Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2014

Gli incontri importanti

Gli incontri importanti si vincono prima di salire sul ring.Muhammad Ali

Lettera del nonno

La specializzazione è roba da insetti

Un essere umano dovrebbe essere in grado di cambiare un pannolino, pianificare un’invasione, macellare un cinghiale, pilotare una nave, disegnare un edificio, comporre un sonetto, tenere i conti in regola, costruire un muro, accendere il fuoco, confortare chi sta morendo, dare ordini, eseguire ordini, cooperare, agire da solo, risolvere equazioni, analizzare un nuovo problema, fertilizzare un campo, programmare un computer, cucinare un pasto gustoso, combattere con efficienza, morire con onore. La specializzazione è roba da insetti.Robert Anson Heinlein

Eliot Wayne Partridge

Immagine

Praticità

La mia praticità consiste in questo: nel sapere che a battere la testa contro il muro è la testa a rompersi e non il muro.Antonio Gramsci

Nickelback

Immagine

Una vita come un'altra

Potere troppe voltedelegato ad altre mani,
sganciato e restituitoci
dai tuoi aeroplani,
io vengo a restituirti
un po’ del tuo terrore
del tuo disordine
del tuo rumore.Fabrizio De Andrè [da storia di un impiegato]

Godersi semplicemente la gita

Capire bene la gente non è vivere. Vivere è capirla male, capirla male e male e male e poi male e, dopo un attento riesame, ancora male. Ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando. Forse la cosa migliore sarebbe dimenticare di aver ragione o torto sulla gente e godersi semplicemente la gita. Ma se ci riuscite… Beh, siete fortunati.Philip Roth

Nazareth

Immagine

Consigli

È proibito dare consigli quando la gente non li chiede.da 'Napoli milionaria'

Carey Bell

Immagine

Sconfiggere le forze oscure del tempo e dell'ignoranza

“L'oggetto socialedell'investimentospecializzato dovrebbe essere quello di sconfiggere le forze oscure del tempo e dell'ignoranza, che avvolgono il nostro futuro.”John Mainard Keynes

Fbc Unione Venezia: Alla squadra manca maturità

Lumezzane-Venezia 3-2 Campionato Nazionale Lega Pro Girone A – 14^ Giornata -
A detta di tutti il Venezia era chiamato ad un esame di maturità, perchè cogliere la quarta vittoria di fila su un campo insidioso come Lumezzane [ partita giocata sabato 22 novembre ] avrebbe aumentato entusiasmo e ambizioni.
Invece in terra bresciana è arrivata la frenata, la prima vera sconfitta con Michele Serena [ a Cremona aveva sostituito Dal Canto da due allenamenti ]. Sesta sconfitta però di un campionato che vede gli arancioneroverdi fare e disfare.
Sei sono pure le vittorie, l'unico pareggio [1-1] in casa del Pordenone ultimo della classe: il Venezia naviga nel limbo di metà classifica e continua a anon conoscere le mezze misure, così il cartello “LAVORI IN CORSO” rimane d'attualità dopo due terzi del girone d'andata.
Sotto nel punteggio dopo 10' il Venezia ha impattato con un altro gol del difensore Marino, poi Bellazzini ha finalmente registrato il piede piazzando una punizione manci…

Mark Knopfler

Immagine

Rugby

Il rugby è uno sport da gentlemen. Prima di tirare il pallone, indietro, al tuo compagno, tu devi controllare che lui stia bene, che sia ben disposto, aperto, disponibile, ottimista. 

Non puoi tiragli un pallone vigliacco che gli arriva assieme a due energumeni che gli fanno del male. 

Però mentre tu fai tutto questo bel ragionamento etico, ce n’è altri ventinove che ti guardano di cui, quattordici tuoi e quindici no, e di questi, tre ti corrono addosso, due grossi e uno piccolo, ma cattivo, e la prima tentazione è di dare il pallone al tuo compagno.Marco Paolini

Violenza

Credevo che la violenza fosse nelle urla, nelle botte, nella guerra e nel sangue. Adesso so che la violenza è anche nel silenzio, e qualche volta è invisibile a occhio nudo. 

La violenza è il tempo che risana le ferite, la sequenza irriducibile dei giorni, l’impossibile ritorno indietro. La violenza è quello che ci sfugge, che tace, che non si manifesta, la violenza è ciò che non ha spiegazione, che resterà opaco per sempre.Delphine De Vigan

Disabili e aiuti pubblici, la soluzione è trasferirsi in massa a Trento

Lo scorso 15 ottobre la dr.ssa Linda Laura Sabbadini, direttore del dipartimento per le Statistiche sociali e ambientali, al cospetto dei parlamentari della XII Commissione Affari sociali della Camera dei deputati ha riferito una relazione molto interessante per i familiari dei disabili (qui si possono scaricare i documenti integrali).

Sorprende chi scrive che, ciò nonostante, si continui ad ascoltare da parte dei parlamentari delle forze di governo entusiastici commenti riguardo il finanziamento previsto nella manovra di stabilità per i non autosufficienti. Veramente sorprendente. Eppure la dr.ssa Sabbadini aveva descritto l’inadeguatezza quasi assoluta del sistema di welfare per i disabili gravi italiani. La stessa sottolineava che “metà della popolazione giovane e adulta con grave disabilità non riceve aiuti pubblici, non si avvale di servizi a pagamento, né può contare sull’aiuto di familiari non conviventi”.

Forse alcuni parlamentari della maggioranza saranno stati distratti quando…

Sfida alla logica

Persistere nell’errore o nell’alcol acquista allora il valore di argomento, di sfida alla logica: se mi ostino, vuoi dire che ho ragione, checché se ne possa pensare. E mi ostinerò fino a che gli elementi non mi daranno ragione: diventerò alcolizzata, prenderò la tessera del partito del mio errore, nell’attesa di scivolare sotto il tavolo o di essere ignorata da tutti, con la vaga speranza aggressiva di far ridere il mondo intero, convinta che fra dieci anni, dieci secoli, il tempo, la Storia o la Leggenda finiranno per darmi ragione, il che del resto non avrà più alcun senso, visto che il tempo riscatta tutto, visto che ogni errore e ogni difetto ha il suo momento d’oro, visto che sbagliare è comunque sempre una questione di epoca.Amélie Nothomb

Dropkick Murphys

Immagine

Il giorno che uccisero il presidente Kennedy

Ricordo ancora come fosse ieri, la sera che per la televisione davano la notizia dell'assassinio del presidente John Kennedy. Avevo 7 anni ed ero seduto per terra sul tappetto come fanno gli indiani davanti al televisore.
“Oh no!” esclamò la mamma. “Ma come è possibile” disse ancora.Papà si alzò e andò ad alzare il volume del televisore. In quegli anni non c'era ancora il telecomando e la TV era in bianco e nero.
Passavano le immagini, la macchina presidenziale, il corteo, la folla che salutava e poi all'improvviso il presidente che abbassava la testa, la macchina che prendeva velocità, la folla gridava e poi di nuovo il giornalista del telegiornale, a quei tempi non ancora TG.
Una serie di omicidi a catena si sarebbero susseguiti. Lee Oswald il presunto assassino del presidente Kennedy, Jack Ruby l'assassino di Lee Oswald, Malcom X nel febbraio del 1965, Martin Luther King il pastore nero nell'aprile 1968, Robert Kennedy il fratello del presidente nel giugno 1968.
Er…

Ciò che c'è al di là degli occhi

La vita è un continuo viaggio, basta solo aver voglia di conoscere ciò che c'è al di là degli occhi Cesare Pavese

La Fiat 850 dello zio Ugo

Immagine
Ricordo ancora, come fosse ieri, la Fiat 850 beige, dello zio Ugo, fratello di mio papà. Era la prima macchina che si vedeva in famiglia. Quante scampagnate con quella Fiat 850.
Al massimo potevano starci 4o5 persone ma noi, riuscivamo a starci in 8. Dietro salivano la mamma con la zia Teresa, mio fratello Roberto e i miei due cugini Maurizio e Luciano. Davanti, lo zio Ugo che guidava, era lui che aveva la patente, mio papà ed io sul sedile a fianco.
Oggi, molto probabilmente, ci avrebbero arrestati tutti. Ma in quegli anni non c'erano ancora i controlli odierni e il traffico era insignificante paragonato ad oggi.
Ogni tanto lo zio Ugo urlava : “Giù la testa” ed io mi nascondevo raggomitolato davanti alle gambe di papà. Dopo un po' lo zio dava il via libera e ritornavo seduto sulle gambe di papà.
Quando si arrivava scendevamo tutti e lo zio Ugo mi permetteva di sedere sul posto guida. Prendevo tra le mani il volante, con la bocca imitavo il rumore del motore e...partivo con la f…

Quando ero bambino

Ricordo ancora, come fosse ieri, quando la mamma doveva uscire di casa per fare le compere [ pane-latte-frutta-verdura ecc. ] lasciandomi a casa solo con mio fratello più piccolo Roberto.
Prima di uscire mi diceva sempre: “Mi raccomando Renato stai attento a Roberto, faccio presto, ciao”Presto o tardi per me quando lei non c'era, il tempo era sempre troppo lungo. A mio fratello Roberto sembrava non creasse tanto disagio. Lui mi guardava, rideva e mi chiedeva di giocare.
Io per un po' di tempo giocavo con lui poi la mamma non arrivava e mi prendeva l'agitazione. Non avevo la concezione di quanto tempo fosse passato da quando lei era uscita. Lasciavo il gioco e mio fratello e andavo alla finestra del bagno. La aprivo e guardavo la strada aspettando di vedere arrivare la mamma.
Mio fratello, intanto, mi tirava per le brache corte dicendomi: “Uffa torna a giocare con me, dai” Io non lo ascoltavo e guardavo sempre la strada poi...eccola la vedevo arrivare camminando con la borsa d…

Jethro Tull

Immagine

Sensibilità

Tutti gli artisti, siano essi poeti, musicisti o pittori, creano perché gli manca una gamba e cercano di ritrovarla attraverso l’arte. Vale anche per me e anche per mio padre, la cui feroce sensibilità non si è mai placata. Saliva sul palco con la bottiglia di Glen Grant e ti coinvolgeva nel suo dolore fino a farti piangere.
Cristiano De Andrè

Dio esiste?

“Dopo Auschwitz,il cancroè la prova che Dio non esiste”.L’oncologo del doloredice che “diventa molto difficile identificarlo come una manifestazione del volere di Dio. Ho pensato spesso che il chirurgo, e soprattutto il chirurgo oncologo, abbia in effetti un rapporto speciale con il male. Il bisturi che affonda nel corpo di un uomo o di una donna lo ritiene lontano dalla metafisica del dolore.
In sala operatoria, quando il paziente si addormenta, è a te che affida la sua vita. L’ultimo sguardo di paura o di fiducia è per te. E tu, chirurgo, non puoi pensare che un angelo custode guidi la tua mano quando incidi e inizi l’operazione, quando in pochi istanti devo decidere cosa fare, quando asportare, come fermare un’emorragia”.Umberto Veronesi
“la scienza non ha mai scoperto nulla che sia in contrasto con l’esistenza di Dio. L’ateismo, quindi, non è un atto di rigore logico teorico, ma un atto di fede nel nulla….
Ci sei solo tu in quei momenti, solo con la tua capacità, la tua concentrazi…

John Mayer

Il modo migliore

Il modo migliore per venirne fuori è sempre buttarsi dentro.Robert Frost

Backman Turner Overdrive

Immagine

Conflitto

Il conflitto ha molte facce, arriva in molti modi diversi. A te però la scelta, o lo accetti o lo ignori.Wu Ming 4

Ry Cooder

Immagine

La realtà del capitalismo

Tutto quello che ci faceva paura del comunismo – che avremmo perso le nostre case e i nostri risparmi, che ci avrebbero costretto a lavorare tutto il tempo per un salario scarso e che non avremmo avuto alcuna voce contro il sistema – è diventato realtà grazie al capitalismo.
Jeff Sparrow

Fbc Unione Venezia: L'Albinoleffe cade al Penzo.

Venezia-Albinoleleffe 2-0 Campionato Nazionale Lega Pro Girone A -13^ Giornata-Il Venezia nell'anticipo di oggi alle ore 15 al Penzo di Sant'Elena cercava la terza vittoria consecutiva della gestione Serena. Per contro l'Albinoleffe era invece alla ricerca di un risultato positivo per tirarsi fuori dai bassifondi della classifica. Esordisce sulla panchina degli ospiti il nuovo allenatore Roberto Bonazzi, chiamato ad avvicendare Alessio Pala, esonerato dopo la sconfitta per 1-2 contro il Real Vicenza.“
Meno di sei minuti: questo il tempo che impiega l’Unione Venezia per segnare la prima rete (6’): dopo un’azione insistita Esposito riesce a crossare dalla sinistra, trova la testa di Greco che insacca, è già 1-0. La squadra di casa vola sulle ali dell’entusiasmo e dopo pochi minuti di gioco va vicina al raddoppio: è ancora una volta Greco ad impensierire la difesa quando centra la porta con un colpo di testa e Geroni compie il miracolo salvando sulla linea. Altra occasione da …

Gentle Giant

Immagine

Accusare

Quando state puntando un dito per condannare, accusare, e biasimare qualcun altro dimenticate che tre dita sono puntate indietro verso di voi.Kay Pollak

Talk show

Saturazione. I talk show si sono retti, per tutti questi anni, sull’attrazione che esercita la rissa. Se uno passa per strada e vede tre ubriachi che litigano si ferma incuriosito a guardare. Ecco, più o meno la stessa logica ha sorretto i talk show: non è vero che servono a capire la situazione, a chiarire i dettagli di quello che ci sta succedendo.Corrado Augias

Gary Moore

Immagine

Waterboys

Immagine

Quando prenderò in considerazione di fare jogging

La prima volta che vedrò sorridere una persona mentre fa jogging, prenderò in considerazione l’idea di praticarlo.Joan Rivers

La saga famigliare del sig. Giulio (ripubblicazione)

Ripubblicazione del primo post della saga famigliare della “famiglia del sig.Giulio”. Pubblicato nel blog per la prima volta il 28 ottobre 2009. Racconta le origini della “famiglia” dove la cosa da esporre è il “proprio modello” imparagonabile e irraggiungibile da nessun altro “modello famigliare” per poi, amaramente constatarne il fallimento.
La famiglia era originaria di Milano e da poco si era trasferita dal centro alla periferia della città all’inizio degli anni ’70 in una ex strada di campagna in quel periodo già completamente urbanizzata. Una piccola palazzina qualunque, due piani: piano terra abitato dalla famiglia, 70 metri quadrati, cinque persone, piano superiore abitato da una signora anziana sola accudita ogni tanto dal figlio.
Una vita qualunque caratterizzata dalla convinzione di essere la famiglia modello. Tre sorelle, indaffarate nei loro interessi, Virginia, la più vecchia, taciturna, insofferente del rigido clima familiare, soprannominata la Sfinge, Clara, la mezzana,…

Roy Brown

Immagine

Non vedo altro modo libero e pulito di andare

Perciò ognuno, come singola persona, è responsabile nei confronti delle proprie azioni, della propria vita e dei propri sogni. Se una cosa ti va bene, ci stai, altrimenti no. Se in un posto ti trovi bene ci stai, se non ti trovi più bene non chiedi agli altri di andarsene, te ne vai tu. Se una cosa ti fa andare avanti, vai avanti con quella, se no vai per un’altra strada senza rompere i coglioni a nessuno. Se rimani da solo, pazienza. Non è una cosa di cui vergognarsi. Se trovi degli altri con cui condividere i tuoi sogni e le tue aspirazioni, vai avanti con quelli e ti inventi qualcosa. Non vedo altro modo libero e pulito di andare.Antonio Moresco

Arctic Monkeys

Immagine

Natale in famiglia, a casa del sig. Giulio

Si sta avvicinando il Natale. Un mese e poco più. Rivado a pubblicare uno dei miei brevi racconti per me più significativi. Un quadro di piccola borghesia, dalle nostre parti si dice “peoci refai” dove emerge tutta la falsita', mista alla presa in giro, di certi personaggi che fanno parte principale nel racconto. L'ho pubblicato per la prima volta nel blog il 1 Novembre di 3 anni fa. Lo ripubblico oggi perché è talmente [veritiero] che rappresenta molte famiglie, cosidette normali, nel giorno della festa di Natale.
Come ogni anno quando si avvicina il Natale a casa del sig.Giulio c’è sempre quella atmosfera particolare del volerci bene. Elena, la più giovane delle tre sorelle, ha da poco conosciuto Claudio. Tutto è nato senza che la cosa sembrasse potesse essere. In quel garage usato da Claudio e amici trasformato in un luogo di ritrovo. Non ne potevano più di trovarsi alla sera al bar senza un po’ di intimità con la presenza di altre persone che non conoscevano e con la necess…

Che i nostri sogni diventino realtà

Il mio compenso: provo gioia nella consapevolezza dei miei limiti e spendere la mia vita nel costruire dignità e speranza.Il mio dissenso: Siamo sommersi dall’inganno delle parole, tutti parliamo di giustizia e di pace ma tra il dire e il fare…Il mio consenso: Che i nostri sogni diventino responsabilità.
Don Luigi Ciotti

Ram Jam

Immagine

Ci estromettiamo sempre

Tutti ce l’abbiamo con la gente… Come se non ne fossimo parte, ci si estromette sempre!Michele 'Caparezza' Salvemini

Qualcuno è sulla terra per volontà divina e qualcun altro invece per puro caso.

L’autoaffermazione di un mondo sfaccettato rende inconsistenti i tentativi di guardare dall’alto chi ci circonda e di voler insegnare agli altri la «propria» democrazia. Senza parlare del fatto che i valori democratici in «versione esportazione» in genere si deprezzano molto rapidamente.
Cosicché il discorso verte su una unità nella diversità. Se constatiamo tale realtà a livello politico, se confermiamo che ci atteniamo alla libertà di scelta, verranno a cadere anche le concezioni secondo cui qualcuno è sulla terra per «volontà divina» e qualcun altro invece per puro caso.
Michail Gorbacev

Fbc Unione Venezia: Espugnato il campo dell'Arezzo

Arezzo-Venezia 0-2 Campionato Nazionale Lega PRO Girone A – 12^ Giornata
Il Venezia passa ad Arezzo (07/11/2014) grazie alle reti di Magnaghi e Marino raggiungendo così gli amaranto toscani in classifica. Il primo gol dei lagunari in avvio di partita, con un bel sinistro dell'attaccante al quinto centro stagionale. I padroni di casa reagiscono sfiorando il pareggio con Erpen, ma nella ripresa sono nuovamente sorpresi dal difensore Marino che fissa il risultato sullo 0-2.
La partita si accende molto presto e al 4’ è una rovesciata di Montini a preoccupare Fortunato; risponde prontamente il Venezia che al 6’ concretizza la sua prima occasione da gol: Magnaghi riceve palla e spara una gran botta da fuori area sotto l’incrocio, portando la propria squadra in vantaggio. L’Arezzo tuttavia non sembra abbattuto dal gol subito e continua a spingere alla ricerca del pareggio: è molto ghiotta l’occasione che si presenta ad Erpen, il quale spreca malamente calciando alto sopra la traversa dal …