Passa ai contenuti principali

Uno strano piccolo gruppo

Ohana” significa famiglia e famiglia vuol dire che nessuno viene abbandonato o dimenticato. Ma per la famiglia del defunto fù Giulio non è mai stato così.
Uno strano piccolo gruppo di personaggi simili ad una vecchia maglia di lana di un tempo: irritanti.
Focolari chiusi, porte sprangate, possessi gelosi della felicità
Uno strano piccolo gruppo di repressione delle simpatie, di obblighi ad amare, di colpe, di proteste, carezze false e veri schiaffi.
Una famiglia disfunzionale
Uno strano piccolo gruppo di parenti con l'unica volontà di ricordarmi che è molto meglio rivolgermi agli amici
Uno strano piccolo gruppo che frequentavo per imposizione e che ora non frequento più, era come mi rubassero l'energia: mi consumavano
Uno strano piccolo gruppo che negli anni mi aveva fatto costruire un muro. Un muro che si può percorrere ma non oltrepassare
Uno strano piccolo gruppo che mi ha fatto sempre chiedere se c'era più peccato nel seguire quello che sentivo o nell'ipocrisia di vivere ciò che non sono
Uno strano piccolo gruppo che vive una routine che non può produrre nessun risultato diverso. Se non erano felici ieri, non possono esserlo oggi e nemmeno domani. Danno la sensazione di consumare la loro vita nell'attesa di qualcosa che non gli accadrà mai.
Uno strano piccolo gruppo che ho eliminato dalla mia vita, che credevo essenziale per me, persone fatte di mille promesse e neanche un'azione, se non quelle a loro favore.
E più passa il tempo e più mi accorgo di aver soltanto preso la decisione migliore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines