Passa ai contenuti principali

Quando piove a Venezia

Quando piove a Venezia, ci si bagna. Venezia con la pioggia è dunque una esperienza tutta veneziana, dato che l’acqua, quando piove , è acqua più acqua che in nelle altre parti del mondo: è un’apoteosi di umidore. Non viene dal cielo, ma da qualunque parte: da sotto, da sopra, da destra e da sinistra.

Cade dall’alto, da cieli di nuvole spesse che diventano grigie come il metallo e poi nere, e impietriscono in un attimo l’aria, ingoiandosi i raggi di luce come Scilla ingoiava i naufraghi incauti; risale dalle massicciate delle fondamenta, che trasudano fanghiglia sporca fra un interstizio e l’altro; gorgoglia nei canali con il plonf plonf delle gocce che piombano sferzanti, e poi sudano acqua gli intonaci e i muri, e il loro sudore rivola via nei campi trasformati in pozzanghere e per le calli.

Non è pioggia, è un assedio. La città sembra sciogliersi in quell’elemento che le dà vita, le guglie gotiche dilavano via, paiono scomparire e sfarsi, come i pinnacoli dei castelli di sabbia sulla spiaggia, il legno con cui e su cui è costruita si gonfia, le bricole, i pontili, le altane si enfiano e non si sa quale incantesimo impedisca loro di scoppiare come palloncini troppo pieni.


Le leggi della fisica lo prevederebbero, forse, ma Venezia è una città che sfida tutte le leggi, le regole e i principi, compreso quello della capillarità, per cui l’acqua inzuppa tutto e tutti, ma con il magnifico equilibrio di chi conosce il punto di non ritorno, ci si spinge vicino vicino, lo lambisce, ma non lo supera mai. E quindi quando finisce la pioggia, l’acqua non scompare, ma si ritira, torna al suo posto come una mano che si è spinta in una carezza un po’ forzata, e lascia la città intatta, e i Veneziani bagnati.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines