Gli indecisi

Vivono i bivi autostradali come crocicchi esistenziali e, per questo, ponderano con attenzione ogni decisione: ci pensano bene. Prassi salutare, che li porta a sostare puntualmente nell'eseguio – e appena pericoloso – spiazzo di fronte ai cartelli “Sinistra Roma” “Destra Firenze”.

Per sentirsi in regola, mettono le quattro frecce. Cominciano poi a litigare, quasi sempre da soli. “Io andrei a sinistra, perchè il Vaticano mi eccita”. Ma no, io andrei a destra, ho voglia di parlare di Aristofane con Nardella”. Dis olito, per la cronaca, vince Nardella.
tratto da uno zoo a tre corsie - Andrea Scanzi - Il Fatto Quotidiano -

Commenti