Passa ai contenuti principali

Un vuoto a perdere

Con loro ho scelto di chiudermi, non per loro paura, ma per lasciare fuori chi vuole snaturarmi. Dicono che la mia presenza è loro motivo di malumore ma non sanno che il loro malumore è il motivo della mia fierezza. Del resto il “nulla” non si nota e passa inosservato. Si credono superiori ma camminano sui tacchi spezzati. Il fatto stesso che parlino,parlino,parlino, solo per aprire la bocca, li rende inconsapevolmente stupidi. Per parlare ci vuole testa a far chiacchiere son capaci tutti. Me ne danno ancora di giudizi negativi ma, non mi hanno e non mi turbano mai, ho capito che le piccole persone devono farsi grandi in qualche modo, e essendo sicuro che posso aiutarle a farli star meglio, le lascio fare. So chi sono e questo non cambia, dicano quel che gli pare io, me ne frego. Non sono nient'altro che un vuoto a perdere che ha aiutato a comprendere il valore dei miei passi. Una liberazione da una presa per i fondelli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines