Passa ai contenuti principali

Venezia football club: Inizia a formarsi la squadra

Sei «botti» di mercato e la partenza per il ritiro . Il Venezia fa sul serio e il suo ds Giorgio Perinetti, da vecchio lupo di mare del calciomercato, sta mandando in buca una dopo l’altra le biglie arancioneroverdi, come su un tavolo da biliardo. Tre difensori (Riccardo Busatto, Daniel Beccaro e Francesco Cernuto), un centrocampista (Giampaolo Calzi) e due attaccanti (Paolo Carbonaro e Matteo Serafini) per rafforzare la rosa a disposizione di Paolo Favaretto.

Colpi che si aggiungono a quelli già ufficializzati con il portiere D’Alessandro, i centrocampisti Evans Soligo e Matteo Malagò e il difensore Lorenzo Checchi. Dieci acquisti a cui si sommeranno i giovani dell’Under che, per i regolamenti, dovranno giocoforza essere schierati in campionato (un ‘95, due ‘96 e un ‘97). Sabato la partenza per il ritiro di Piancavallo, dove il nuovo Venezia Fc preparerà il campionato di serie D: la prima giornata verrà giocata il 5 settembre.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines