Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Tre botti per gli arancioneroverdi

Si è tenuta oggi, nella sede sociale del Venezia FC, la conferenza stampa di presentazione del difensore centrale Maurizio Domizzi nel corso della quale è stato ufficializzato anche l’accordo trovato con il terzino destro Ivano Baldanzeddu e con l’attaccante Francesco Virdis.

A fare gli onori di casa il presidente del Venezia FC Joe Tacopina che ha espresso tutta la propria soddisfazione per i tre colpi di mercato messi a segno dal direttore sportivo Giorgio Perinetti: “questi 3 ragazzi non hanno certo bisogno di presentazioni, le loro carriere parlano da sé: Domizzi viene dall’Udinese Calcio e vanta 364 presenze tra serie A e B e 25 goal oltre che 29 presenze nelle coppe europee. Baldanzeddu ne conta 116 tra A e B, Virdis è una garanzia per la Lega Pro, nella sua carriera 296 presenze e 105 goal realizzati. Ogni giorno aggiungiamo un tassello importante e se giocatori di questo calibro hanno deciso di essere parte della nostra famiglia è perché credono nel Venezia FC, sanno che qui c’è un progetto ambizioso e che arriveremo lontano. Come ho detto ieri i nostri tifosi saranno nuovamente orgogliosi di essere fans del Venezia FC.”

La parola è passata poi al direttore sportivo del club Giorgio Perinetti che ha subito voluto sottolineare la cifra tecnica dei tre nuovi arrivati “oggi presentiamo tre giocatori di esperienza, ma soprattutto sono ragazzi che amano la propria professione e che hanno sempre dimostrato di avere un grande senso di appartenenza alla squadra, e queste sono carattteristiche che stiamo ricercando. Se Domizzi e Baldanzeddu hanno deciso di scendere di categoria è perché hanno scelto di sposare questo progetto.”

“Ho scelto Venezia perché di questa società mi ha colpito la gran voglia di far bene e di migliorare continuamente – ha dichiarato Maurizio Domizzi – dopo una lunga esperienza all’Udinese, avevo bisogno di qualcosa di diverso, della possibilità di allenarmi e giocare per vincere e qui ho trovato quello che stavo cercando. Vorrei chiudere al meglio la mia carriera regalandomi qualche altra promozione.”

“Non potevo dire no a Venezia – gli ha fatto eco Ivano Baldanzeddu – qui c’è un presidente da Champions e un direttore di immensa esperienza. Ho rifiutato categorie superiori perché sono consapevole che anche se siamo in Lega Pro, qui c’è una società da Serie A. Spero quindi di ricambiare la fiducia che mi è stata accordata, vincere non è mai facile ma posso assicurarvi che ci danneremo l’anima per portare il Venezia in alto.”

“Il Venezia FC è una garanzia, le persone sono alla base delle vittorie e qui c’è una società seria, può sembrare una frase di circostanza ma non lo è, quando sono stato in società ho avuto l’impressione di essere in serie A e no in Lega Pro. – conclude Francesco Virdis raggiunto telefonicamente – Il presidente ha una passione, una voglia e uno spirito invidiabile per il direttore parlano i risultati e quello che ha fatto nel calcio, quindi non ci ho pesato un attimo e ho accettato con grande entusiasmo questa nuova avventura mettendomi completamente a disposizione del mister.”

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines