I codisti

Tribù più diffusa di quel che si creda, caratterizzata dalla smodata fascinazione per le code.
Non appena vedono un rallentamento, inchiodano con giubilo, spengono la macchina e improvvisano un banchetto sul tetto dell'auto.
Nei casi (per loro) più fortunati, quando cioè l'autostrada è proprio bloccata, gridano al miracolo e si abbracciano estaticamente tra loro.
Muniti di viveri infiniti e vettovaglie da far invidia alla Mogherini, mangiano felici mentre glia altri – tutt'attorno – inveiscono sperando di ripartire. A ben pensarci, della vita, hatto capito tutto.
Tratto da uno zoo a tre corsie – Andrea Scanzi – Il fatto quotidiano -

Commenti