Passa ai contenuti principali

La Fiat 850 dello zio Ugo

Ricordo ancora, come fosse ieri, la Fiat 850 beige, dello zio Ugo, fratello di mio papà. Era la prima macchina che si vedeva in famiglia. Quante scampagnate con quella Fiat 850.

Al massimo potevano starci 4o5 persone ma noi, riuscivamo a starci in 8. Dietro salivano la mamma con la zia Teresa, mio fratello Roberto e i miei due cugini Maurizio e Luciano. Davanti, lo zio Ugo che guidava, era lui che aveva la patente, mio papà ed io sul sedile a fianco.

Oggi, molto probabilmente, ci avrebbero arrestati tutti. Ma in quegli anni non c'erano ancora i controlli odierni e il traffico era insignificante paragonato ad oggi.

Ogni tanto lo zio Ugo urlava : “Giù la testa” ed io mi nascondevo raggomitolato davanti alle gambe di papà. Dopo un po' lo zio dava il via libera e ritornavo seduto sulle gambe di papà.

Quando si arrivava scendevamo tutti e lo zio Ugo mi permetteva di sedere sul posto guida. Prendevo tra le mani il volante, con la bocca imitavo il rumore del motore e...partivo con la fantasia 

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines