Passa ai contenuti principali

IL TARLO

Non sono l’acrobata esperto,  
il mio piede vacilla sul filo
dell’incostanza.

Viaggio nelle tentazioni.
Il respiro preme il mio sterno,
confuse visioni s’aggrovigliano
nella mente.
Il demone dell’inganno
mi tira nella sua palude.
In queste acque
mi infango di tenebre.

La faccia dipinta di vergogna
si riflette nel gioco
degli specchi.

Mi addentro in una grotta bieca,
fuoriesco con la dignità in frantumi.
Dov’è la ragione?
Gaudente, intravedo appena
la fiaccola della logica.

Prima che la burrasca arrivi,
raccogli le mie bugie
e mischiale alle tue verità.

Non voglio più indignarmi
dell’altro mio
volto.

Porgimi la ghigliottina,
devo decapitare
il tarlo che mi tormenta:
è tempo di luce.
Salvatore Minitello

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines