Passa ai contenuti principali

Quando ero bambino

Ricordo ancora, come fosse ieri, quando la mamma doveva uscire di casa per fare le compere [ pane-latte-frutta-verdura ecc. ] lasciandomi a casa solo con mio fratello più piccolo Roberto.

Prima di uscire mi diceva sempre: “Mi raccomando Renato stai attento a Roberto, faccio presto, ciao”
Presto o tardi per me quando lei non c'era, il tempo era sempre troppo lungo. A mio fratello Roberto sembrava non creasse tanto disagio. Lui mi guardava, rideva e mi chiedeva di giocare.

Io per un po' di tempo giocavo con lui poi la mamma non arrivava e mi prendeva l'agitazione. Non avevo la concezione di quanto tempo fosse passato da quando lei era uscita. Lasciavo il gioco e mio fratello e andavo alla finestra del bagno. La aprivo e guardavo la strada aspettando di vedere arrivare la mamma.

Mio fratello, intanto, mi tirava per le brache corte dicendomi: “Uffa torna a giocare con me, dai” Io non lo ascoltavo e guardavo sempre la strada poi...eccola la vedevo arrivare camminando con la borsa della spesa piena.
Richiudevo in fretta la finestra ed esaudivo le richieste di mio fratello ritornando a giocare con lui.

Quando sentivo girare la chiave e aprirsi la porta era finita la mia agitazione.
Tutto bene Renato?”
Si tutto bene mamma”
Non è vero” diceva mio fratello
Non ha mai voluto giocare con me. Era sempre alla finestra del bagno a guardare la strada”
Non è vero mamma” dicevo io mentendo.

E la mamma rideva prendendomi in giro. Rideva anche mio fratello e alla fine ridevo anch'io ed ero felice.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines