Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Pareggio a reti inviolate contro i trentini del Levico

Venezia-Levico 0-0 Campionato Nazionale Serie D Girone C – 11^ Giornata -

L’undicesima giornata del girone di andata ha visto l'undici lagunare ospitare al Penzo il Levico Terme. Partita difficile, sicuramente sfortunata e con un risultato che sta stretto agli uomini di mr. Favaretto. Lo 0-0 del Penzo è infatti frutto di tante occasioni mancate per un soffio, e anche – qui colpevoli gli arancioneroverdi – di un cinismo assente sotto porta.

Nel primo tempo Fabiano scheggia il palo con un gran destro (10'), il Venezia crea buon gioco e in più di un’occasione invade l’area di Zomer senza però riuscire ad impensierire realmente l’estremo difensore.
Con una difesa ben strutturata e in grado di giocare quasi ad occhi chiusi, anche l’attacco veneziano nel secondo tempo sembra destarsi: al 56’ è quasi gol quando Fabiano insacca con uno splendido gol in rovesciata che viene però annullato per posizione di fuorigioco. Pochi minuti più tardi è Modolo a costringere Zormer al miracolo, mentre al 79’ Serafini colpisce in pieno la traversa illudendo ancora una volta il pubblico di casa.

Un altro paio di buone occasioni scaturiscono ancora dai piedi di Modolo e Fabiano, ma come dirà più tardi Calzi “oggi la palla non voleva entrare”. Il Venezia si conferma imbattuto e continua a guidare la classifica con un curriculum che vede 9 vittorie e 2 pareggi ma ora con soli due punti di vantaggio dall'immediata inseguitrice Campodarsego. Prossimo turno per gli arancioneroverdi a Tamai poi il turno infrasettimanale serale Mercoledì 11 novembre contro il MoglianoMestre

Venezia-Levico Terme 0-0
Arbitro: Sig. Alessio Clerico di Torino

Classifica prime posizioni
VENEZIA 27
Campodarsego 25
Virtus Vecomp 21
Calvi Noale 21
Tamai 17

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines