Passa ai contenuti principali

Per grazia ricevuta

L'assenza è molto più sentita della presenza. Eppure io sentivo più la loro presenza.
Ritengo che la presenza è come costruire insieme qualcosa, mattone dopo mattone, sasso dopo sasso, impercettibili piccoli gesti quotidiani che a lungo termine diventano evidenti, ma mai mentre li vivi.
Niente di tutto ciò se non l'ingombrante fardello dei loro gesti.
Come far crollare quel muro che con tanta fatica avevi cercato di costruire.
E quel senso di inerzia senza risposta e senza spiegazioni.
Solo quel crollo improvviso, un problema di sedie occupate ma vuote, di spazi vuoti che non potevano riempire.
Abbiamo imparato che il contrario dell'amore non è l'odio, ma è l'assenza.
Assenza di amore, così come il buio è l'assenza di luce.
Ma alla fine che grazia, il miglior dono che potevano farmi è la loro assenza.     

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines