Passa ai contenuti principali

FBC UNIONE VENEZIA: Ritorno alla vittoria

Venezia-Giana Erminio 2-1 Campionato Nazionale Lega Pro1 Girone A – 11^ Giornata -
Dopo quattro sconfitte consecutive il Venezia doveva aveva davvero bisogno di vincere oggi al Penzo contro il Giana Erminio, squadra compatta e sopra di tre punti in classifica agli arancioneroverdi, a quota 10.
Il match inizia con un minuto di silenzio in memoria di B. Cicogna, ex giocatore del Venezia, che giocherà la partita con il lutto al braccio.
La prima mezz'ora di gioco è soprattutto dedicata allo studio reciproco, un anglo per i lagunari al 20^e l'azione più pericolosa creata fino a quel momento.
Al Venezia basta però la prima vera occasione da rete per passare in vantaggio, lo fa al 29^ lancio dalla centrocampo raccolto da Marino, che spizza la palla di testa e insacca. Passano ancora pochi minuti e il Venezia è ancora in avanti, quasi ottiene il raddoppio con una mischia in area che non sortisce l'effetto desiderato.
All'inizio del secondo tempo si percepisce nell'aria che un secondo gol è in arrivo, la squadra sale bene e continua ad attaccare: incursione di Greco che libera Raimondi di tacco, l'attaccante segna con un buon diagonale; siamo al 51^.
Il Venezia vola sulle ali dell'entusiasmo e inizia a calare la concentrazione: è molto ingenuo il fallo di trattenuta ad opera di Legati, che offre così al Giana la possibilità di riaprire la partita con un calcio di rigore. Recino spiazza Fortunato: al 56^ 2-1.
Il gol subito sveglia gli arancioneroverdi che ricominciano a costruire azioni offensive con lucidità ed a tenere il pallino del gioco.
Al Giana non bastano 4 minuti di recupero e due punizioni a distanza ravvicinata per ottenere il pareggio.
Sale così a 13 punti la squadra di mr Serena, che finalmente interrompe la striscia negativa.

Venezia-Giana Erminio 2-1
Reti: 29^ pt. Marino (UV), 51^st. Raimondi (UV), 56 st. Recino (GE) su c.r.
Arbitro: Sig. Daniele Viotti di Tivoli  

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines