Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2014

Quaranta anni fa Kinshasa

Chi siamo veramente?

La libertà non è la libertà di scelta. La grande e vera libertà inizia quando finiscono le scelte. È la libertà di essere se stessi, non di scegliere tra due dentifrici, ma di essere se stessi. Il problema è sapere chi si è veramente. TizianoTerzani

Buonanotte papà

Era una sera di vigilia di Natale di tanti, tanti anni fa. Mamma era al lavello che lavava i piatti, una fioca luce illuminava la cucina. Io ero seduto al tavolo e stavo disegnando mentre dalla finestra si vedeva scendere la neve. Tutto intorno silenzio rotto solo dal cadenzare dell'orologio a cucù. Il papà lo stavamo aspettando che tornasse a casa dal lavoro mentre mio fratello più piccolo era già a letto che dormiva. Poi, dal silenzio, un rumore di chiavi, il giro della serratura, la porta si apre ed arriva papà. Lascio il tavolo lo accolgo con un abbraccio, lui mi accarezza e mi accompagna a letto. Buonanotte papà, buonanotte di tanti, tanti anni fa.

Nessuna famiglia senza casa, nessun contadino senza terra, nessun lavoratore senza diritti, nessuna persona senza la dignità che da il lavoro

«Diciamo insieme con il cuore: nessuna famiglia senza tetto, nessun contadino senza terra, nessun lavoratore senza diritti, nessuna persona senza la dignità del lavoro!» «Non si può affrontare lo scandalo della povertà promuovendo strategie di contenimento che unicamente tranquillizzano e trasformano i poveri in esseri addomesticati e inoffensivi. Che triste vedere che, dietro a presunte opere altruistiche, si riduce l’altro alla passività, lo si nega o, peggio ancora, si nascondono affari e ambizioni personali: Gesù le definirebbe ipocrite. Che bello invece quando vediamo in movimento popoli e soprattutto i loro membri più poveri e i giovani. Allora sì, si sente il vento di promessa che ravviva la speranza di un mondo migliore. Che questo vento si trasformi in uragano di speranza. Questo è il mio desiderio. Questo nostro incontro risponde a un anelito molto concreto, qualcosa che qualsiasi padre, qualsiasi madre, vuole per i propri figli; un anelito che dovrebbe essere alla portata di …

U2

Il destino

“Il destino è una buona cosa da accettare quando ti viene incontro. Quando non è così, non chiamarlo destino; chiamalo ingiustizia, tradimento, o semplicemente cattiva fortuna.” Joseph Heller

System of a Down

Giacomo Leopardi...I canti

... E tu, lenta ginestra,
che di selve odorate
queste campagne dispogliate adorni,
anche tu presto alla crudel possanza
soccomberai del sotterraneo foco,
che ritornando al loco
giá noto, stenderà l’avaro lembo
su tue molli foreste. E piegherai
sotto il fascio mortal non renitente
il tuo capo innocente:
ma non piegato insino allora indarno
codardamente supplicando innanzi
al futuro oppressor. Giacomo Leopardi

Le trincee del Carso

Johnny Hiland

Migrazione da Wind Infostrada a Telecom Italia

Dopo un po' che ci pensavo e dopo il contatto di una agenzia di Telecom Italia ho preso la decisione e ho acconsentito al rientro dalla mamma delle nostre telecomunicazioni. Mi ha fatto decidere il servizio di Adsl lento che non mi dava le soddisfazioni che mi aspettavo. Ho aderito ad Alice Tutto incluso in promozione per un anno a €29,00/mese. Era verso la fine del mese di settembre e dopo pochi giorni, il 2 ottobre, è intervenuto il tecnico di Telecom Italia per predisporre il cavo di collegamento. Passano quindici giorni e si arriva al venerdì sera 17 ottobre quando, mi trovo improvvisamente senza linea voce e senza linea internet. Chiamo immediatamente il servizio 187 di Telecom Italia che mi informa che sono in corso le operazioni di migrazione e che entro 24 ore tutto sarà sistemato. Non sto a raccontarvi tutto le vicissitudini a cui sono stato sottoposto ma, le 24 ore sono diventate 11 GIORNI. Ad oggi 28 ottobre non ho ancora il servizio voce funzionante, il servizio dati (inter…

Fbc Unione Venezia: Ennesima sconfitta

Cremonese-Venezia 2-1 Campionato Nazionale Lega Pro 1 – Girone A – 10^ Giornata Cambio di allenatore nell'undici lagunare (da Dal Canto a Michele Serena) ma, il risultato non cambia, un'altra sconfitta. I primi 25 minuti della partita trascorrono senza nessuna occasione da gol, le squadre si studiano e i portieri restano inoperosi. L'equilibrio della partita si spezza la 31^ del primo tempo e la compagine arancioneroverde si porta in vantaggio con un gol di Raimondi che insacca all'altezza del secondo palo. La squadra corre ad abbracciare il nuovo allenatore, segno positivo di unione entro lo spogliatoio veneziano. La Cremonese continua a subire in contropiede, ma è fortunata in più occasioni: l’Unione Venezia infatti crea ma manca in freddezza davanti alla porta avversaria. Pochissimi minuti allo scadere della prima frazione di gara, ma c’è ancora tempo per un gol:Sales spinge Kirilov in area e con grande ingenuità regala il rigore alla squadra di casa.Segna Jadid in pi…

Quarto Profilo

Jack Bruce

Colpa loro...la scelta più agevole per un ignavo

La vita è responsabilità. E invece stiamo facendo appassire la nostra vita, il nostro futuro nell’eterna assoluzione di noi stessi. La colpa è sempre degli altri: di chi è al governo o al municipio, della dottoressa dell’Asl, del vigile urbano. La colpa è del geometra. Siamo poveri per colpa degli altri, stiamo male per colpa degli altri. Colpa loro: la scelta più agevole per un ignavo. L’indice puntato. Ascanio Celestini

Lucio Dalla

Ci sono cose tante cose che mi riempiono

Sono stupito deluso, e contento di me, sono afflitto depresso ed entusiasta.
Sono tutte queste cose insieme e non so tirare le somme.
Sono incapace di stabilire se alla fine valgo o non valgo,
non ho un giudizio da dare su me stesso e sulla mia vita.
Non c’è nulla di cui mi senta veramente sicuro.
Quando Lao Tzu afferma, “Tutti sono chiari e io sono offuscato”,
esprime quello che provo io ora;
nella mia vecchiaia e nella mia età avanzata.
Eppure ci sono così tante cose che mi riempiono:
le piante, gli animali, le nuvole, il giorno e la notte,
e l’eterno che è nell’uomo.
Quanto più mi sono sentito insicuro di me stesso,
tanto più è cresciuto in me un senso di affinità con tutte le cose.
Anzi, è come se quel senso di alienazione,
che per tanto tempo mi ha separato dal mondo,
si fosse adesso trasferito nel mio mondo interiore,
rivelandomi una insospettata estraneità a me stesso. Carl Gustav Jung

Fbc Unione Venezia: Ennesima sconfitta casalinga. Esonerato mister Dal Canto

Campionato Nazionale Lega Pro 1 Girone A – 9 Giornata - Venezia- Novara 1-2
Ancora un tonfo, ancora in casa: l'Unione Venezia esce sconfitta  dal Penzo per 1-2 contro il Novara e l'allenatore Alessandro Dal Canto viene esonerato. Il match è stato dominato dai piemontesi, altra squadra in fase di difficoltà e che con questa vittoria si rilancia in campionato. La sconfitta interna di domenica è fatale ad Alessandro Dal Canto, sulla panchina arancioneroverde dall'estate del 2013. Dalla curva erano volati cori contro l'allenatore ed era apparso uno striscione eloquente: "Dal Canto vattene". In sala stampa a fine match si è presentato il direttore sportivo Ivone De Franceschi: "Mi assumo la responsabilità della decisione dell'esonero di Alessandro Dal Canto - La società F.B.C. Unione Venezia comunica di aver trovato l’accordo con il sig. Michele Serena che ricoprirà l’incarico di allenatore della prima squadra. Si è tenuta oggi alle 14.30 nella sede societari…

Fare delle scelte

Scelgo di vivere per scelta e non per caso. Scelgo di fare dei cambiamenti, anzichè avere delle scuse. Scelgo di essere motivata non manipolata. Scelgo di essere utile, non usata. Scelgo l’autostima, non l’autocommiserazione. Scelgo di eccellere, non di competere. Scelgo di ascoltare la voce interiore, e non l’opinione casuale della gente. Eileen Caddy

Robert Plant

Il mio intento

Il mio intento, quando scrivo un libro, è di svegliare qualcuno, di fustigarlo. Un libro deve sconvolgere tutto, rimettere ogni cosa in discussione. Un libro che lascia il lettore uguale a com’era prima di leggerlo, è un libro fallito. Emil Cioran

Il Piave e le ultime azioni

The Farm Band

Mikey Baker

Antologia Grande Guerra

Buddy Guy

Nessuno può evitare di fare errori; la cosa grande è imparare da essi

Evitare errori è un ideale meschino. Se non osiamo affrontare problemi che sono così difficili da rendere l’errore quasi inevitabile, non vi sarà allora sviluppo della conoscenza. In effetti, è dalle nostre più teorie più ardite, incluse quelle che sono erronee, che noi impariamo di più. Nessuno può evitare di fare errori; la cosa grande è imparare da essi. Karl Popper

Fbc Unione Venezia: Altra sconfitta casalinga

Venezia-Monza 0-1 Campionato Nazionale Lega Pro Girone A – 8^ Giornata- Certamente in ritardo il commento della partita ma, dovevo sbollire la rabbia di una ennesima prova casalinga incolore dell'undici arancioneroverde. Proprio in casa, il Venezia sperava di rifarsi dallo scivolone di Vicenza contro il Real Vicenza (2-0). La squadra parte anche bene creando, nel primo tempo, più di un'occasione da gol ma si torna negli spogliatoi sullo 0-0. Al 17' del secondo tempo il Monza passa inaspettatamente in vantaggio grazie a un ottimo tiro di Margiotta che insacca dopo aver scheggiato il palo ed infilato il pallone appena sotto il sette. I lagunari hanno cercato ripetutamente il pari soprattutto in contropiede ma la difesa del Monza ha retto e a nulla è valso che mister Dal Canto giochi tutti i cambi a disposizione. Squadra priva di lucidità e di organizzazione della manovra. L'assalto finale durante il recupero è sterile ed inconcludente e al 94 l'arbitro fischia la fine de…

Dave Weckl with Oz Noy

Van Joy

Parco tematico della Grande Guerra - Valbruna- (UD)

Bisogna sempre contare solo su stessi

Mi sono convinto che anche quando tutto è o pare perduto, bisogna rimettersi tranquillamente all’opera, ricominciando dall’inizio. Mi sono convinto che bisogna sempre contare solo su se stessi e sulle proprie forze, non attendersi niente da nessuno e quindi non procurarsi delusioni. Che occorre proporsi di fare solo ciò che si sa e si può fare e andare per la propria via. Antonio Gramsci

Operaio o borghese?

Sono nuovamente colpito dal fatto che un operaio, non appena fa carriera nei sindacati o si interessa alla politica laburista, diventa, lo voglia o no, un borghese. È così: combattendo la borghesia, ne assume l’aspetto. George Orwell

Jorge Vistel

Equità

La politica è l'arte di impedire alla gente di  impicciarsi  di ciò che la riguarda Paul Valèry

9 Ottobre 1963

Sons Of The East

vermicelli alla campolattaro

Avete mai sentito parlare di Don Emilio Capomazza, Marchese di Campolattaro? Fù sindaco di Napoli e deputato al parlamento non disedegnando di coltivare la più prosaica delle arti, l'arte culinaria. Ho scoperto che ha inventato una gustosa ricetta che vi riporto qui sotto:
Ingredienti per 4 persone: 400 gr di vermicelli 40 gr di acciughe 150 gr di tonno sott'olio 150 gr di brodo di carne 2 cucchiai di olio d'oliva Pepe; prezzemolo; sale e burro qb
Lavare e spinare le acciughe, poi tritarle finemente insieme al tonno e passare il tutto al frullatore con l'aiuto di un po' di brodo. Mettere il composto ottenuto in una padella, aggiungere il resto del brodo e il pepe. Fate cuocere a fuoco basso finchè la salsa non si sarà addensata. Cuocere i vermicelli in abbondante acqua salata, scolarli e condirli con il burro, l'olio e il prezzemolo. Versateli nella padella con la salsa di tonno e acciughe, rigirandoli per qualche minuto su fuoco molto basso, affinchè si amalgami ben…

4 Novembre 1918

Novantasei anni fa mancavano 27 giorni 
alla fine della prima guerra mondiale

Bruce Bowser

Il nuovo acquisto della Rubentus

Era una notte che pioveva

Jack E Lee

FBC Unione Venezia: Le veloci dalla sala stampa

Real Vicenza-Venezia 2-0 Campionato Nazionale Lega Pro girone A – 7^ Giornata -
Arbitro: Sig.Lanza di Nichelino Gol: 45^ pt. Salvatore (RV) su c.di rigore, 71^ st. Picccini (RV)
Mister Dal Canto: “siamo stati ingenui, dopo aver subito il calcio di rigore ed essere rimasti in 10, non siamo stati pericolosi sotto porta anche se la reazione ad inizio del secondo tempo c’è stata e abbiamo tentato di fare quello che dovevamo. L’aspetto più negativo di questa sera è sicuramente l’andamento altalenante che non può assolutamente essere il percorso di una squadra che vuole fare un campionato importante. Dobbiamo essere più attenti sugli episodi perchè anche stasera abbiamo preso il goal del 2-0 sull’unico tiro in porta del secondo tempo, su questo dobbiamo ancora lavorare molto.”
Mister Marcolini: “quella di oggi era una sfida che sentivo molto perché ero consapevole che avremmo affrontato una squadra forte. L’Unione Venezia è partita meglio di noi, all’inizio ci pressavano alto e facevamo fatica …

per chi vive ma non sa vivere

Prima di giudicare la mia vita o il mio carattere mettiti le mie scarpe, percorri il cammino che ho percorso io. Vivi i miei dolori, i miei dubbi, le mie risate. Vivi gli anni che ho vissuto io e cadi là dove sono caduto io e rialzati come ho fatto io. Luigi Pirandello  

Say Hi

Quando eravamo giovani

Giardini di Villa Pisani a Strà (VE). Forse 1978-79. Mia moglie  Carla è la seconda partendo da sinistra io sono il terzo  appena dietro di lei. Bei tempi...

RUBENTUS...SEMPRE E COMUNQUE!!!

Accettiamo il risultato, ma tre gol irregolari!!!!
Quanto falso è Allegri ha pianto per tre anni sul gol di Muntari...e adesso che è passato dalla parte dei disonesti è riduttivo ridurre tutto sulle colpe dell'arbitro...VERGOGNATI INCAPACE!!!

Esseri umani liberi

Non c’è democrazia senza educazione, non c’è società realmente libertaria e illuminata fin quando il fine della produzione è una produzione di beni e non di esseri umani liberi, reciprocamente associati in condizioni di uguaglianza, in cui non si è solo spettatori ma partecipi. Noam Chomsky

Jessie Ware

Le cose più belle sono le meno riconusciute

Tutto è importante. Che qualcuno accenda la luce, raccolga la carta buttata a terra, ascolti la storia ripetuta più volte, pieghi la biancheria, giochi secondo le regole, dica le cose come stanno, resista alle tentazioni, pulisca il bancone, aspetti a attraversare col giallo, si congratuli per le vittorie, accetti le conseguenze, prenda le parti di qualcuno, vada per primo, vada per ultimo, scelga il pezzo più piccolo, stia vicino a chi muore, conforti chi sta male, tiri via una scheggia da un dito, asciughi una lacrima, dia indicazioni a chi si è perso, tocchi chi è solo. Le cose più belle sono le meno riconosciute. Laura McBride

Il “curriculum”

Sono nata in un paese di provincia nella pianura padana dove, d'inverno la nebbia ti raffredda le ossa e, d'estate l'afa ti toglie il respiro. Il mio quartiere si trovava alla periferia della città e doveva diventare un modello di urbanizzazione, case basse, viali alberati, giardini attrezzati invece, si sa come vanno a finire le belle promesse, urbanizzazione selvaggia, palazzi a più piani, traffico e poco verde. Ecco, io sono nata in uno di quei palazzoni dall'aspetto anonimo,con i sottoportici e i negozi, il supermercato, l'ufficio postale, la banca e le automobili a parcheggio. Non vi dirò il nome del quartiere ma, poco tempo fa, i quotidiani locali lo hanno paragonato al Bronx. Non era sicuramente l'ambiente naturale per la mia famiglia ma, agli inizi si sono dovuti accontentare. Certamente quel quartiere non lo considero assolutamente mio, anzi, ho i brividi alla schiena pensare chi li sono nata entrandoci senza troppa voglia di farlo, nel senso che non p…

Peter Northcote

I cippi a San Michele al Carso

Camel

John Mayer

Voi volete essere l'unica eccezione?

Da sempre scrivo sulla disastrosa situazione dei servizi sociali rivolta ai diversamente abili acquisiti, cercando sempre invano di responsabilizzare i professionisti del settore e non solo. La triste realtà è che siamo nella “mxxxa” e il problema è che quando si deve fare un report su qualcosa che si è non solo vissuto ma anche subito, si rischia gioco forza di essere pacchiani, stucchevoli, autoreferenziali e poco lucidi e obiettivi. Se conoscete il libro “Cuore” di Edmondo De Amicis, una sorta di “Appennini alle Ande” o “Il piccolo scrivano fiorentino”. Tutti i familiari che entrano nel mondo della disabilità a causa di un “qualcosa” che ha cambiato il modo di vivere e la stessa persona di un proprio caro vivono l'esperienza molto preoccupati, a volte in maniera disperata, in altri casi semplicemente abbattuta o scoraggiata, ma tutti cercano la risposta alla seguente domanda : “Quale sarà il futuro nostro e del nostro caro?” “E quando noi non ci saremo più?” “Lui ce la farà?”���…

Domandona...

Domandona: ma se uno riceve gli 80 euro perché sta sotto i 1.500 euro mensili e poi riceve anche l'anticipo sul Tfr; diciamo di 30 euro, coi quali però supererà i 1.500 euro mensili, le signorine cuorinfranti addette alla contabilità renziana, toglieranno gli 80 euro? Faranno finta di niente? Oppure aumenteranno di un punto la Tasi, di mezza aliquota l’Imu, per poi andare in pari con un gratta e vinci? Leggi l'articolo http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/10/02/tfr-80-euro-gratta-e-vinci-e-tutto-un-talk-show/1140848/

Dobbie Brothers

Blue Rodeo