Come siamo strani

Eppure, come siamo strani! A volte, festeggiamo il tempo che passa, senza neanche aver vissuto ciò che stiamo festeggiando. Poi, la cosa più incredibile è che non viviamo neppure la festa, perché spendiamo tanto di quel tempo a pensare a ieri e domani da dimenticarci che dovremmo vivere oggi.
Isac Randazzo

Commenti

Post popolari in questo blog

Sei un fiume forte, non ti perderai