Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Un rigore al 93' salva i padovani

CAMPODARSEGO (Padova) – Il contraccolpo c’è stato e il Campodarsego visto oggi contro la Liventina è lontano parente della squadra che ha strabiliato l’Italia per più di un girone. Ma arriva un successo che vale molto al 93′, su rigore discusso, che permette ai ragazzi di Antonio Andreucci di rimanere in scia alla capolista Venezia nel momento più difficile dell’anno.

Sul taccuino tante occasioni degne di nota: al 6’ Aliù viene steso in area dal portiere ospite Rossi, ma l’arbitro non concede un penalty sembrato netto. Al 14’ risponde la Liventina con Zottino che ci prova dal limite, ma Merlano para. Altre chance nitide per Cacurio e Aliù per Boem per i trevigiani. Nella ripresa il Campodarsego sparisce inspiegabilmente dalla partita, vittima probabilmente di un calo fisico piuttosto netto.

Al 75’ Aliù reclama un secondo rigore per un atterramento ai suoi danni da parte di Cescon, ma stavolta l’arbitro pare vedere bene. Al 90’ Bortot e Boem vengono espulsi, ma al 3’ di recupero Meloni di Carbonia concede la massima punizione che pare molto meno netta rispetto al rigore negato nel primo tempo. Soncin tocca Aliu e Cacurio dagli 11 metri non sbaglia facendo esplodere di gioia il Gabbiano.
Fonte: www.padovagoal.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines