I contantisti

Odiano il Telepass e non accettano che i casellanti non esistano quasi più. Usano solo contanti e, di fronte al pedaggio automatizzato, si sentono smarriti. Un po' perchè sono imbranati e un po' perchè vorrebbero fare due chiacchere.

Così, in mancanza di meglio, dialogano fittamente con le voci automatiche.
Introdurre la moneta a destra”;
Grazie. Come ti chiami?”;
Attendere il resto”;
E' un po' strano, come nome. Suona un po' male, senza offesa si intende”;
Ritirare la ricevuta”;
Sei una donna di poche parole, tu”.
E via così.
Tratto da uno zoo a tre corsie – Andrea Scanzi – Il fatto quotidiano -

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai