Passa ai contenuti principali

Che giorno è?

Che giorno è? Bisogna ancora ricordare, per far conoscere, per insegnare, per non dimenticare, per proteggere la democrazia, per combattere la mafia, per scuotersi dall'indifferenza, per sentirsi vivi, per essere liberi, per essere uomini.

Che giorno è? Guai a chi dimentica i propri testimoni, i propri martiri, chi con coraggio inconsapevole o consapevole ha speso la propria vita per creare una comunità buona, una società migliore. Chi dimentica è condannata a subire il peso degli errori che i testimoni volevano rimediare.

Che giorno è? Non ero nato nel 1915. Nemmeno mio padre e mia madre, che però subirono la sciagura della seconda guerra mondiale: mio padre, marconista aviatore, ritornato a casa a Venezia, da Pola, non si sa come a piedi, mia madre, patendo le difficoltà di chi rimaneva e viveva come poteva.

Che giorno è? Io ho sessant'anni fra nove mesi. Ne avevo trentasei quando Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro morirono sull'autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo allo svincolo di Capaci, in provincia di Palermo. Mille chili di tritolo, un inferno improvviso, un'apocalisse moderna.

Che giorno è? Bisogna ricordare, anche se fa male. Comincio a odiare questo verbo, a volte ti costringe a sforzi dolorosi, sembra non lasciarti spazio per altri verbi, che configurano azioni e situazioni dolci, spensierate, serene. Invece noi siamo qui, a ricordare, perchè se possiamo ancora godere della nostra libertà dobbiamo avere in mente chi ne ha pagato il prezzo.

Che giorno è? Oggi è il 24 Maggio 1915 o il 23 Maggio 1992.


Oscar Wilde diceva che “la memoria è il diario quotidiano che ciascuno di noi porta con sè”. Purtroppo molti preferiscono strappare le pagine più dure e indigeste di questo diario. E' comprensibile: fare i conti con la propria memoria, quella individuale e quella collettiva, è spesso doloroso e faticoso. Ma non si costruisce un futuro migliore cancellando, o fingendo di ignorare, il passato. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

dal libro "Marcovaldo"

"Papà" dissero i bambini, "le mucche sono come i tram? Fanno le fermate? Dov'è il capolinea delle mucche?"
"Niente a che fare coi tram" spiegò Marcovaldo, "vanno in montagna."
"Si mettono gli sci?" chiese Pietruccio.
"Vanno al pascolo a mangiare l'erba."
"E non gli fanno la multa se sciupano i prati?" Italo Calvino

A Napoli

Troppa folla, troppo disordine, troppo rumore. Non pioveva, ma le strade erano bagnate e umide peggio che in campagna, e dappertutto bucce e cartacce, semi di zucca, scheletrini di pesci, valve di cozze, banchi di pizzaiuoli di paste cresciute esposte alla polvere in un acre fetor d'olio fritto. Domenico Rea