Passa ai contenuti principali

Venezia FC: Derby al Venezia

Venezia-Mestre 1-0 Campionato Nazionale serie D girone C – 13^ Giornata -
Il Venezia si aggiudica il primo derby con il Mestre al termine di una gara non eccezionale ma con una cornice di pubblico davvero esaltante: quasi quattromila gli sportivi che hanno raggiunti il Penzo per un turno infrasettimanale in notturna che è stato condizionato dalla nebbia.

In programma alle 20.30 il match è invece iniziato dopo 37 minuti di attesa. Partita molto attesa quindi carica di aspettative da entrambi le parti con il Mestre pronto a partire a raffica per cercare di sfruttare l'effetto sorpresa e segnare l'incontro, ma il Venezia non si è fatto sorprendere. La palla ha stazionato tanto a centrocampo, arrivando spesso anche a ridosso della trequarti, ma senza poi grandissime occasioni.

Ha deciso un gol di Paolo Carbonaro. Con questa vittoria gli arancioneroverdi interrompono la striscia di 3 pareggi consecutivi e resta appaiato al Campodarsego in testa alla classifica del girone C a quota 31 punti. Tre punti tanto sudati, con la grande tensione nell'attesa del fischio finale, quanto importanti per il morale della squadra che ha festeggiato sotto una curva sud esaurita.- Nove vittorie, undici in quindici partite considerando anche la coppa Italia.

Questa vittoria vale più un po' di più delle altre perchè arriva in un derby e perchè fa ritrovare autostima in un periodo in cui le cose non giravano bene. Una serata incredibile, un pubblico eccezionale la gioia al '90 di un presidente Tacopina esausto. Un pubblico che ha fatto sentire il Penzo come hai vecchi tempi della serie A. Si è vinto con merito, soffrendo, ma contano i tre punti e il fatto che si è sempre primi.
Ora avanti così da questo derby come punto di partenza.

TABELLINI
VENEZIA-MESTRE 1-0
Reti: p.t. 42^ Carbonaro (VE)
Arbitro: Sig. Gualtieri di Asti

CLASSIFICA PRIME POSIZIONI

VENEZIA 31
Campodarsego 31
Virtus Vecomp 25
Calvi Noale 24
Belluno 21

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines