Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Gli arancioneroverdi ritornano alla vittoria e ritornano in testa alla classifica

Venezia-Teramo 3-1 Campionato Nazionale Lega Pro Girone B 8' Giornata -
Il Venezia ritrova la vittoria e la vetta, seppur in coabitazione con Sambenedettese e Bassano. Ancora una volta è servito uno schiaffo per destare i lagunari, ed ancora una volta la rimonta si è completata. Una partita complicata, come lo saranno tutte fino alla fine dell'anno, nella quale abbiamo preso il sesto legno in tre partite e trovato delle ottime parate del loro portiere. La squadra è stata brava a ribaltarla subito, anche se su alcuni aspetti, come la gestione di palla quando si è in vantaggio, si deve certamente migliorare.
Tanta grinta e finalmente sono arrivati i gol di Geijo. C'è da registrare appunto che finalmente il reparto offensivo lagunare si è sbloccato con uno schieramento particolarmente offensivo, votato a centrare il successo. Eppure era difficile tornare in campo al Penzo dopo il pareggio con la Sambenedettese, con l'assillo di dover vincere ad ogni costo per mantenersi in vetta.
La squadra ha pagato un po' questa situazione, giocando una partitta non eccezionale sotto il punto di vista del ritmo e costellata da errori, subendo ancora una volta il gol e ritrovandosi costretto ad inseguire.
Una condizione questa che pare stimolare i lagunari che spesso riescono a rimettere in piedi il match in rimonta (non è successo solamente a Pordenone)
Ma subito il gol del Teramo, squadra apparsa particolarmente generosa, rapida in alcuni frangenti e pronta a pungere, il Venezia prende in mano la gara stimolato anche da alcuni fischi e qualche mugugno di malumore da parte del proprio pubblico, evidentemente non soddisfatto della prova. E poi Geijo porta i lagunari al riposo in parità, con Pederzoli che c'entra la traversa su punizione, permettendo così di riprendere la gara con un piglio più determinato. E infatti gli arancioneroverdi crescono ancora a inizio ripresa, togliendo spazio agli ospiti, non aumentano il ritmo ma si propongono con più entusiasmo e decisione per trovare il secondo e il terzo gol, quello della tranquillità.
Meno bello che in altre occasioni il team di Inzaghi ha mostrato che le potenzialità offensive ci sono tutte e finalmente iniziano a farsi concrete. Purtroppo in negativo ci sono ancora da annotare alcune sbavature difensive che concedono troppo spazio agli avversari e qualche occasione pericolosa di troppo, costringendo Facchin a superarsi più di una volta.
Quella con il Teramo è stata una prova di maturità superata pur con qualche tentennamento, grazie a una grande grinta e voglia di concretizzare che ha permesso di sopperire anche alle assenze pesanti di Domizzi e Fabiano.
Nuovamente in testa il Venezia può ora guardare con una certa serenità alla trasferta di sabato a Modena, per prepararsi nella maniera migliore al derby del 29 contro il Bassano al Penzo.

Tabellini
Venezia-Teramo 3-1
Reti: pt. 23' Ilari (TR), 30' Geijo (VE), st. 9' Fabris (VE), 36' Geijo (VE)
Arbitro: Sig. Luciano di Lamezia

Classifica 8' Giornata
BASSANO 18
Venezia 18
Sambenedettese 18
FeralpiSalò 17
Pordenone 17
Gubbio 16
Reggiana 15
Parma 15
Santarcangelo 14
Modena 10
Albinoleffe 10
Padova 10
Maceratese 10
Ancona 10
Lumezzane 9
Sudtirol 7
Teramo 7
Mantova 6
Fano 6
Forlì 2


Padova e Reggiana una partita in meno

verde promossa in serie B
azzurro playoff
arancio playout
rosso retrocessa in serie D

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines