Passa ai contenuti principali

Fbc Unione Venezia: News #25

Sono stati davvero tanti i tifosi arancioneroverdi,ieri sera, che si sono dati appuntamento davanti al palco del Festival Show in piazza Ferretto per assistere alla presentazione del Calcio Venezia 2014/15, colorando ed animando il salotto buono di Mestre con cori e bandiere che hanno tinto di arancioverde la piazza.
Anch'io ero tra loro e, in questa atmosfera di festa la rosa e la dirigenza si sono presentati alla città, cogliendo l'occasione per mostrare al proprio pubblico le tre divise che i ragazzi di Alessandro Dal Canto vestiranno per questa stagione, la prima delle tre in cui i lagunari avranno come sponsor tecnico Nike.
Arancione con banda verticale verde la prima, con la variante verde con banda verticale centrale . La seconda bianca colori arancioneroverdi rappresentati nella fascia centrale da tre bande verticali e la terza completamente granata, come quella indossata nella sida di coppa Italia contro il Taranto.
Alessandro Dal Canto è ritornato indietro con la memoria, ricordando come proprio su quel palco abbia festeggiato, 16 anni fa, la storica promozione in Serie A, mentre il direttore sportivo Ivone De Franceschi ha spronato i ragazzi a far tesoro dello splendido sostegno della tifoseria, augurandosi che sappiano ripagare l'affetto dimostrato.
Ha chiuso la presentazione l'intervento del direttore generale Dante Scibilia, che ha ricordato l'importanza dei colori del Venezia e dei valori che esso porta da sempre con sé.
Domani il Venezia debutterà in campionato ospitando al Penzo (ore 14.30) il neopromosso Renate. Intanto è stata uficializzata ieri la novità del ripescaggio del Vicenza come 22.team della serie B, mentre ancora non si sa chi sarà ripescata dalla srie D, anche perchè le pretendenti avranno tempo fino alle 19 di martedì prossimo per presentare la propria candidatura alla risalita in Lega Pro. Sul fronte formazione per il match di domani nessun dubbio, con la conferma del 4-3-3 visto nelle amichevoli e nelle due gare ufficiali di Tim Cup.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines