Passa ai contenuti principali

Nonostante quella sera di fine estate il nostro vero sogno non è mai morto

Sempre li, immagini sfocate del mio passato provocano sempre le stesse emozioni. Fanno un giro strano. Mi attraversano la pelle, le ossa scorrono le vene e si ripongono nella mia mente. Certe immagini posso solo custodirle li. Forse posso fingere che non siano mai esistite, ma basta un sapore, una parola, una fotografia che si ricollocano sempre li. Non potrò mai dimenticare quella sera di fine estate è sempre davanti ai miei occhi con il ricordo e il dettaglio ben incisi nella mia mente

Non riesco a scappare da quella sera, troppo vigliacche quelle ore. Ho scelto di non scapparne, di non fingere di nulla, di affrontare e andare avanti, a ritmi diversi e alterni, ma di andare avanti. La vita mia ricomincia da quella sera, non solo per me ma anche per chi mi è più vicino e ne ha pagato care le conseguenze. Siamo diventati più forti e ci abbiamo creduto e sentito che questa vita era ancora nostra. Abbiamo donato anima ai nostri pensieri e cuore alle nostre azioni.

I nostri sforzi hanno avuto risposte tangibili ai risultati a cui miravamo. Nonostante quella sera il nostro vero sogno non è mai morto. Un cammino duro, impervio, con tante porte chiuse e qualcuna aperta dove vi ci si buttava dentro. Un cammino costante. Un passo dietro l'altro in un percorso accidentato. Non ci siamo mai nascosti dietro ai dubbi e alle convinzioni di non esserne all'altezza. E' diventato il senso della nostra vita con i valori di chi senza maschere ci apriva il suo cuore.

Di chi ha saputo, al contrario di altri, regalarci sostanza, equilibrio, umiltà, altruismo, per consegnarci un domani migliore. Un domani senza presunzione alcuna, ma pieno di volontà e alla ricerca di nuovi spazi, nuovi dimensioni per dare valore a ciò che miravamo a realizzare. Con il cuore, quel cuore negatoci da altri che sempre batte e apre un sipario nella pace della nostra coscienza e che ci ha fatto sentire in sottofondo una bellissima musica fatta di speranza e immenso amore negatoci quella sera da chi meno ci aspettavamo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines