Passa ai contenuti principali

Melanzane al funghetto

Le melanzane al funghetto sono un contorno classico e gustoso per accompagnare le pietanze.
Prepararle è semplice, o con la melanzana lunga o tonda, friggerle e saltarle in padella insieme ai pomodori ramati.
Comunque deciderete di prepararle sono un piatto saporito e profumato che potrete gustare anche da sole accompagnate da fragranti crostoni di pane.

Ingredienti per 4 persone:
Melanzane 500 gr
Pomodori ramati 550 gr
Aglio 1 spicchio
Basilico 6 foglie
sale q.b.
Olio di oliva exravergine q.b

Si inizia lavado le melanzane, quindi eliminiamo con un coltello l'estremità e la parte finale, per poi tagliarle a fette di circa 1 cm nel senso della lunghezza. Le dividiamo poi in striscie e ne ricaviamo dei dadini di 1,5 cm di lato.
Laviamo accuratamente i pomodori, togliamo il picciolo e con un coltellino scaviamo per eleiminare la parte verde.
Quindi riduciamo i pomodori in fette piuttosto spesse e poi a dadini
Su di una padella capiente, versiamo dell'abbondante olio e quando sarà ben caldo, aggiungiamo le melanzane: friggiamo per circa 10 minuti, girandole perchè si dorino uniformemente. Con una schiumarola, trasferiamo le melanzane fritte su un vassoio rivestito con carta assorbente per farle scolare.
Nella stessa padella , facciamo dorare uno spicchio d'aglio e appena sarà rosolato lo togliamo e aggiungiamo i pomodori a cubetti.
Spezzettiamo con le mani le foglioline di basilico e le aggiungiamo ai pomodori.
Aggiungiamo anche le melanzane e facciamo insaporire il tutto per circa 10 minuti a fuoco dolce.
Spegniamo il fuoco e gustiamo le nostre melanzane al funghetto tiepide o fredde, come contorno o per insaporire la posta.
Se volete potete aggiungere un po' di peperoncino frasco in cottura.
Buon appetito.

Commenti

  1. Mi hai fatto venire appetito caro Renato e a questo punto ti auguro " Buona cena"...Un abbraccio serale!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

E' l'addio

Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? È il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l'Addio. Ma intanto, ci si proietta in avanti verso una nuova, folle avventura sotto il cielo. Jack Kerouac