Passa ai contenuti principali

Venezia FC: I lagunari sono campioni d'inverno ma sprecano l'occasione per scappare

Venezia-Maceratese 3-3 Campionato Nazionale Lega Pro Girone B - 19' Gironata -

Alla fine è 3-3, il luna park del Penzo si chiude con una girandola di emozioni e con un pareggio che frena la fuga del Venezia. Il successo che stava maturando fino a un minuto dalla fine della ripresa, infatti, avrebbe potuto lanciare Inzaghi in fuga, dopo l’1-1 pomeridiano del Pordenone contro la Sambenedettese. Invece spunta il rigore concesso per fallo dello sciagurato Stulac che, appena entrato, stende De Grazia in area: penalty trasformato da Quadri e tanti saluti alla voglia di vittoria arancioneroverde.

Maceratese in vantaggio dopo appena otto minuti: Petrilli apre per Turchetta, che innesca Colombi per l’1-0. Il Venezia ci prova in tutti i modi e segna nel finale con Marsura, bravissimo a incunearsi con un’azione personale e a battere Moscatelli. Poi il sorpasso al 29′, con un capolavoro di Moreo, sin lì molto in ombra. Sembra fatta ma Turchetta al 37′ inventa un gol fantastico con un tiro a giro che sorprende Facchin.

Venezia, però, di rabbia per il 3-2 al 40′, con Geijo che in mischia fa centro. Anche stavolta sembra lo strappo decisivo, ma Inzaghi stavolta non indovina il cambio, inserendo Stulac per Moreo. E proprio Stulac stende De Grazia: rigore trasformato da Quadri. Finita? Nossignori. Altro giro e altro gol, quello di Geijo, annullato per un fallo in attacco molto dubbio. Protestano tutti, il Pordenone resta a -1, ora la Reggiana.

Queste le dichiarazioni di Filippo Inzaghi dopo il 3-3 con la Maceratese: “Fa rabbia se ci fischiano contro cose che non esistono, questo dà fastidio perché avremmo meritato di vincere per quello che abbiamo fatto. Dobbiamo però voltare pagina subito, andiamo venerdì a Forlì e non è una squadra facile da battere. Ha vinto contro Reggiana e Ancona, dobbiamo fare molta attenzione a come ci approcciamo alla gara. Potevamo essere a più tre e lo avremmo meritato per quello che abbiamo fatto, ma dobbiamo accettare anche partite come questa nel corso di una stagione. Siamo campioni d’inverno in attesa di Reggiana-Parma e questo è il primo tassello che ci eravamo prefissati in estate. Avanti e pedalare”

Tabellini
Venezia-Maceratese 3-3
Reti: 8′ pt Colombi, 47′ pt Marsura, 29′ st Moreo, 37′ st Turchetta, 40′ st Geijo, 44′ st Quadri rig.
Arbitro: Sozza di Seregno 5.5

Classifica
Venezia 39
Pordenone 38
Reggiana 36 [1 partita in meno]
Padova 33
Sambenedettese 31
Gubbio 31
Parma 30 [1 partita in meno]
Bassano 29
Feralpi 26
Albinoleffe 25
Santarcangelo 24
Lumezzane 21
Sudtirol 21
Maceratese 20
Ancona 20
Teramo 18
Modena 16
Forlì 16
Mantova 15
Fano 15

Verde= promossa in serie B
Blu= playout
Arancione= playout
Rosso= retrocessa in serie D

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines