Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Inizia il nuovo corso

Tra Filippo Inzaghi e il Venezia è 'feeling' puro. L'ex Milan non vede l'ora di iniziare la sua nuova avventura in panchina: lo dimostrano i 'no' rifilati a proposte altisonanti.
In primis dalla Cina: la 'Gazzetta dello Sport' parla di 4 milioni a stagione messi sul piatto per convincere SuperPippo a cambiare continente, idea però mai presa in considerazione dal diretto interessato.
Inzaghi è rimasto stregato dal progetto Tacopina, punta a ripartire dalla Lega Pro per riscattarsi dell'annata flop vissuta nel 2014/2015 al timone dei rossoneri. Tanto da chiudere la porta anche a 3 club di B: Avellino, Frosinone e Novara.
Il presidente del Venezia gli ha fornito rassicurazioni su ambizioni e investimenti, con un budget per il mercato da ben 7-8 milioni e la presenza del ds Perinetti a garantire colpi in grado di far sognare.
Tra stasera e domani sono previsti firma e annuncio di Pippo in Laguna, in giornata il club veneto ufficializzerà l'esonero dell'attuale allenatore Giancarlo Favarin. Poi partirà l'era Inzaghi.

Maurizio Domizzi e il Venezia, l'avventura può iniziare. Trattativa conclusa e accordo trovato, il difensore è pronto a ripartire dalla Lega Pro. L'ex Udinese è convinto dal progetto di Tacopina e Perinetti e inizierà a lavorare agli ordini del neo allenatore Filippo Inzaghi.
Pronto un biennale con premi legati al raggiungimento di obiettivi sia in Lega Pro che in caso di promozione in Serie B. Possibilità di rimanere in società anche al termine della carriera da calciatore. Manca solo l'ufficialità che arriverà nei prossimi giorni, ma tra Domizzi e il Venezia è ormai fatta: la nuova avventura può iniziare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea