Passa ai contenuti principali

Il mistero della percezione del tempo

A detta dei fisici e alla base di alcune religioni come il buddismo e l'induismo la nota scansione del tempo in passato, presente e futuro è imprecisa. Il tempo non trascorre, il tempo semplicemnte E'.
Claudia Hammond, nel suo libro, afferma di essere sicura che noi viviamo il tempo come un flusso, non come una stasi.
Perchè man mano che si diventa adulti il tempo accelera sempre di più? Perchè invece rallenta quando si ha la febbre o abbiamo un rifiuto? E perchè il nostro orologio interiore và a una velocità diversa rispetto a quello che abbiamo al polso?
Abbiamo tutti vissuto momenti in cui il tempo si distorge. Quando ci sentiamo in pericolo di morte sembra rallentare. Quando ci divertiamo vola. Col passare degli anni,è come se la vita accelerasse. Ogni anno il Natale arriva prima.. Eppure, da piccoli avevamo l'impressione che le vacanze durassero mesi e mesi.
Il nocciolo di questo libro è l'idea che l'esperienza del tempo sia creata in modo attivo dalla mente. Nella costruzione della percezione temporale sono cruciali svariati fattori: la memoria, la concentrazione, le emozioni e le sensazioni che le radici del tempo affondino nello spazio, in qualche modo.
E' quest'ultimo fattore a permetterci di fare qualcosa di straordinario. Viaggiare nel tempo a nostro piacere, secondo la volontà della mente, percorrendolo in avanti o all'indietro.
Claudia Hammond – Il mistero della percezione del tempo -

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai

[…] mi viene solo in mente quella storia dei fiumi, […] e al fatto che si son messi lì a studiarli perché giustamente non gli tornava 'sta storia che un fiume, dovendo arrivare al mare, ci metteva tutto quel tempo, cioè scelga, deliberatamente, di fare un sacco di curve, invece di puntare dritto allo scopo, […] c'è qualcosa di assurdo in tutte quelle curve, e così si sono messi a studiare la faccenda e quello che hanno scoperto alla fine, c'è da non crederci, è che qualsiasi fiume, […], prima di arrivare al mare fa esattamente una strada tre volte più lunga di quella che farebbe se andasse diritto, sbalorditivo, se ci pensi, ci mette tre volte tanto quello che sarebbe necessario, e tutto a furia di curve, appunto, solo con questo stratagemma delle curve, […] è quello che hanno scoperto con scientifica sicurezza a forza di studiare i fiumi, tutti i fiumi, hanno scoperto che non sono matti, è la loro natura di fiumi che li obbliga a quel girovagare continuo, e perfino esatto…

The Libertines