Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Il Venezia vola ai quarti di Coppa Italia dove troverà il Como

Aria di Coppa per il Venezia di Filippo Inzaghi, che non lascia nulla d’intentato e sgancia diversi potenziali “titolari” contro la Reggiana. E alla fine la qualificazione arriva nel modo più sofferto, ai rigori dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari e l’1-1 dei supplementari. Sbagliano Mecca e Maltese, segna Stulac, già autore del gol del momentaneo 1-0. Basta per alzare le braccia al cielo, quello che voleva Inzaghi. In campo ecco Baldanzeddu, Fabris, Marsura e Tortori, con la consapevolezza che le gerarchie di Inzaghi possono cambiare rapidamente. Inizio scoppiettante, con Cesarini che sfiora il vantaggio al 9′ con un bel tiro dalla distanza, quattro minuti dopo è Lombardo a fallire di poco il bersaglio. Il Venezia spinge e reclama due rigori, ma in entrambi i casi l’arbitro Maggioni lascia correre. Al 29′ la migliore chance del primo tempo per il Venezia: l’accelerazione di Marsura è impressionante, Edera tira di prima intenzione e Narduzzo respinge, sulla ribattuta Fabris alza la mira. La ripresa comincia ancora col Venezia in avanti e con un palo di Acquadro al 6′ dopo una deviazione che aveva spiazzato Narduzzo. Poi è Marsura a reclamare un rigore, ma l’arbitro lo ammonisce per simulazione. Con il passare dei minuti avanza lo spettro dei supplementari, Inzaghi si gioca le carte Ferrari e Soligo, ma le difficoltà a segnare sono le solite. Al 41′ la più grande chance capita a Soligo, che si coordina in modo spettacolare sul cross di Marsura e spedisce alto di pochissimo a Narduzzo battuto. Si va ai supplementari e all’11’ del primo extratime Stulac con un tiraccio sorprende un inguardabile Narduzzo, che buca l’intervento e spalanca le porte della qualificazione al Venezia. Ma non è finita, perché Soligo tocca Bonetto, penalty molto dubbio trasformato da Maltese con freddezza. Si va ai rigori, gli errori di Mecca e Maltese inchiodano la Reggiana, Stulac segna quello decisivo e regala il pass qualificazione per i quarti, dove il Venezia troverà il Como.

Tabellini
Venezia-Reggiana 1-1 (5-3 dcr)
Reti: 11′ 1ts Stulac, 10′ 2ts Maltese rig.
Arbitro: Maggioni di Lecco 6.

Venezia (4-3-3): Vicario 6; Baldanzeddu 5.5, Cernuto 7, Malomo 6.5, Pellicanò 6.5; Fabris 6, Stulac 7, Acquadro 6 (32′ st Soligo 6); Marsura 6.5, Tortori 5.5 (23′ st Ferrari 5.5), Edera 5 (8′ 1ts Moreo 6). A disposizione: Facchin, Luciani, Sambo, Modolo, Strechie, Serena, Garofalo, Santinon. All. Inzaghi 7
Reggiana (4-3-3): Narduzzo 4.5; Panizzi 6, Rozzio 6, Sabotic 6.5, Giron 5.5; Bonetto 6, Lombardo 6 (11′ 1ts Mecca 5.5), Maltese 5.5; Cesarini 6.5 (13′ 1ts Rizzi 5.5), Otin 5, Falcone 5.5 (5′ 2ts Mastropietro sv). A disposizione: Demalija, Rizzi, Rocco, Masini, Zito. All. Colucci 5.5.
Ammoniti: Rozzio, Maltese, Marsura, Narduzzo, Stulac
Note: spettatori 402 paganti 2.781,70 incasso

Fonte: Triveneto goal

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines