Insieme per crescere

Sabato 13 Agosto 2016

INSIEME PER CRESCERE”

Campo Scuola [Gruppo IL PASSO] Parrocchia S.M. Bertilla (Spinea)
Caorle -Venezia-

Il RE LEONE OVVERO DIVENTARE CIO' CHE SI E'

Ore 9.30 del mattino tutti gli amici della SAVANA [Gruppo il Passo] si muoveranno verso la destinazione del prossimo campo scuola. Il parcheggio della chiesa S.M. Bertilla sarà il solito loro punto di ritrovo.
E via verso Meolo, San Donà di Piave, Cessalto, San Stino di Livenza sperando di fare poca coda o di non farla assolutamente.
Il lungo viale fronte mare accompagna l'ultimo tratto del nostro viaggio e sulla sinistra, prima dell'unica curva del lungo rettilineo, la struttura della Casa per Ferie Bruno e Paola Mari gestita dall'Opera Diocesana Assistenza
Subito si nota la imponente costruzione fronte mare dalle pareti bianche e dalle finestre colore azzurro che richiama il mare. Quattro piani ed un piano terra dove si trova la reception, la grande sala da pranzo e le stanze private assegnate ai gruppi per le attività.
Per gli amici della SAVANA è la seconda volta che sono ospiti della struttura. La prima volta, nella costruzione fronte mare, al primo piano nel 2012, campo scuola in compagnia di S. Francesco.
Per questa volta sarà la savana ha fare da protagonista con i personaggi del film Il Re Leone.
Il film Il Re Leone ha delle perle di saggezza che dovrebbero tutte essere scolpite dentro il nostro cuore.
Saranno proprio queste perle ha farci compagnia per l'intera settimana.

Non è semplicemente un cartone animato, ma un vero e proprio film con una sceneggiatura brillante, personaggi profondi e sfaccettati e musiche meravigliose cantate da Elton Jhon (la versione italiana interpretata da una strepitosa Ivana Spagna).
Ma per noi animatori, a rendere indimenticabile e intramontabile “The lion king” è il messaggio che porta, la storia che racconta, quella del “cerchio della vita”.
La storia del piccolo Simba che nasce dall’amore dei genitori e si affaccia alla vita dalla rupe, con grandi festeggiamenti da parte di tutta la comunità. Il leoncino scopre la realtà che lo circonda, con esplorazioni impavide e scorribande con gli amici. Con ingenuità corre i primi pericoli e fa le prime scoperte, come quella del destino che lo attende, un destino da re.
E’ meravigliosa la figura del padre, il Re Mufasa, che non si può non amare con trasporto ma è senza dubbio affascinante anche quella del perfido zio Scar.
L’eterna lotta fra il bene e il male: è questa secondo noi la vera chiave di lettura del “cerchio della vita”: in quella “giostra che va”
Ci rientrano il lutto e i tradimenti, la disonestà, l’abbandono.
Ma per fortuna il film ci insegna che è proprio quando tutto sembra perduto, quando ciò che ci circonda è una desolata prateria sterminata dagli incendi, quando lo sconforto ci fa perdere la fiducia in noi stessi, che qualcosa può davvero cambiare e troviamo la forza per riappropriarci di ciò che ci spetta. (Che nel caso di Simba è il regno della Savana, nel nostro caso può essere qualsiasi cosa che per un motivo o per l’altro abbiamo abbandonato, fosse anche solo un sogno)
Senza perdere il buon cuore, Simba ormai grande diventa forte e coraggioso, lascia da parte la paura e il senso di inadeguatezza e si scopre Re. Guidato dalla sua stella (il padre) scopre anche l’amore e si rimette in cammino per lottare e rimettere in moto quella giostra che è la vita di ognuno e di tutti noi.

Mufasa parla a Simba

"Essere re vuol dire molto di più che fare quello che vuoi. Tutto ciò che vedi coesiste grazie ad un delicato equilibrio. Come re, devi capire questo equilibrio e rispettare tutte le creature, dalla piccola formica alla saltellante antilope. Quando moriamo, i nostri corpi diventano erba, e le antilopi mangiano l'erba, e così siamo tutti collegati nel grande Cerchio della Vita"

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai