzare troppo. Ogni partita nasconde grosse insidie per tutti, basta vedere il Parma che ha patito con l’AlbinoLeffe. La costante positiva è che questa squadra, seppur nuova dall’al…

Io personalmente preferisco ridere

“Sia il riso che il pianto sono reazioni alla frustrazione e alla stanchezza. Io personalmente, preferisco ridere. C'è meno da risistemare dopo” Kurt Vonnegut

Venezia FC: Continua la serie positiva dei lagunari alla terza vittoria consecutiva dimostrandosi la squadra da battere

Venezia-Lumezzane 2-0 Campionato Nazionale Lega Pro Girone B 6' Giornata Il Venezia vince e convince, dimostrando di saper tenere a bada la pressione della capolista. Oggi è arrivata per gli arancioneroverdi la terza vittoria consecutiva, ottenuta in casa allo stadio Penzo. Nulla possono gli avversari del Lumezzane, che nei novanta minuti di gioco non riescono a contrastare la superiorità degli undici di mister Pippo Inzaghi. Finisce 2 a 0, con diverse occasioni per i lagunari che controllano la partita e meritano decisamente il risultato finale. A segnare il gol del vantaggio è Ferrari, che al ventiquattresimo del primo tempo sblocca il risultato e insacca nella porta avversaria. L'altro protagonista dei primi 45 minuti di gioco è Domizzi, che al 42° di testa due volte non riesce a portare gli arancioneroverdi sul 2-0 colpendo in entrambi i casi la traversa. Altra conclusione solo due minuti più tardi, ma anche stavolta non riesce a mandare il pallone in rete. Al 56° Ferrari se…

Proprio una triste misera esistenza

I falsi vengono a galla come gli stronzi. O ci fanno o ci sono la verità nuda e cruda per loro, è difficile da sopportare e allora si vestono di APPARENZA. Strane persone che giocano con le parole. Pur conoscendo bene la verità, la manipolano, sono davvero strani. Non hanno il coraggio di chiedere scusa, avere l'umiltà. Ma loro, vivono nella falsità  , vivono male e non gli resta altro che l'apparenza, proprio una triste misera esistenza. Adoro ascoltare le loro bugie perché conosco la verità. Non c'è modo migliore per misurare la loro falsità. Arriverà il momento, ne sono sicuro ,che la loro falsità prima o poi gli taglierà le gambe, lasciandogli in ginocchio davanti alle loro menzogne.

Accumuli di energia

Gli esseri umani sono accumuli di energia, masse di acetone in forma di carne, ed è più facile concentrare questa energia per distruggere, dato che creare è così difficile visto che richiede cervello e immaginazione. Anthony Burgess

Cosa mi trattiene?

Mi vedo filare attraverso il cielo come una stella a lasciare la terra per sempre. Cosa mi trattiene? È il contratto per il quale soltanto sono qui. Il contratto è questo corpo che mi tiene qui A. Burroughs

Stanchezza colorata di stupore

La sveglia, il tram, le quattro ore di ufficio o di officina, la colazione, il tram, le quattro ore di lavoro, la cena, il sonno… questo cammino viene seguito senza difficoltà la maggior parte del tempo. Soltanto un giorno sorge il ‘perché’ e tutto comincia in una stanchezza colorata di stupore. Albert Camus

Venezia FC: Addio a Yuri Korablin

VENEZIA E’ morto Yuri Korablin, primo presidente russo del Venezia e di una squadra italiana di calcio. Acquistata nel 2011 portò la squadra lagunare dalla serie D alla Prima divisione ma proprio i problemi di salute lo hanno fatto desistere, diradando le presenze a Venezia fino alla decisione nella primavera del 2015 di cedere il club arancioneroverde. Non trovando compratori la squadra non si iscrisse al campionato di Lega Pro e la società ricominciò dalla serie D con un nuovo nome e una nuova proprietà. Korablin era nato il 30 gennaio del 1960, era malato da tempo, è morto ieri sera nel sonno.
Abitava a Mosca nel quartiere frequentato da sindaci, oligarchi e ministri. Nel 1991 diviene sindaco di Khimki, confermato quattro anni dopo, appoggia l’elezione del presidente Eltsin e nel dicembre 2001 viene eletto alla Duma di Mosca. Nel 2011 fiuta l’avventura italiana, compra il Venezia con l’intenzione di riportare la squadra in serie A, realizzare lo stadio nuovo con tanto di cittadella…

I favolosi 40 anni degli U2

Tutto ha inizio il 20 settembre del 1976 nella high school Mount Temple di Dublino, quando un giovanissimo Larry Mullen affigge sulla bacheca della scuola l’invito ad aspiranti musicisti per formare una band: risponderanno Adam Clayton, i fratelli David e Dick Evans e la testa calda dell’istituto Paul David Hewson.
Nascono così i futuri U2, tra i corridoi della scuola e la cucina della casa di Mullen ad Artane, dove cinque ragazzi appassionati di musica gettano le basi della band che segnerà la musica mondiale dei successivi 40 anni. Si chiameranno Feedback, The Hype e finalmente U2 - dal nome dell’aereo spia americano che nel 1960 venne abbattuto su suolo sovietico - e le loro prime esibizioni saranno proprio davanti ai compagni di scuola, con cover dei Rolling Stones e di David Bowie, ma solo due anni dopo riusciranno a registrare il loro primo demo grazie all’incontro con Paul McGuinness, convincendo i responsabili della CBS a pubblicare il primo singolo “U2 Three” in mille copie.
Ne…

Serva per l'eternità della sua presunzione

Più ci penso e meno la capisco. Veramente non riesco proprio a capirla. E' proprio un suo problema congenito è un aspetto insito del suo carattere che connota un'eccessiva sicurezza delle proprie convinzioni senza verificarne la veridicità. Non gliene faccio certamente una colpa poverina, come condannarla per gli apprendimenti scorretti avuti? E' intrisa di superficialità convinta di essere eccessivamente brava che la porta a non osservare la realtà in maniera corretta.
Me la immagino nella vita quotidiana sempre pronta a elargire la propria saccenza, anche senza che glielo si chieda. Me la immagino con i suoi consigli non richiesti, i sermoni compiaciuti, le critiche salaci. Solo lei sa che cosa è bene o male, utile o non utile, giusto o sbagliato. In tutti i campi, lei e la sua famiglia sono la VERITA', o comunque una conoscenza migliore degli altri imponendola nei discorsi, restando impermeabili alle argomentazioni pur valide di qualsiasi altro, anche davanti all…

Quella serata di fine state, inizio autunno

Sette anni fa era una serata di fine estate inizio autunno. Ero ai fornelli che cucinavo. Ogni tanto guardavo l'orologio mia moglie a breve sarebbe rientrata a casa. Erano ormai quattro mesi che andava su e giù e quella strada le era entrata nella memoria. Ormai poteva farla ad occhi chiusi. Improvvisamente squillo il cellulare. Smisi il lavoro davanti ai fornelli e andai a rispondere. Sarebbe sicuramente stato meglio non rispondere. Quello che segui a quella mia risposta non merita di essere descritto certo che scombussolo profondamente un bel pezzo della nostra vita. Ma, come nelle storie a lieto fine, dopo aver chiuso definitivamente la porta a doppia mandata e cancellato la presenza malefica, ora, il cielo è sempre più blu sopra le nuvole....

Venezia FC: 90' minuti di rabbia e grinta

Ancona-Venezia 0-1 Campionato Nazionale Lega Pro Girone B – 5' Giornata
Ieri sabato 17 settembre, allo stadio del Conero, l’Ancona ha ospitato gli arancioneroverdi di Filippo Inzaghi, reduci dalla felice trasferta di Parma. Lo stato di forma dei padroni di casa (due punti in quattro partite) alla vigilia prometteva un match in discesa, specie per le buone prestazioni che il Venezia ha messo in campo gara dopo gara: così è stato, ma solo in parte, i biancorossi hanno infatti lottato con le unghie e con i denti per 90 minuti. Il primo tempo vede un Venezia aggressivo, che mantiene un pressing alto e costante. I padroni di casa sotto assedio si difendono con buone parate, calci d'angolo e spingendosi in più di un'occasione al di là della metà campo partendo in contropiede: Facchin si fa però sempre trovare pronto.La partita si complica per mister Inzaghi e i suoi al 30', quando Garofalo si fa espellere per un fallo di reazione lasciando la squadra in 10. L'uomo in meno …

Grandi campi di speranze

Non serbare nulla, spendi,
sperpera allegrie, gioie,
scambiale con aria azzurra
perché vadano volando
per il cielo, fanne acqua,
riempi i torrenti del mondo
delle sue schiume sprizzanti,
entra in anime assopite,
e scuotile per le ali,
agita, come di grano,
grandi campi di speranze… Pedro Salinas

Venezia FC: Stasera ore 18.30 Ancona-Venezia

Filippo Inzaghi parla alla vigilia di Ancona – Venezia: “Sono contentissimo della vittoria di Parma – ribadisce l’allenatore arancioneroverde – è stata una grande emozione anche per me vincere in quel modo. E’ un segnale che abbiamo dato al campionato, sicuramente questo successo aumenterà la voglia degli altri di batterci, a cominciare dalla partita di Ancona. Ho visto i ragazzi tranquilli e sereni e questo è un bel vedere per un allenatore, perché significa che la vittoria del Tardini è stata metabolizzata nel modo giusto. L’Ancona? Una squadra ostica, che sa come giocare a calcio, come al solito sarà dura e dovremo avere pazienza, senza farci prendere l’ansia di voler fare risultato subito. La partita dura novanta minuti, c’è tempo per segnare e per portare a casa il risultato”

Probabile formazioni
ANCONA (4-4-2): Rossini; Barilaro, Moi, Ricci, Malerba; De Silvestro, Agyei, Zampa, Frediani; Momentè, Falou Samb. A disposizione: Scuffia, Daffara, Kostadinovic, Tassoni, Forgacs, Bambozz…

Venezia FC: Siamo la squadra più forte del girone (Tacopina) e...complimenti a Inzaghi

«Che partita, mi sembrava di essere sulle montagne russe. Mai vissuto così tante emozioni in una sola gara da quando sono arrivato nel calcio italiano, sensazioni diverse da un minuto all’altro, fino all’apoteosi finale». Joe Tacopina ha seguito la partita del Venezia a Parma da New York, in streaming, e sono serviti alcuni minuti al fischio finale per riprendersi dalla scarica di adrenalina provocata dai gol di Moreo e di Domizzi, che hanno rovesciato in 120” il risultato del Tardini. «Ho sofferto in modo incredibile, fino all’ultimo secondo, ma queste sono le sensazioni meravigliose che a volte ti regala il calcio. Un finale incredibile, pazzesco» dice il presidente al telefono da New York». Quelle vittorie che valgono molto di più dei tre punti aggiunti in classifica, che aumentano autostima e fiducia, aprendo invece pericolosi squarci nella psiche degli avversari. Una vittoria che lancia in orbita il Venezia, ottenuta sul campo di una delle pretendenti più ambiziose alla promozion…

Essere noi stessi

Il genere prescrive come dovremmo essere invece di riconoscere quel che siamo. Immaginate quanto saremmo più felici e più liberi se potessimo essere noi stessi senza il peso delle aspettative di genere. Chimamanda Ngozi Adichie

Condurre in vuoti labirinti o essere sommersi a metà strada

Se questo mondo fosse un piano infinito e navigando a oriente noi potessimo sempre raggiungere nuove distanze e scoprire cose più dolci e nuove di tutte le Cicladi o le Isole del Re Salomone, allora il viaggio conterrebbe una promessa. Ma, nell'inseguire quei lontani misteri di cui sogniamo, o nella caccia tormentosa di quel fantasma demoniaco che prima o poi nuota dinanzi a tutti i cuori umani, nella caccia di tali cose intorno a questo globo, esse o ci conducono in vuoti labirinti o ci lasciano sommersi a metà strada. Herman Melville

VENEZIA FC: Parma-Venezia 1-2 il finale sotto la curva

Immagine

Venezia FC: Partita risolta alla fine. Il Venezia espugna il Tardini di Parma

Parma-Venezia 1-2 Campionato Nazionale Lega Pro Girone B – 4' Giornata Partita con il cuore in gola per i TUTTI NOI TIFOSI del Venezia, in una vittoria conquistata dalla squadra del nostro grande Pippo Inzaghi allo scadere - sul difficilissimo campo del Parma - grazie al gol di Domizzi al '90', dopo il pareggio appena due minuti prima di Moreo (all'88'). Una gara in salita, segnata dal vantaggio messo a segno dal Parma dopo appena un minuto, su rigore segnato da Felice Evacuo. Un Venezia distratto nel primo tempo, entrato in campo nella ripresa con tutt'altra determinazione, che non ha perso fino al fischio finale, uscendo dal Tardini da vincitore, contro una squadra che - come i lagunari - non fa mistero di puntare alla serie B.
Parma-Venezia 1-2 Marcatori: pt.1' Evacuo (PM) su c.d.r., st. 88' Moreo (VE), 90' Domizzi (VE) Arbitro: Sig. Piscopo di Imperia
Risultati Lega Pro Girone B 4'Giornata Mantova-Pordenone 0-2 Feralpisalò-Lumezzane 2-2 Teramo-Mod…

Deve essere per forza la manifestazione di uno spirito universale

Nella vita di Herr Cazotte trascorrere la prima notte di luglio all'aperto era una specie di rito. Ad esso fedele, anche il primo luglio di quell'anno, subito dopo che la Corte e tutti gli abitanti di Rosenbad si erano ritirati per la notte, egli uscì sotto le stelle pallide in un cielo terso, in un mondo rorido di rugiada e colmo di fragranza. A tutta prima camminò rapidamente per allontanarsi, poi rallentò il passo per guardarsi intorno. E men­tre così faceva sentì che il suo cuore traboccava di gratitudine. Si tolse il cappello. "Quale tremendo, insondabile potere di immaginazione" si disse "ha formato ognuno dei più piccoli oggetti che ho d'intorno, e li ha combinati in una possente unità! Io non sono una persona modesta, ho una notevole considerazione per i miei talenti, e oso cred­ere che avrei anche potuto immaginare l'una o l'altra delle cose che mi circondano. Avrei potuto inventare i lunghi fili d'erba, ma sarei stato capace di inventar…

Sarde in saor

Immagine
Per domani sera a cena è già tutto pronto. Fatte domenica sera
Ingredienti 600gr di sarde già pulite e aperte a libro 4/5 cipolle bianche 1 bicchiere di aceto di vino bianco Farina q.b. 2 foglio d'alloro sale e pepe q.b. olio di semi q.b. 3 cucchiai di olio extravergine di oliva Preparazione Si sbucciano le cipolle e si tagliano a metà per poi lasciarle in ammollo in acqua fredda per circa 30 minuti (così non si piange). Pulire le sarde eliminando la testa e la lisca centrale aprendole a libro. Infarinarle bene da entrambi i lati e friggerle in abbondante olio di semi. Scolarle ed eliminare l'olio in eccesso su un foglio di carta assorbente, salare. Tagliare le cipolle in fettine sottili e appassirle a fuoco basso per circa 20/30 minuti in un ampio tegame con l'olio extravergine d'oliva; poi alzare il fuoco, salare, aggiungere l'aceto di vino bianco, lasciarlo sfumare, proseguire la cottura per alcuni minuti e spegnere il fuoco. Porre quindi in una terrina uno strato …

La violenza del consenso soffoca l'essere idioti

Oggi la figura dell’outsider, del folle o dell’idiota sembra essere come scomparsa dalla società: la connessione digitale aumenta considerevolmente la coercizione alla conformità. La violenza del consenso soffoca l’essere idioti. Byung-Chul Han

Venezia FC:Highlights

Immagine

Venezia FC: Pareggio “stretto” al Penzo

Venezia-Parma 1-1 Campionato Nazionale Lega Pro Girone B  3' Giornata 
Nella serata di sabato 10 settembre il Venezia strappa un pareggio all’ “armata” Reggiana, un punto (non un punticino) espressione di tenacia e buon gioco e che proprio per questo sta stretto agli arancioneroverdi. Ieri durante i miei commenti nel corso della partita avevo espresso i miei dubbi sul gioco espresso dagli arancioneroverdi che, a mio avviso, manca dei lanci in verticali utili a bucare la difesa avversaria. Poi l'ottimo secondo tempo della squadra mi ha fatto rivalutare il mio giudizio anche se, non si possono creare 19 cross, 14 tiri e 9 occasioni e infilare la rete avversaria unicamente nel momento del pareggio di Modolo. Il Venezia inizia la gara nel peggiore dei modi, al 4’ subiscono lo svantaggio - con tutto il carico di sfortuna portato da un rimpallo - ad opera di Nolè e alla squadra occorre una manciata di minuti per ritrovare la concentrazione. A partire dal quarto d’ora della prima frazio…